Dobbiamo concentrarci sulla salute metabolica, invece di concentrarci sulla gestione della malattia metabolica. Dal punto di vista di una chirurgia ortopedica, è stato dimostrato che la nostra salute metabolica influisce sul dolore al ginocchio, sull’osteoartrosi e sulla cuffia dei rotatori. Veramente? Sì! Più impariamo sui vari processi patologici e sui loro effetti su di noi nel complesso, più diventa importante gestire attivamente la nostra salute metabolica.

Un recente articolo che è citato in seguito ha cercato di determinare quale porzione della popolazione statunitense sarebbe considerata metabolicamente sana.

Sei metabolicamente sano?

Risulta che solo il 12% degli americani è considerato metabolicamente sano!

Perché un chirurgo ortopedico e specialista in medicina sportiva parla della tua salute metabolica? Perché è importante. Gestire la salute degli atleti di tutte le età è una sfida.

La salute metabolica influisce sul rischio di sviluppare l’artrosi. È vero. la visione meccanicistica della salute ortopedica non è valida per la maggior parte dei problemi che trattiamo. Troppe persone pensano che le nostre articolazioni si logorino solamente per l’usura meccanica o per una forza cumulativa. Certo, questo ha un ruolo, così come il trauma, ma data l’epidemia di malattie del fegato grasso e altre malattie metaboliche come il diabete di tipo 2, la nostra salute metabolica potrebbe avere un ruolo molto più grande di quanto pensiamo.

La presenza dell’osteoartrite sta aumentando. Ma non stiamo diventando più attivi. Quindi deve esserci qualcos’altro che sta portando ad un aumento del rischio di sviluppare artrosi e dolori articolari.

Differenze di Richiesta Metabolica e Neuromuscolare nelle varie discipline del ciclismo

Salute metabolica e chirurgia ortopedica

La salute metabolica influirà anche su quanto dolore al ginocchio, all’anca o alla spalla si manifesti dopo l’inizio dell’osteoartrite. Le persone con anomalie dei lipidi (LDL, HDL, Trigliceridi) sono a più alto rischio anche per alcune lesioni del tendine. Studi scientifici hanno dimostrato un’associazione tra lesioni della cuffia dei rotatori e un profilo lipidico anormale. Altri documenti hanno trovato colesterolo alto in pazienti con lesioni della cuffia dei rotatori. 

Stiamo iniziando a vedere la connessione tra la nostra salute metabolica e il nostro benessere ortopedico o sportivo. Certo, correggere il profilo lipidico non invertirà l’artrite, ma potrebbe solo ritardare l’inizio del tuo prossimo problema articolare.

L’infiammazione è una fonte di problemi. È uno dei pilastri delle malattie cardiache e l’infiammazione sistemica può influenzare il modo in cui percepisci il dolore. Le persone con diabete hanno più dolore con problemi ortopedici rispetto ai non diabetici. Le persone con marcatori sierici (sanguigni) elevati per l’infiammazione hanno una maggiore probabilità di avere dolore a causa di artrosi.

Questo documento ha discusso i rischi di avere più infiammazione e dolore a causa di un profilo lipidico anormale.  Il colesterolo e l’LDL così elevati aumentano il rischio di dolore alla spalla a causa delle lesioni della cuffia dei rotatori. Quei lipidi anormali aumentano l’infiammazione e questo aumenterà il dolore.

Alcune persone vivono vite molto produttive con l’artrosi e hanno pochissimo dolore. Altre persone hanno lieve artrite, ma hanno forti dolori. Forse il nostro profilo metabolico ha un ruolo in questo. Sembra certamente che lo faccia.

Questo documento ha discusso di come la malattia metabolica aumenta il rischio di sviluppare l’artrosi

Troppo spesso usiamo l’aspetto esteriore o il peso per vedere se qualcuno sembra in salute. Quel metodo non funziona.

Quali sono i criteri per la salute metabolica?

  • Circonferenza della vita, <102/88 cm in uomini / donne
  • Pressione sanguigna sistolica, <120 mmHG
  • Pressione sanguigna diastolica, <80 mmHG
  • Glucosio a digiuno <100 mg / dL
  • HbA1c <5,7%
  • Trigliceridi <150 mg / dL
  • HDL-C> = 40 / 50 mg / dL uomini / donne

Questi sono dati e articoli scientifici che stanno iniziando a rivelare che quasi tutte le malattie croniche condividono una causa comune -> disfunzione metabolica. La causa comune della disfunzione metabolica è la nostra dieta.

Fondamentalmente, più basso è il punto vita, il polso, la pressione sanguigna, i trigliceridi e il glucosio, maggiori sono le possibilità di prolungare il tempo prima dell’inizio della malattia cronica.

È qui che la scienza che ha studiato persone che vivono fino a 100 anni ci ha portato. Queste persone muoiono ancora di malattie cardiache, ecc… lo fanno solo 15-20 anni dopo rispetto a tutti gli altri. Questo è ciò a cui ci riferiamo come la quadratura della curva della durata della vita. Ora, molti centenari hanno un vantaggio genetico. Il loro fenotipo genetico li protegge. Ma possiamo ottenere risultati simili (forse non vivere fino a 100) essendo metabolicamente idonei.

Essere in forma metabolica riduce il rischio di sviluppare malattie cardiache, declino cognitivo (demenza), ictus e cancro. Molte di queste malattie croniche hanno un contributo metabolico. Alcune abitudini – il fumo, la mancanza di esercizio fisico, lo stress, il sonno cattivo contribuiscono.

Come ottimizzare la salute metabolica?

Il tanto cibo non è nostro amico. Dal punto di vista evolutivo non dovevamo avere cibo disponibile per noi 24/7/365. Soprattutto quando quel cibo è pieno di sostanze che contribuiscono alla malattia.

Non esiste una dieta magicaDiete diverse lavorano per persone diverse. La dieta che funziona meglio per noi è quella che possiamo sostenere. Le diete ricche di cibi reali, tra cui verdura, frutta, carne magra, carboidrati complessi e cereali sembrano essere le migliori.

La “Keto” funzionerà per te? Non lo so. Una dieta a basso contenuto di carboidrati funziona meglio per te? Può essere. Soprattutto se sei diabetico. Se sei diabetico devi avvicinarti a queste diete con l’aiuto del tuo medico. Il Paleo o la carne sono una dieta sicura? Non conosco la risposta.