Il testosterone è l’ormone sessuale maschile; si trova in entrambi i sessi e in molte specie diverse. Il testosterone svolge una grande varietà di funzioni nel corpo come lo sviluppo sessuale e fisico, l’influenza metabolica e comportamentale e molto altro ancora. È importante sapere cosa aumenta e diminuisce questo ormone, così come quando i livelli sono troppo alti o bassi nel tuo corpo.

Il testosterone (T) è un ormone importante. Può aumentare la libido, aumentare la massa muscolare, affinare la memoria e aumentare l’energia. Eppure, la maggior parte degli uomini perde il testosterone con l’età.

Cosa fa aumentare il testosterone

Una dieta ricca di proteine ​​e l’integrazione di Oleuropeina insieme aumenta il T del 300% nei ratti mentre dimezza il cortisolo[ R ].

Fare 4 ore di esercizio al giorno aumenta il testosterone del 250% rispetto a fare 2 ore di esercizio. Questo è stato provato in uno studio di 90 uomini obesi che si allenavano a intensità moderata (55-70% della frequenza cardiaca massima) [ R ]. L’amministrazione del lattato puro (un sottoprodotto dell’esercizio fisico) ha un effetto simile [ R ].

L’integrazione con DHEA aumenta il T del 200% negli uomini di mezza età e di circa il 180% nei giovani [ R ]. C’erano 16 persone nello studio che eseguivano un allenamento ad alta intensità e solo 50 mg erano necessari per aumentare il T entro 24 ore (DB-RCT).

La vitamina D aumenta il testosterone del 25% negli uomini in sovrappeso che sono carenti di vitamina D [ R ].

Si dice che troppo T riduca i testicoli, ma quando questo accade i testicoli tornano alla dimensione normale dopo che il testosterone si abbassa di nuovo [ R ].

Il ciclo del testosterone

Il testosterone è più alto al mattino rispetto alla notte secondo uno studio di 66 uomini [ R ]. È circa il 32% più alto al mattino per i 30enni, ma il ciclo diventa più costante con l’età, raggiungendo solo l’8% in più al mattino a 70 anni. Pertanto, i livelli di T dovrebbero essere testati al mattinoR ].

I ritmi giornalieri del T sono associati alla genitorialità [ R ]. 341 genitori con due bambini (a coppia) sono stati testati e il testosterone serale più alto nelle madri è stato associato a una maggiore sensibilità verso il bambino più piccolo. Anche nelle madri, più cambiamenti quotidiani nel testosterone sono stati associati a una minore sensibilità per entrambi i bambini e minore rispetto per il bambino più piccolo.

Gli androgeni come il testosterone sono prodotti dalle gonadi

Il testosterone  è l’ormone sessuale maschile. È prodotto principalmente nei testicoli nei maschi e nelle ovaie nelle femmine. Questo ormone steroideo ha ampi effetti sullo sviluppo sessuale, sulla composizione corporea e sul comportamento.  Questo ormone, quando è in eccesso o carenza può causare una varietà importante di malattie.

Fatti interessanti su testosterone

Il testosterone aumenta la monogamia negli uomini

Nei topi maschi che sono hanno rapporti, il T diminuisce il desiderio di altre femmine ( R ).

Il testosterone aumenta l’attrazione per la femminilità nelle donne

I cambiamenti nei livelli salivari di testosterone negli uomini contribuiscono alla forza dell’attrazione riferita dagli uomini alla femminilità nei volti delle donne ( R ).

I benefici del testosterone

Il testosterone aiuta durante la pubertà e migliora alcuni aspetti dell’invecchiamento

Mentre il testosterone cresce per tutta l’età prima della pubertà, un salto significativo si verifica approssimativamente all’età di 10 anni (sia cronologica che ossea) ( R ).

Inibina B e T sono positivamente correlati nella prima infanzia e nelle prime fasi della pubertà ( R , R1 ).

Le concentrazioni di T sembrano essere più alte durante lo stadio Tanner 3 e 4 della pubertà ( R ).

L’esposizione esterna al T (in creme e gel, per esempio) può causare la pubertà precoce ( R ).

L’enzima 5a-reduttasi è più presente nelle cellule della papilla (parte del follicolo pilifero) in alcune parti del corpo. I follicoli piliferi con un’elevata quantità di queste cellule androgeno-sensibili, come quelli nella barba, rispondono più al testosterone e sviluppano i capelli in modo più consistente ( R ).

