La prolattina è un ormone prodotto nella ghiandola pituitaria del cervello. Si trova sia in uomini e che donne e, sebbene svolga molte funzioni nel corpo umano, è nota come l’ormone per l’allattamento al seno per il suo ruolo importante nella produzione di latte materno.

Prolattina e produzione di latte materno

La prolattina è l’ormone principale di cui il corpo ha bisogno per preparare il latte materno. Durante la gravidanza, la prolattina prepara il seno per iniziare la produzione del latte. Tuttavia, gli alti livelli di estrogeno e progesterone prodotti dalla placenta impediscono all’ormone di produrre una grande quantità di latte materno maturo.

Quando il bambino nasce e la placenta lascia il corpo, i livelli di estrogeni e progesterone diminuiscono. La diminuzione di questi due ormoni fa salire la prolattina e segnala alle ghiandole che producono il latte nel seno di produrre latte materno. Nei primi giorni dopo la nascita del bambino, questo ormone è responsabile dell’enorme aumento della produzione di latte che spesso causa congestione mammaria mentre il colostro si trasforma nel latte materno transitorio.

Prolattina e allattamento al seno

Dopo la nascita del bambino, il primo aumento della prolattina è quello che avvia la produzione di latte, ma non è sufficiente per mantenere la produzione di latte materno. Per continuare a preparare il latte, è necessario allattare al seno il bambino o pompare artificialmente spesso per attivare la produzione.

Quando il bambino si attacca al seno e pompa il latte materno, i nervi del seno inviano un segnale al cervello per rilasciare gli ormoni dell’ossitocina e della prolattina che dice alle ghiandole del latte del seno di fare più latte materno, e l’ossitocina è responsabile di portare il latte materno dal seno al bambino. Finché la madre continua ad allattare (o pompare) molto spesso, il suo corpo continuerà a rilasciare prolattina e continuerà a fare il latte.

La prolattina è un ormone prodotto nella ghiandola pituitaria del cervello. Si trova sia in uomini e che donne ed è nota come l'ormone...

Come aumentare i bassi livelli di prolattina per ottenere più latte materno

Il modo migliore per aumentare i livelli di prolattina è quello di allattare o pompare molto frequentemente. Quando il bambino è nato, è importante allattare o pompare almeno ogni due o tre ore durante tutto il giorno. Più spesso si stimola il seno, più il cervello rilascerà la prolattina. Ci sono anche alcune erbe, alimenti e farmaci che si può provare per aumentare i livelli di questo e di altri ormoni.

Tuttavia, è importante sottolineare che l’aumento dei livelli di prolattina da solo non è sufficiente per creare un buon apporto di latte materno. La stimolazione del seno e la rimozione del latte materno dal seno è altrettanto importante.

Prolattina e il ritorno del ciclo

Quando una madre sta allattando al seno, i livelli di prolattina sono alti e i livelli di estrogeni sono bassi. La relazione tra questi ormoni mantiene alto il livello di produzione del latte materno e allontana il ritorno del ciclo.

Se la madre allatta esclusivamente al seno, può ritardare il ritorno del ciclo per molti mesi. Se non allatta al seno, o se si sceglie di combinare l’allattamento al seno e l’alimentazione artificiale, i livelli ormonali cambiano in modo da poter vedere il ritorno del ciclo già sei settimane dopo la nascita del bambino.

Quando ritorna il ciclo, più estrogeni e meno prolattina possono influenzare la produzione di latte materno ed è quindi possibile che una volta che il ciclo ritorna, il latte materno resterà basso.

Prolattina e fertilità

La prolattina può anche interferire con la capacità di rimanere incinta di nuovo. Se la madre sta ancora allattando al seno, o ha svezzato il bambino ma sta ancora producendo latte materno, i suoi livelli di prolattina potrebbero essere alti, specialmente se non hai ancora visto il ritorno del ciclo. Quindi, se è pronta per rimanere incinta di nuovo, ma ha problemi a concepire, deve parlare con il medico. Il medico può ordinare un esame del sangue per verificare il livello di prolattina.

La prolattina è un ormone prodotto nella ghiandola pituitaria del cervello. Si trova sia in uomini e che donne ed è nota come l'ormone...

Cose che possono interferire con i livelli di prolattina

Molte cose possono influenzare il livello di prolattina nel corpo. Ecco alcune delle cose che potrebbero interferire con il rilascio durante l’allattamento.

  • Integratori: Se si completa la dieta del bambino con integratori o si dà l’acqua al bambino tra una poppata e l’altra, non si sta segnalando al corpo di rilasciare prolattina.
  • Uso precoce del ciuccio: L’uso di un succhiotto nei primi giorni e nelle settimane di allattamento al seno sostituisce la stimolazione del seno che si otterrebbe se si mettesse il bambino al seno. Più si mette il ​​bambino al seno, più prolattina viene prodotta. Quando il bambino usa un ciuccio, è un’occasione persa per aumentare la prolattina e sostenere un buon apporto di latte materno.
  • Anticoncezionale che contiene estrogeni: quando c’è un cambiamento nell’equilibrio di estrogeni e prolattina, questo può influenzare la fornitura di latte materno. Un anticoncezionale che contiene estrogeni è noto per causare una diminuzione della produzione di latte.
  • Chirurgia del seno: l’intervento al seno eseguito vicino all’areola o al capezzolo può causare danni ai nervi che segnalano al cervello di rilasciare prolattina.
  • Creme anestetiche : una crema anestetica non dovrebbe mai essere usata per trattare i capezzoli irritati. Non solo può intorpidire la bocca del bambino, ma può anche intorpidire i nervi del seno. Se i nervi non possono inviare un segnale al cervello, la prolattina non verrà rilasciata.
  • Fumo: il fumo potrebbe portare a una diminuzione dei livelli di prolattina.
  • Depressione: i livelli di prolattina sono più bassi nelle madri che soffrono di depressione.

Prolattina e la decisione di non allattare al seno

I livelli di prolattina nel corpo sono alti durante la gravidanza e subito dopo la nascita del bambino. Ma dal momento che il corpo rilascia prolattina in risposta alla stimolazione del seno, se non si allatta al seno o pompa il latte materno, i livelli di prolattina inizieranno a scendere. Nelle prime settimane dopo il parto, una madre continua a produrre latte materno e persino a provare l’ingorgo mammario anche se decide che non vuole allattare. Ma, in assenza di allattamento al seno o di pompaggio, la produzione di latte materno rallenterà e alla fine si fermerà.