La densitometria ossea, detta anche assorbimetria a raggi X a doppia energia, DEXA o DXA (Dual-Energy X-ray Absorptiometry), utilizza una dose molto piccola di radiazioni ionizzanti per produrre immagini dell’interno del corpo (di solito la spina dorsale e i fianchi inferiori (o lombari) per misurare la perdita osseaÈ comunemente usata per diagnosticare l’osteoporosi, per valutare il rischio di un individuo per lo sviluppo di fratture osteoporotiche. DXA è semplice, veloce e non invasiva. È anche il metodo più comunemente usato e il più standard per diagnosticare l’osteoporosi.

Che cos’è una scansione della densità ossea (DEXA, DXA)?

La scansione della densità ossea, detta anche assorbimetria a raggi X a doppia energia (DXA) o densitometria ossea, è una forma potenziata di tecnologia a raggi X che viene utilizzata per misurare la perdita ossea. DXA è lo standard stabilito oggi per misurare la densità minerale ossea (BMD).

Una radiografia (radiografia) è un test medico non invasivo che aiuta i medici a diagnosticare e trattare le condizioni mediche. L’imaging con i raggi X comporta l’esposizione di una parte del corpo a una piccola dose di radiazioni ionizzanti per produrre immagini dell’interno del corpo. I raggi X sono la forma più antica e più frequentemente utilizzata di imaging medico.

La DXA è più spesso eseguita sulla colonna vertebrale e sui fianchi inferiori. Nei bambini e in alcuni adulti, l’intero corpo viene a volte scannerizzato. I dispositivi periferici che usano raggi X o ultrasuoni sono talvolta usati per schermare la bassa massa ossea, principalmente sull’avambraccio. In alcune comunità, una TC può essere utilizzata anche per diagnosticare o monitorare la bassa massa ossea (QCT). Questo è accurato ma meno comunemente utilizzato rispetto alla scansione DXA.

Quali sono alcuni usi comuni della procedura DXA?

Il DXA è più spesso usato per diagnosticare l’osteoporosi, una condizione che spesso colpisce le donne dopo la menopausa, ma può anche essere riscontrata negli uomini e raramente nei bambini. L’osteoporosi comporta una graduale perdita di osso, oltre a cambiamenti strutturali, che rendono le ossa più sottili, più fragili e più soggette a rottura.

DXA è anche efficace nel monitoraggio degli effetti del trattamento per l’osteoporosi e altre condizioni che causano la perdita di massa ossea.

Il test DXA può anche valutare il rischio di un individuo per lo sviluppo di fratture. Il rischio di frattura è influenzato dall’età, dal peso corporeo, dalla storia di precedenti fratture, dalla storia familiare di fratture osteoporotiche e da problemi di stile di vita come il fumo di sigaretta e il consumo eccessivo di alcol. Questi fattori vengono presi in considerazione quando si decide se un paziente necessita di terapia.

Il test della densità ossea è fortemente raccomandato se:

  • sei una donna in post-menopausa e non assumono estrogeni.
  • hai una storia personale o materna di frattura dell’anca o di fumare.
  • sei una donna post-menopausa alta (oltre 5 piedi e 7 pollici) o magro (meno di 125 sterline).
  • sei un uomo con condizioni cliniche associate alla perdita ossea, come l’artrite reumatoide, il rene cronico o il fegato.
  • Utilizzi farmaci noti per causare la perdita ossea, inclusi corticosteroidi come il prednisone, vari farmaci anti-sequestro come il dilantin e alcuni barbiturici o farmaci sostitutivi della tiroide ad alte dosi.
  • hai il diabete di tipo 1 (precedentemente chiamato giovanile o insulino-dipendente), malattia del fegato, malattia renale o una storia familiare di osteoporosi.
  • hai un elevato ricambio osseo, che si manifesta sotto forma di eccesso di collagene nei campioni di urina.
  • hai una condizione della tiroide, come l’ipertiroidismo.
  • hai una condizione paratiroidea, come l’iperparatiroidismo.
  • hai subito una frattura dopo solo un lieve trauma.
  • hai avuto prove a raggi X di fratture vertebrali o altri segni di osteoporosi.