È stata stabilita una forte connessione tra testosterone e ormone della crescita, specialmente durante la pubertà. Mentre la combinazione di GH e T ha effetti positivi sulla composizione corporea (dettagliati sotto), sembra esserci un livello minimo di GH necessario per il verificarsi degli effetti del T ( R).

Livelli di T notturno sono correlati con il rilascio di GH durante la pubertà ( R ).

Il trattamento con T ha portato anche ad un aumento del fattore di crescita insulino-simile 1 ( IGF-1 ), che è cruciale nella crescita dell’infanzia ( R).

Il trattamento con testosterone di 4 mesi può aiutare a determinare se i ragazzi con pubertà ritardata costituzionale (CDP) presentano una carenza di ormone della crescita. La crescita lineare delle risposte al testosterone è solitamente limitata dall’ormone della crescita ( R ). La crescita del testosterone si verifica soprattutto nei 4 mesi dopo il trattamento.

In uno studio condotto su ragazzi con CDP, la somministrazione di testosterone ha aumentato la quantità di GH secreta in ciascuna raffica della ghiandola pituitaria ( R ).

Il testosterone a basso dosaggio è un metodo sicuro per combattere il CDPR ).

La somministrazione di basse dosi di T può aumentare il tasso di crescita in altezza nei ragazzi con CDP ( R ).

La crescita craniofacciale aumenta con i livelli di T e basse dosi di testosterone possono accelerare questa crescita nei ragazzi con pubertà ritardata ( R ).

La ricerca sperimentale nei mammiferi non umani suggerisce che il testosterone sia necessario per il corretto sviluppo neurocomportamentale, soprattutto in fase prenatale e nella prima infanzia ( R ).

Inoltre, uno studio su ragazzi cinesi ha trovato una correlazione tra i livelli di T e l’intelligenza fluida (abilità di problem-solving) durante alcune fasi della pubertà ( R ).

Troppo testosterone nelle femmine prima della nascita induce l’eccesso di insulina (iperinsulinemia), la pubertà precoce e problemi riproduttivi simili alla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) ( R ).

Il testosterone migliora il metabolismo e la composizione corporea

Il testosterone è associato alla perdita di grasso e il trattamento con T può ridurre la percentuale di grasso ( R ).

L’ormone riduce anche il colesterolo totale ( R ).

Il metabolismo del Testosterone non è influenzato dall’abitudine all’allenamento di resistenza ( R ).

Il trattamento con T non abbassa significativamente i livelli di trigliceridi negli uomini, ma diminuisce la massa grassa totale aumentando la massa magra ( R ).

Non sono state trovate relazioni causali tra testosterone e metabolismo degli zuccheri. Il trattamento non migliora necessariamente il metabolismo del glucosio ( R ).

Anche se le persone a volte si rivolgono al trattamento con testosterone per farsi aiutare nella perdita di peso e con i disordini metabolici, scelte dietetiche / stile di vita sane sono gli unici metodi provati ( R ).

Negli uomini iperprolattinemici e ipogonadici, la sostituzione del testosterone migliora il profilo metabolico ( R ).

Negli uomini con bassi livelli di T biodisponibili e diabete di tipo 2, la terapia sostitutiva con T ha migliorato la composizione corporea ( R ).

Quelli con diabete di tipo 2 tendono a ridurre i livelli di testosterone prima e durante lo sviluppo della malattia. Le cellule di Sertoli (cellule che aiutano a creare sperma) tendono ad accumulare glicogeno nelle condizioni di diabete di tipo 2, invece di completare completamente la loro funzione originale ( R ).

Livelli di T e livelli di colesterolo hanno sempre dimostrato di essere inversamente proporzionali. Nei suini alimentati con diete ad alto contenuto di grassi e colesterolo, quelli che sono stati castrati per carenza di T hanno sviluppato livelli molto più elevati di LDL, così come l’enzima PCSK9 (un enzima che si lega a un recettore LDL). Questo presenta un possibile meccanismo per la ragione alla base di questa relazione inversa  ( R ).

L’ormone potrebbe anche prevenire la formazione di atheroma (degenerazione indotta da placche delle arterie) e la progressione nella sindrome coronarica acuta ( R ).

Il livello di testosterone minimo consente una corretta funzione sessuale

Un livello T basale (~ 12 nmol / L ( R )) consente rapporti sani, impulso sessuale e erezioni indotte e notturne negli uomini ( R ).

L’aggiunta di testosterone oltre la linea di base apparente non continua ad aumentare queste caratteristiche; in effetti, gli effetti non sono chiari ( R , R1 ).

Tuttavia, il trattamento di uomini ipogonadici con testosterone aiuta a riparare queste funzioni e promuove altre funzioni come la densità minerale ossea e la composizione corporea (vedi sopra) ( R , R1 , R2 ).

