La maggior parte delle persone non ha mai sentito parlare della scienza dell’ergonomia e molti altri pensano che i concetti di ergonomia si applichino solo a coloro che lavorano in ufficio.

La parola “ergonomia” deriva dalle parole greche érgo, che significa lavoro, e nómoi, che significa leggi. Si potrebbe pensare che si applica solo al mondo del lavoro, ma ha un’applicazione molto più ampia in quanto non si “lavora” solo sul lavoro.

L’International Ergonomics Association (IEA) descrive l’ergonomia come disciplina scientifica concernente “la comprensione dell’interazione tra gli umani e altri elementi di un sistema, e la professione che applica teoria, principi, dati e metodi per progettare l’ottimizzazione del benessere umano -essere e le prestazioni generali del sistema “.

I professionisti dell’ergonomia contribuiscono alla progettazione e alla valutazione di compiti, lavori, prodotti, ambienti e sistemi al fine di renderli compatibili con le esigenze, le abilità e i limiti delle persone.

In sostanza, l’ergonomia si occupa di studiare come avere la postura corretta e si assicura che l’attrezzatura (come la scrivania e la sedia) ti aiuti a raggiungere questo obiettivo.

l'ergonomia e i fattori umani saranno più importanti nell'era postmoderna di quando fu introdotta per la prima volta nel diciannovesimo secolo.

Molte persone soffrono perché le loro condizioni sia al lavoro che a casa sono incompatibili con i loro bisogni, abilità e limiti. Questa situazione influisce sulla loro sicurezza e benessere, nonché su quella delle organizzazioni e delle società.

L’alta tecnologia può rendere le nostre vite più efficienti ed eccitanti. Tuttavia, il fascino della tecnologia e le aspettative commerciali eccessivamente ambiziose possono farci trascurare i rischi dei fattori umani. Trascurare questi rischi può avere gravi effetti su produttori, fornitori e imprese di servizi.

Pertanto, l’ergonomia e i fattori umani saranno più importanti nell’era postmoderna di quando fu introdotta per la prima volta nel diciannovesimo secolo.

L’ergonomia si occupa del tipo di lavoro svolto, degli strumenti utilizzati e dell’intero ambiente di lavoro. L’obiettivo è quello di trovare la migliore corrispondenza tra te e le tue condizioni di lavoro. Esempi di modifiche ergonomiche al tuo lavoro potrebbero includere

  • Regolazione della posizione della tastiera del computer per prevenire la sindrome del tunnel carpale
  • Assicurati che l’altezza della tua sedia da scrivania permetta ai tuoi piedi di appoggiarsi sul pavimento
  • Imparare il modo giusto per sollevare oggetti pesanti per prevenire lesioni alla schiena
  • Usare manici o guanti speciali per sopprimere le vibrazioni degli utensili elettrici
  • Assicurati di avere una buona postura in qualunque cosa tu faccia, che sia seduto di fronte a un computer, in piedi a un check-out o in giro per un magazzino
  • Indipendentemente dal tipo di lavoro, l’obiettivo è quello di essere sicuro, a proprio agio e meno incline a infortuni sul lavoro.

Una vera scienza

Gli ergonomi, persone che praticano e consigliano sulla scienza dell’ergonomia, contribuiscono alla progettazione e alla valutazione di compiti, lavori, prodotti, ambienti e sistemi per renderli compatibili con i bisogni, le abilità e i limiti delle persone.

Avere concetti ergonomici integrati nel posto di lavoro comporta un miglioramento del benessere dei dipendenti. L’esperto di ergonomia, il professor Andrew Thatcher, afferma che i datori di lavoro intelligenti implementano l’ergonomia perché permette loro di risparmiare denaro a lungo termine e riduce i costi associati a lavoratori malsani o malati. Migliora anche la produttività e le prestazioni lavorative.

Le aziende di successo pensano oltre il breve termine. Gli studi hanno dimostrato che in media il ritorno sull’investimento dagli interventi di ergonomia può migliorare la produttività tra il 10% e il 25% “, afferma Thatcher.

Misure preventive

Uno degli obiettivi più importanti dell’integrazione dei concetti di ergonomia nel luogo di lavoro è quello di prevenire il più possibile gli infortuni sul lavoro.

I traumi muscoloscheletrici sono lesioni che possono verificarsi sul posto di lavoro e queste lesioni colpiscono vari muscoli, tendini, legamenti, nervi, vasi sanguigni ecc. Alcune di queste lesioni possono essere classificate come stress ripetitivo o lesioni da sforzo, che possono essere evitabili se l’attrezzatura è su misura per il tuo corpo e la postura è corretta attraverso l’integrazione di concetti di ergonomia.

l'ergonomia e i fattori umani saranno più importanti nell'era postmoderna di quando fu introdotta per la prima volta nel diciannovesimo secolo.

Thatcher dice che è una disciplina di sistema che viene applicata in tre aree principali:

  • l’ergonomia fisica,
  • l’ergonomia cognitiva
  • l’ergonomia organizzativa.

L’International Ergonomics Association afferma che gli ergonomisti devono avere una visione globale della scienza per prendere in considerazione tutte e tre le aree principali.

  • L’ergonomia fisica parla dei compiti che il corpo deve svolgere. Guarda l’anatomia e gli aspetti fisiologici dell’attività. L’ergonomia fisica riguarda le caratteristiche anatomiche, antropometriche, fisiologiche e biomeccaniche umane in relazione all’attività fisica. (Gli argomenti rilevanti includono posture di lavoro, gestione dei materiali, movimenti ripetitivi, disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro, layout sul posto di lavoro, sicurezza e salute.)
  • L’ergonomia cognitiva considera i processi mentali coinvolti nello svolgimento di vari compiti: i diversi fattori di stress e ciò che influenza le capacità decisionali e il giudizio delle persone. L’ergonomia cognitiva riguarda i processi mentali, come la percezione, la memoria, il ragionamento e la risposta motoria, poiché influenzano le interazioni tra gli umani e altri elementi di un sistema. (Gli argomenti rilevanti includono il carico di lavoro mentale, il processo decisionale, le prestazioni qualificate, l’interazione uomo-computer, l’affidabilità umana, lo stress da lavoro e la formazione in quanto questi possono riguardare la progettazione del sistema umano).
  • Infine, l’ergonomia organizzativa si occupa di sistemi e processi. Considera i tempi di lavoro, la progettazione del lavoro e il lavoro di squadra, per citarne alcuni. L’ergonomia organizzativa riguarda l’ottimizzazione dei sistemi sociotecnici, comprese le loro strutture organizzative, politiche e processi. (Argomenti rilevanti includono comunicazione, gestione delle risorse dell’equipaggio, progettazione del lavoro, progettazione dei tempi di lavoro, lavoro di gruppo, progettazione partecipata, ergonomia della comunità, lavoro cooperativo, nuovi paradigmi di lavoro, organizzazioni virtuali, telelavoro e gestione della qualità.)