La valutazione della frattura vertebrale (VFA), un esame radiologico a basso dosaggio della colonna vertebrale per lo screening delle fratture vertebrali che viene eseguita sulla macchina DXA, può essere raccomandato per i pazienti più anziani, soprattutto se:

  • hanno perso più di un cm di altezza.
  • hammp mal di schiena inspiegabile.
  • se una scansione DXA dà letture borderline.
  • le immagini DXA della colonna vertebrale suggeriscono una deformità o frattura vertebrale.

Come dovrei prepararmi alla DXA?

Il giorno dell’esame si può mangiare normalmente. Non devi assumere integratori di calcio per almeno 24 ore prima dell’esame.

Dovresti indossare abiti larghi e comodi, evitando capi con cerniere, cinture o bottoni di metallo. Oggetti come chiavi o portafogli che si troverebbero nell’area da scannerizzare dovrebbero essere rimossi.

Ti verrà chiesto di rimuovere alcuni dei tuoi vestiti e di indossare un abito durante l’esame. Potrebbe inoltre essere richiesto di rimuovere gioielli, dispositivi dentali rimovibili, occhiali da vista e oggetti metallici o indumenti che potrebbero interferire con le immagini a raggi X.

Informare il proprio medico se si è recentemente sottoposto a un esame al bario o se è stato iniettato un materiale di contrasto per una scansione di tomografia computerizzata (TC) o una scansione di radioisotopi. Potrebbe essere necessario attendere 10 a 14 giorni prima di sottoporsi a un test DXA.

Le donne dovrebbero sempre informare il loro medico e il tecnico dei raggi x se esiste la possibilità che siano incinta. Molti test di imaging non vengono eseguiti durante la gravidanza in modo da non esporre il feto alle radiazioni. Se è necessaria una radiografia, verranno prese precauzioni per minimizzare l’esposizione alle radiazioni del bambino. Vedere la pagina sulla sicurezza per ulteriori informazioni su gravidanza e radiografie.

Come sono le attrezzature DXA?

Esistono due tipi di apparecchiature DXA: un dispositivo centrale e un dispositivo periferico.

La maggior parte dei dispositivi utilizzati per DXA sono dispositivi centrali, che vengono utilizzati per misurare la densità ossea nell’anca e nella colonna vertebrale. Di solito si trovano negli ospedali e negli studi medici. I dispositivi centrali hanno un grande tavolo piatto e un “braccio” sospeso sopra la testa.

I dispositivi periferici misurano la densità ossea nel polso, nel tallone o nel dito e sono spesso disponibili in drogherie e su furgoni sanitari mobili nella comunità. I dispositivi pDXA sono più piccoli dei dispositivi DXA centrali, con un peso di circa 60 libbre. Possono avere una struttura scatolare portatile con uno spazio per il piede o l’avambraccio da posizionare per l’imaging. Altre tecnologie portatili come le macchine ad ultrasuoni appositamente progettate, sono talvolta utilizzate anche per lo screening. Tuttavia, DXA centrale è la tecnica standard.

Come funziona la procedura?

La macchina DXA invia un fascio sottile e invisibile di raggi X a basse dosi con due distinti picchi di energia attraverso le ossa esaminate. Un picco viene assorbito principalmente dai tessuti molli e l’altro dalle ossa. La quantità di tessuto molle può essere sottratta dal totale e ciò che rimane è la densità minerale ossea del paziente.

Le macchine DXA sono dotate di un software speciale che calcola e visualizza le misurazioni della densità ossea sul monitor di un computer.

Come viene eseguita la procedura?

Questo esame viene di solito eseguito in regime ambulatoriale.