La terapia ormonale sostitutiva con T viene utilizzata per trattare l’ipogonadismo (nelle persone con normale funzionalità epatica). Tuttavia, i pazienti con malattia renale allo stadio terminale (ESRD) tendono a sperimentare l’ipogonadismo e non è stato verificato se il trattamento con testosterone funzioni ugualmente bene per loro ( R ).

I dati suggeriscono che ci sono due soglie per l’effetto del testosterone sulle erezioni nei maschi. Quello più alto altera il comportamento sessuale ma consente regolari erezioni notturne, mentre il più basso compromette entrambi ( R ).

La terapia con testosterone migliora il benessere, l’umore e la funzione sessuale nelle donne in premenopausa con bassa libido e basso testosterone ” ( R ).

È stato dimostrato che testosterone, estrogeno e acido poliacrilico applicati su base vaginale migliorano la funzione sessuale nelle donne in postmenopausa ( R ).

Oralmente, il T ha dimostrato di migliorare la funzione sessuale in tandem con gli estrogeni per le donne in postmenopausa ( R ).

Nelle donne isterectomizzate (utero rimosso), il trattamento con testosterone ha prodotto una migliore funzione sessuale, una massa corporea più snella e una maggiore resistenza ( R ).

Gli uomini con disfunzione sessuale / ED associati al diabete di tipo 2 hanno riferito un miglioramento della funzione sessuale e dell’umore quando trattati con la sostituzione del T ( R ).

L’esercizio aerobico ad alto volume e intensità moderata per almeno 200 minuti a settimana ha mostrato grandi miglioramenti nella funzione sessuale e nei livelli T ( R ).

È stato dimostrato che il testosterone aumenta l’espressione del trasporto di dopamina (DAT) e del trasportatore di monoamina vescicolare (VMAT), che consentono alla dopamina di promuovere il desiderio sessuale . Questo neurotrasmettitore è un possibile meccanismo per gli effetti del T ( R ).

Effetti negativi del testosterone

Basso contenuto di testosterone

  • Obesità , sindrome metabolica e diabete di tipo 2 ( R )
  • Insulino-resistenza  ( R )
  • Ipogonadismo (R)
  • Osteoporosi ( R , R1 )
  • Depressione ( R )
  • Cancro alla prostata ( R )

Alto testosterone o terapia eccessiva di T / steroidi anabolizzanti

  • Effetti avversi sul sistema cardiovascolare, come l’ipertensione ( R , R1 , R2,  R3 )
  • Sindrome dell’ovaia policistico nelle donne ( R , R1 )
  • Cambiamenti sociali / comportamentali negli uomini ( R )
  • Restringimento / atrofia testicolare ( R , R1 )
  • Ginecomastia (sviluppo del seno) nei maschi ( R , R1 )
  • Borderline Personality Disorder (BPD) ( R )
  • Aggressività del cancro non specifica per genere ( R )
  • Disturbi d’ansia nei bambini di madri esposte ad androgeni in eccesso ( R)

Altri effetti del testosterone

Il testosterone aumenta la competitività, l’aggressività e la protezione

Ratti maschi senza livelli androgeni appropriati mostrano comportamenti di gioco meno aggressivi / competitivi  ( R ). Gli studi mostrano una  forte associazione tra livelli di T plasmatico e aggressività / dominanza fisica e verbale ( R ).

Il numero di ripetizioni del codone CAG nel gene del recettore degli androgeni ha dimostrato di essere associato ai tratti androgenici (virili).  Lunghezze di ripetizione più brevi sono correlate ad aumentati effetti androgenici, come la competitività intrasessuale nei maschi ( R ). Le donne con alto T hanno mostrato un forte senso di competitività intrasessuale ( R ).

Anche se il testosterone è noto per essere collegato al comportamento aggressivo, un possibile meccanismo è l’attività ridotta nella corteccia orbitofrontale del cervello, che gestisce il controllo degli impulsi ( R ). Oltre ai livelli intrinseci di testosterone, è difficile prevedere gli effetti del T esterno su qualità come l’aggressività ( R ).

Gli studi sui topi suggeriscono che i tempi di picco del T plasmatico durante la gravidanza e i primi giorni di nascita possono prevedere un possibile comportamento aggressivo in età adulta ( R ).

