L’OMS sdogana la Medicina Tradizionale Cinese

Di:   ScienzeMotorie  |  26 Ottobre 2018

Era il 2004 quando un gruppo di circa 20 medici, rappresentanti delle nazioni asiatiche, ha intrapreso uno sforzo enorme per ridurre migliaia di anni di conoscenza della medicina tradizionale cinese in un sistema di classificazione ordinato.

Poiché le pratiche variano notevolmente per regione, i medici trascorsero ore interminabili in riunioni trascinate per anni, discutendo la corretta posizione dei punti di agopuntura e concetti meno comunemente noti come la sindrome del “triplo energizzatore meridiano”. Numerose sono state le scaramucce tra Cina, Giappone, Corea del Sud e altri paesi mentre gareggiavano per ottenere la versione a loro preferita della medicina tradizionale cinese (MTC) inclusa nel catalogo. “Ogni paese era preoccupato di quanti termini o contenuti sarebbero stati selezionati“, dice Choi Seung-hoon, allora consulente di medicina tradizionale per l’ufficio del Pacifico occidentale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Ma nel giro di pochi anni, arrivarono a concordare un elenco di 3.106 termini e poi ad adottare le traduzioni in inglese – uno strumento chiave per espandere la portata delle pratiche.

L’anno prossimo il comitato di Choi vivrà il suo momento clou, quando l’organo governativo dell’OMS, l’Assemblea Mondiale della Sanità, adotterà l’undicesima versione del compendio globale dell’organizzazione – nota come Classificazione statistica internazionale delle malattie e problemi di salute correlati (ICD). Per la prima volta, l’ICD includerà dettagli sulle medicine tradizionali.

La portata globale di questo compendio non ha eguali. Il documento classifica migliaia di malattie e diagnosi e definisce l’agenda medica in oltre 100 paesi. Influenza su come i medici fanno diagnosi, come le compagnie assicurative determinano la copertura, come gli epidemiologi fondano le loro ricerche e come i funzionari della sanità interpretano le statistiche sulla mortalità.

Il lavoro del comitato di Choi sarà sancito nel capitolo 26, che presenterà un sistema di classificazione sulla medicina tradizionale. È probabile che l’impatto sarà profondo. Choi e altri si aspettano che l’inclusione della Medicina Tradizionale Cinese accelererà ancora di più la proliferazione delle pratiche e alla fine li aiuterà a diventare parte integrante dell’assistenza sanitaria globale. “Cambierà definitivamente la medicina in tutto il mondo“, dice Choi, ora presidente del National Development Institute of Korean Medicine a Gyeongsan.

Che questa sia una buona cosa dipende da con chi stai parlando. Per i leader cinesi, i tempi non potrebbero essere migliori. Negli ultimi anni, il paese ha promosso aggressivamente la MTC sulla scena internazionale sia per espandere la sua influenza globale sia per accaparrarsi una quota del mercato globale stimato di 50 miliardi di dollari.

Gli hotspot del turismo medico in Cina stanno attirando decine di migliaia di stranieri per la MTC. Oltremare, la Cina ha aperto centri di Medicina Tradizionale Cinese in più di due dozzine di città, tra cui Barcellona, ​​Budapest e Dubai negli ultimi tre anni, e ha incrementato le vendite di rimedi tradizionali. L’OMS ha sostenuto avidamente le medicine tradizionali, soprattutto la MTC, come un passo verso il suo obiettivo a lungo termine dell’assistenza sanitaria universale. Secondo l’agenzia, i trattamenti tradizionali sono meno costosi e più accessibili della medicina occidentale in alcuni paesi.

Molti medici e scienziati biomedici di formazione occidentale sono tuttavia profondamente preoccupati. I critici considerano le pratiche di Medicina Tradizionale Cinesecome non scientifiche, non supportate da studi clinici e talvolta pericolose : lo stato cinese riceve più di 230.000 segnalazioni di effetti avversi da MTC ogni anno.

Con così tante domande sull’efficacia e la sicurezza della MTC, alcuni esperti si chiedono perché l’OMS stia aumentando il sostegno a tali pratiche. 

Approccio diverso

Il TCM si basa su teorie sul qi, un’energia vitale, che si dice fluisca lungo canali chiamati meridiani e aiuti il ​​corpo a mantenere la salute. Nell’agopuntura, gli aghi forano la pelle per attingere a una qualsiasi delle centinaia di punti sui meridiani in cui il flusso del qi può essere reindirizzato per ripristinare la salute. I trattamenti, che si tratti di agopuntura o rimedi erboristici, funzionano anche ribilanciando le forze conosciute come yin e yang.

I praticanti di MTC e medici di formazione occidentale si sono spesso guardati l’un l’altro con sospetto. La convenzione occidentale è cercare cause ben definite e ben collaudate per spiegare lo stato di una malattia. E in genere richiede studi clinici randomizzati e controllati che forniscano prove statistiche del funzionamento di un farmaco.

