L’affaticamento neuromuscolare è riconosciuto come un fenomeno multifattoriale la cui eziologia è ancora argomento di molti dibattiti. Tuttavia, molte definizioni di fatica neuromuscolare condividono un elemento comune: l’osservazione di un declino indotto dall’esercizio della produzione di forza muscolare insieme ad un aumento del livello di sforzo richiesto per eseguire l’esercizio.

Chiunque si alleni in con un’intensità decente conosce gli effetti della fatica sul sistema neuromuscolare ma in cosa consiste la fatica? La fatica neuromuscolare è definita come un acuto decadimento della performance che include sia un incremento della percezione dello sforzo necessario per erogare forza e sia un eventuale abbassamento nella produzione di forza.

Quando si presenta la fatica, si possono osservare cambiamenti strutturali nel muscolo (danno muscolare ed insufficienza dell’accoppiamento eccitazione-contrazione). Oltre a questi cambiamenti strutturali e alla ridotta generazione di forza, l’affaticamento influisce negativamente anche sulla velocità di accorciamento e rilassamento delle fibre muscolari (ciclo di allungamento-accorciamento). Si ritiene che questi siano il risultato di cambiamenti neurali, come attivazione afferente del gruppo III / IV, rigidità muscolotendinea modificata e diminuzione della pulsione centrale verso il muscolo.

L'affaticamento neuromuscolare è riconosciuto come un fenomeno multifattoriale la cui eziologia è ancora argomento di molti dibattiti.

Perché abbiamo bisogno di un test e perché saltare?

Sebbene la prestazione nello sport sia l’indicatore più specifico della prontezza delle prestazioni neuromuscolari di uno sportivo, la sua valutazione longitudinale può essere difficile e non pratica. Anche se gli allenatori monitorano i carichi di allenamento e periodizzano le sessioni al fine di creare adattamenti ottimali, questo tipo di monitoraggio non tiene conto dello stress fisiologico che ogni atleta prova individualmente in un dato momento. Pertanto, test sul campo come sprint brevi, salti in contro movimento, squat e salti dall’alto, sono stati suggeriti come modi adatti per valutare l’affaticamento e la prontezza neuromuscolare degli atleti.

A differenza degli sprint, i suddetti test di salto sembravano sempre essere migliorati da un’analisi molto dettagliata che utilizzava un piatto per la forza e / o sistemi di trasduttori di posizione, il che avrebbe potuto condurre a una migliore comprensione delle risposte fisiologiche e neuromuscolari associate all’affaticamento neuromuscolare.

Qual è il test migliore per determinare la prontezza neuromuscolare?

Uno studio recente (Gathlecore et al., 2015) ha cercato di rispondere a questa domanda confrontando i risultati del salto verticale con contromovimento, dello squat, del salto di caduta e dello sprint di 20 m, da 11 atleti di sport di squadra. Per stimolare la fatica e un carico neuromuscolare simile alle attività sportive di squadra, gli atleti sono stati sottoposti a 3 test Yo-Yo consecutivi (Yo-Yo IR2, 5 min riposo, Yo-Yo IR2, 5 min riposo, Yo Yo IE3 , 5 minuti di riposo, test).

Ripetibilità: è stato riscontrato che il test di sprint a 20 m aveva il miglior punteggio di ripetibilità (test-retest affidabilità), con un coefficiente di variazione inferiore al 2%. I risultati migliori sono stati il ​​test di salto verticale con contromovimento e il test di salto squat con un coefficiente di variazione di ~ 3,5%. Il test meno ripetibile è stato il salto di lancio con un coefficiente di variazione di quasi il 5%!

Sensibilità: in contrasto con i risultati della ripetibilità, la sensibilità del test di sprint 20 m (la sua capacità di rilevare la fatica quando esiste veramente.) è risultata essere la peggiore. Si è constatato che dopo un periodo di più di 1 ora di riposo, la capacità di rilevare la fatica utilizzando il test di sprint è molto scarsa. Sì, mentre la prestazione dello sprint si riduce in modo significativo subito dopo l’esercizio, può essere recuperata rapidamente e, quindi, non compaiono cambiamenti significativi nei risultati. Pertanto, un breve test di sprint non sarà rilevante per un periodo di tempo superiore a 1 ora dopo l’esercizio.

Le prestazioni di salto, d’altra parte, sono influenzate per un tempo molto più lungo. Ci sono voluti 72 ore per recuperare le prestazioni di salto squat. Inoltre, il salto con contromovimento e il salto dall’alto erano ancora influenzati e diminuiti in quel momento (dopo 72 ore)! cioè, la capacità degli atleti di eseguire il contromovimento e il salto in caduta sono limitati per un tempo molto più lungo rispetto allo squat e allo sprint.

Quindi, quando combiniamo questi risultati, sembra che il test di salto verticale con contromovimento sia il test migliore (tra i quattro test menzionati) per rilevare l’affaticamento neuromuscolare in un lasso di tempo più lungo di 72 ore dopo l’allenamento.

L'affaticamento neuromuscolare è riconosciuto come un fenomeno multifattoriale la cui eziologia è ancora argomento di molti dibattiti.

Cosa dovremmo guardare nel test di salto verticale con contromovimento?

A parte l’altezza del salto (risultato della prestazione), possiamo suddividere il salto in sotto-componenti ed esaminare quale di essi sta cambiando mentre si presenta l’affaticamento. Alcuni esempi di queste sotto-componenti includono il tempo alla forza massima (rappresenta il tasso di sviluppo della forza), il tempo dalla forza massima al decollo (rappresenta la tecnica / coordinazione, l’apprendimento motorio) e i rapporti di tempo di volo con queste sottocomponenti. Spezzare il profilo del salto in questi componenti potrebbe aiutarci a separare i casi positivi da casi di falsi positivi (ad esempio, un atleta che sta andando più in basso a causa di scarsa meccanica / infortunio) e aumentare ulteriormente la sensibilità del test.

Raccomandazioni pratiche:

  • Misurare frequentemente le prestazioni di salto (dopo un adeguato riscaldamento).
  • Utilizzare più di una prova. Se hai abbastanza tempo e risorse, esegui 6 prove e usa la media delle 3 prove migliori. In caso contrario, utilizza la versione di prova migliore di 3.
  • Usa una piastra di forza (o qualsiasi altro strumento affidabile) per monitorare la potenza massima, l’altezza di salto, la velocità massima, la forza massima, il tasso di sviluppo della forza, il tempo di volo e il tempo di decollare dalla forza massima.
  • Segnalare modifiche importanti (> 3%) in relazione a una linea di tendenza.
  • Calcolare le tendenze per le diverse fasi di allenamento (ad esempio pre-campionato, allenamento, ecc.).