Il testosterone aumenta l’assunzione di rischi

Diverse misure di propensione al rischio hanno mostrato che l’ alto livello di T e il basso livello di  cortisolo portavano ad assumere rischi nei mercati finanziari e in altri modi per entrambi i sessi ( R , R1 ,  R2 , R3 , R4 ). I cambiamenti nel testosterone salivare possono predire il comportamento futuro all’assunzione di rischi ( R ). Più in particolare, alcuni studi suggeriscono che aumenti di assunzione del rischio in determinate situazioni, e non in altre – in particolare nelle possibilità note e nel processo decisionale strategico ( R ). Un altro studio non trova alcuna relazione nelle femmine adolescenti tra testosterone e assunzione di rischi, ma una forte associazione tra estradiolo (E2) e assunzione di rischio ( R ).

Simile all’aggressività, si ritiene che la corteccia orbitofrontale (controllo degli impulsi) possa essere responsabile della relazione tra testosterone e assunzione di rischio ( R ).

La crescita della corteccia orbitofrontale viene ritardata durante la pubertà, mentre il T viene prodotto ad un ritmo più elevato , dando origine ai tratti comportamentali ( R ).

Altre spiegazioni aggiungono che T influenza non solo l’assunzione di rischi, ma anche la relativa capacità di ragionamento astratto ( R ).

Cosa fa diminuire il testosterone?

  • Il T diminuisce con l’età ( R )
  • Stress ( R )
  • Alcool ( R )
  • Disturbi del sonno ( R )
  • Obesità  ( R )
  • Lesione ai testicoli
  • Prostaglandine (grassi che agiscono come ormoni nel corpo) A1 e A2 e E2 ( R , R )
  • Grave lesione cerebrale traumatica (sTBI) che colpisce la ghiandola pituitaria ( R )
  • Diabete, emocromatosi, HIV / AIDS, parotite, meningite, sifilide e altre infezioni sono tutti noti per avere un effetto negativo sui livelli T ( R )
  • Metadone (farmaco contro la dipendenza da oppiacei) ( R )
  • Malattia epatica non alcolica di grado B e C ( R )
  • Fitoestrogeni della soia (molecole che imitano gli estrogeni), diminuzione dei livelli di T nei ratti ( R )
  • Tutto ciò che contiene quercetina , genisteina e flavone (ma non sappiamo quanto deve essere assunto prima di iniziare ad abbassare il T) [ R ]
  • Le statine (inibitori dell’HMG-CoA reduttasi) abbassano il colesterolo, che è un precursore del T, quindi assumere statine ha un effetto collaterale di ridurre il testosterone [ R ].

Cosa fa aumentare il testosterone?

  • Grassi dietetici: uno degli effetti collaterali di una dieta a basso contenuto di grassi riduce significativamente i livelli di T; uno studio ha mostrato una riduzione del 12% dopo 8 settimane con una dieta a basso contenuto di grassi ( R , R1 )
  • DHEA ( R ) – DHEA sembra aumentare il T per la maggior parte del tempo nelle persone di età superiore a 40 anni, ma non spesso non negli uomini più giovani.
  • Lattato  (R)
  • Zinco  – Negli studi sull’uomo la supplementazione di zinco con carenza di zinco è in grado di aumentare le concentrazioni circolanti di T ( R ), ma alcuni studi non mostrano un aumento di T quando c’è una quantità adeguata ( R ).
  • Vitamina D3 : aumenta il T libero e totale nelle sperimentazioni cliniche quando viene assunto 3000iu se è inferiore a 50nmol / l ( R , R )
  • Porno ( R , R , R ) – L’aumento quando sessualmente eccitato è minore e transitorio.
  • Interazione sociale con donne attraenti – Dopo una conversazione di 5 minuti con una donna attraente, i livelli di T maschile possono aumentare fino al 30% rispetto al basale (rispetto ad un aumento del 13% per conversare con i maschi) ( R ,  R ).
  • Supplemento di calcio negli atleti ( R )
  • Magnesio ( R )
  • Resveratrolo ( R )
  • D Acido asparico – tuttavia, in uno studio ha ridotto il T ( R )
  • Gli integratori di boro nella dieta aumentano sia il T che il 17β-estradiolo ( R )
  • Esercizio aerobico ( R )
  • Quantità di alcol a basso dosaggio (a breve termine) ( R )
  • Dormire abbastanza ( R )
  • Ginger  ( R )
  • L’estratto di fieno greco aumenta il T e l’estradiolo ( R , R1 ). Tuttavia, il fieno greco può anche ridurre il DHT, che a conti fatti attenuerà gli effetti classici del T.
  • Aglio ( R )
  • Oleuropeina  ( R )
  • Caffeina ( R )

 

La fonte di questo articolo è: https://www.selfhacked.com