Dal punto di vista della Medicina Tradizionale Cinese, questo è troppo semplicistico. I fattori che determinano la salute sono specifici per le persone. Trarre conclusioni da grandi gruppi è difficile, se non impossibile. E i rimedi sono spesso un mix di una dozzina o più di ingredienti con meccanismi che non possono, dicono, essere ridotti a un singolo fattore.

Il famoso capitolo 26 del compendio dell’OMS intende essere un riferimento standard che tutti i professionisti possono utilizzare per aiutare a diagnosticare la malattia e valutare le possibili cause. Ad esempio, la “sindrome da perdita di sete” è caratterizzata da eccessiva fame e aumento della minzione e spiegata da “fattori che riducono i fluidi yin nei polmoni, nella milza o nei sistemi renali e generano fuoco e calore nel corpo”. Sulla base di tali osservazioni, i medici possono capire come trattarli. Il paziente, che verrebbe probabilmente diagnosticato come diabetico da un medico occidentale, riceverebbe la prescrizione di agopuntura, vari tonici e moxibustione – tecnica in cui i professionisti bruciano erbe vicino alla pelle del paziente. Si consigliano anche tè di spinaci, sedano, semi di soia e altri alimenti “rinfrescanti”.

I praticanti di MTC di tutto il mondo si stanno preparando per il Capitolo 26, che verrà implementato dagli stati membri dell’OMS nel 2022. “Per la prima volta nella storia, i codici ICD includeranno terminologia come la carenza di Qi della milza o la stasi del Qi del fegato“, si legge un post sul sito Web della Five Branches University, un istituto di formazione e ricerca di MDC con sede a San Jose, in California, che ha collaborato con l’OMS a una sperimentazione sul campo dei criteri diagnostici nel capitolo 26.

I critici sostengono che non esiste alcuna prova fisiologica dell’esistenza di qi o meridiani e la scarsa evidenza che la MTC funzioni. Ci sono stati solo una manciata di casi in cui i trattamenti erboristici cinesi si sono dimostrati efficaci negli studi clinici controllati randomizzati. Un prodotto che è emerso come notevolmente efficae è l’artemisinina. Prima isolata da Youyou Tu all’Accademia cinese di medicina tradizionale cinese a Pechino, la molecola è ora un potente trattamento per la malaria e ha vinto il premio Nobel in Fisiologia o Medicina nel 2015.

In risposta alle domande di Nature, l’Oms ha affermato che la sua strategia per la medicina tradizionale cinese “fornisce indicazioni agli Stati membri e alle altre parti interessate per la regolamentazione e l’integrazione di prodotti, pratiche e professionisti sicuri e di qualità garantita“. L’OMS Ha sottolineato che l’obiettivo della strategia “è promuovere l’uso sicuro ed efficace della medicina tradizionale regolando, ricercando e integrando i prodotti della medicina tradizionale, i professionisti e le pratiche nei sistemi sanitari“.

Il sostegno della Cina alla Medicina Tradizionale Cinese è iniziato con l’ex leader Mao Zedong, che secondo quanto riferito non ci credeva, ma pensava che potesse raggiungere popolazioni poco servite. L’attuale presidente cinese Xi Jinping ha fortemente sostenuto la MTC e, nel 2016, il potente consiglio di stato ha sviluppato una strategia nazionale che prometteva l’accesso universale alle pratiche entro il 2020 e un’industria in forte espansione entro il 2030. Tale strategia include il sostegno al turismo, che dirige un gran numero di persone alle cliniche in Cina. Ogni anno, decine di migliaia di turisti per lo più russi affollano Hainan al largo della costa meridionale in cerca di soccorso tramite MTC

Il paese ha anche ambizioni globali. Il governo cinese chiede di creare 30 centri entro il 2020 per fornire servizi medici e istruzione di MTC e diffondere la sua influenza. Entro la fine del 2017, erano sorti 17 centri in paesi come gli Emirati Arabi Uniti, l’Ungheria, il Kazakistan e la Malesia.

I legami stanno pagando. Le vendite di medicinali a base di erbe e di altri prodotti correlati esportati nei paesi sono aumentate del 54% tra il 2016 e il 2017, per un totale di 295 milioni di dollari.

Stretto legame

Il sostegno dell’OMS si applica a tutte le medicine tradizionali, ma il suo rapporto con la medicina tradizionale cinese e con la Cina è cresciuto particolarmente nell’ultimo periodo, in particolare durante il mandato di Margaret Chan, che ha diretto l’organizzazione dal 2006 al 2017. A Pechino nel novembre 2016, la Chan fece un discorso pieno di elogi per i progressi della Cina in materia di sanità pubblica e dei suoi piani per diffondere la medicina tradizionale cinese. “Ciò che il paese fa bene a casa ha un prestigio distintivo quando viene esportato altrove“, ha detto.

Chan ha sostenuto le medicine tradizionali, e in particolare la MTC, e ha lavorato a stretto contatto con la Cina per promuovere questa visione. Nel 2014, l’OMS ha pubblicato una strategia decennale che mira a integrare le medicine tradizionali nelle moderne cure mediche per ottenere una copertura sanitaria universale. Il documento invita gli Stati membri a sviluppare strutture sanitarie per la medicina tradizionale cinese, al fine di garantire che le compagnie di assicurazione e i sistemi di rimborso considerino il sostegno alle medicine tradizionali e promuovano l’educazione nelle pratiche.

Nello stesso anno, Chan ha scritto un’introduzione a un supplemento pubblicato su Science ed è stato sponsorizzato dall’Università di Medicina Cinese di Pechino e dall’università battista di Hong Kong 2 . Chan ha scritto che le medicine tradizionali sono “spesso viste come più accessibili, e più accettabili per le persone e possono quindi rappresentare anche uno strumento per contribuire a raggiungere una copertura sanitaria universale“. In un discorso del 2016 a Singapore, Chan ha affermato che la Medicina Tradizionale Cinese ha primeggiato nel prevenire o ritardare le malattie cardiache perché “ha aperto la strada a interventi come diete sane ed equilibrate, esercizio fisico, rimedi erboristici e modi per ridurre lo stress quotidiano“.

Ma molti medici e scienziati occidentali dubitano che i rimedi a base di erbe e altri componenti della Medicina Tradizionale Cinese o di altre medicine tradizionali abbiano molto da offrire nel loro uso corrente. Concedono che le erbe possano rivelarsi utili molecole (molte medicine occidentali derivano dalle piante, dopotutto), ma temono che la MTC possa sostituire farmaci efficaci e che possa essere potenzialmente pericolosa.

Arthur Grollman, ricercatore oncologo alla Stony Brook University di New York, ha pubblicato lavori che mostrano come l’acido aristolochico, un ingrediente di molti rimedi della Medicina Tradizionale Cinese, possa causare insufficienza renale e cancro 3 . Pensa che i documenti dell’OMS dovrebbero prestare maggiore attenzione ai rischi dei rimedi che contengono la sostanza chimica, che sono ancora ampiamente utilizzati.

Per alcuni scienziati, l’abbraccio dell’OMS alla MTC è fonte di perplessità. “Pensavo che l’OMS fosse impegnata nella medicina basata sull’evidenza“, afferma Richard Peto, uno statistico ed epidemiologo dell’Università di Oxford, nel Regno Unito.

Molti medici e ricercatori trovano anche difficili da analizzare le dichiarazioni dell’OMS sulla medicina tradizionale. Vari documenti dell’OMS richiedono l’integrazione di “medicina tradizionale, di comprovata qualità, sicurezza ed efficacia”. Ma l’agenzia non dice quali medicine e diagnostiche tradizionali siano provate. Wu Linlin, un rappresentante dell’OMS nell’ufficio di Pechino, ha detto che “l’OMS non approva particolari procedure o rimedi tradizionali e complementari“.

Ma questo è in netto contrasto con le azioni dell’OMS in altre aree. L’agenzia fornisce ai paesi membri consigli specifici su quali vaccini e farmaci usare e quali cibi evitare. Con le medicine tradizionali, tuttavia, le specificità sono per lo più omesse. Il sito Web dell’OMS contiene alcuni avvertimenti e afferma che l’acido aristolochico è cancerogeno. Ma con l’enfasi ripetuta sull’integrazione della medicina tradizionale cinese, il messaggio è chiaro, dice Marcus. A suo avviso, “l’OMS dice chiaramente che si tratta di farmaci sicuri ed efficaci“.

Questioni di soldi

Nonostante la preoccupazione per la decisione dell’OMS di includere la Medicina Tradizionale Cinese, anche i critici delle pratiche dicono che il capitolo 26 potrebbe servire a uno scopo costruttivo. Peto dice che il capitolo 26 potrebbe aiutare i ricercatori a raccogliere dati sulle reazioni avverse e su quali tipi di trattamenti tradizionali le persone stanno ottenendo. “Ma se l’obiettivo è quello di approvare queste cose, è inappropriato“, dice.

Per quelli immersi nella medicina occidentale, la continua diffusione di trattamenti tradizionali è preoccupante. I medici di MTC parlano sempre più di sostituire le medicine occidentali provate con i sostituti tradizionali, dove c’è un vantaggio in termini di costi. Grollman pensa che l’ICD-11 stia andando in quella direzione. Il settanta percento del denaro speso globalmente nell’assistenza sanitaria viene rimborsato o assegnato sulla base delle informazioni dell’ICD. Ora anche la MTC farà parte di quel sistema.

La cosa che vogliono è renderla ufficiale e farsi riconoscere dalle compagnie di assicurazione. Poiché è relativamente a basso costo, le compagnie di assicurazione lo accetteranno “, afferma Grollman.

ARTICOLO TRATTO DA WWW.NATURE.COM
https://www.nature.com/articles/d41586-018-06782-7


Riferimenti:

  1. Manheimer, E. et al. J. Altern. Complement. Med. 15, 1001–1014 (2009).
  2. Chan, M. Science 346, S2 (2014).
  3. Grollman, A. P. et al. Adv. Mol. Toxicol. 3, 211–227 (2009).