Nell’esame DXA centrale, che misura la densità ossea dell’anca e della colonna vertebrale, il paziente giace su un tavolo imbottito. Un generatore di raggi X si trova sotto il paziente e un dispositivo di imaging, o rilevatore, è posizionato sopra.

Per valutare la colonna vertebrale, le gambe del paziente sono supportate su una scatola imbottita per appiattire il bacino e la colonna vertebrale inferiore ( lombare ). Per valutare l’anca, il piede del paziente viene inserito in un tutore che ruota l’anca verso l’interno. In entrambi i casi, il rilevatore passa lentamente sull’area, generando immagini su un monitor del computer.

È necessario rimanere fermi e potrebbe essere richiesto di non respirare per alcuni secondi mentre viene scattata la foto a raggi X per ridurre la possibilità di un’immagine sfocata. Il tecnologo camminerà dietro un muro o nella stanza successiva per attivare la macchina a raggi x.

I test periferici sono più semplici. Il dito, la mano, l’avambraccio o il piede sono posti in un piccolo dispositivo che ottiene una lettura della densità ossea entro pochi minuti.

Una procedura aggiuntiva denominata Vertebral Fracture Assessment (VFA) viene ora eseguita in molti centri. VFA è un esame radiologico a basso dosaggio della colonna vertebrale per lo screening delle fratture vertebrali che viene eseguita sulla macchina DXA.

Il test VFA aggiunge solo pochi minuti alla procedura DXA.

Il test della densità ossea DXA viene solitamente completato entro 10-30 minuti, a seconda dell’apparecchiatura utilizzata e delle parti del corpo esaminate.

Probabilmente ti verrà chiesto di compilare un questionario che aiuterà il medico a determinare se si dispone di condizioni mediche o di prendere alcuni farmaci che aumentano o diminuiscono il rischio di frattura. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente pubblicato un sondaggio online che combina i risultati DXA e alcune domande di base e può essere utilizzato per prevedere il rischio a 10 anni di frattura dell’anca o altre importanti fratture osteoporotiche per le donne in post-menopausa.

La scansione della densità ossea, detta DXA o densitometria ossea, è una forma potenziata di tecnologia a raggi X che viene utilizzata per misurare la perdita ossea

Cosa proverò durante e dopo la procedura?

I test di densità ossea sono una procedura rapida e indolore.

Possono essere necessarie valutazioni di routine ogni due anni per vedere un cambiamento significativo nella densità minerale ossea, diminuzione o aumento. Pochi pazienti, come i pazienti che assumono farmaci steroidei ad alte dosi, potrebbero aver bisogno di un follow-up a sei mesi.

Chi interpreta i risultati e come li otterrò?

Un radiologo, un medico specificamente formato per supervisionare e interpretare gli esami radiologici, analizzerà le immagini e invierà un rapporto firmato al medico di base o al medico di riferimento, che discuterà i risultati con voi.

Le scansioni DXA sono interpretate anche da altri medici come i reumatologi e gli endocrinologi. Un medico deve rivedere la scansione DXA mentre valuta la presenza di fattori di rischio clinici quali:

  • artrite reumatoide
  • malattia renale ed epatica cronica
  • malattia respiratoria
  • malattia infiammatoria intestinale

I risultati del test saranno sotto forma di due punteggi:

Punteggio T – Questo numero mostra la quantità di osso confrontato con un giovane adulto dello stesso sesso con la massa ossea di picco. Un punteggio di -1 e sopra è considerato normale. Un punteggio compreso tra -1.1 e -2.4 è classificato come osteopenia (bassa massa ossea). Un punteggio di -2.5 e inferiore è definito come l’osteoporosi. Il punteggio T viene utilizzato per stimare il rischio di sviluppare una frattura e anche per determinare se è necessario un trattamento.

Punteggio Z – Questo numero riflette la quantità di osso che hai confrontato con altre persone della tua fascia di età e delle stesse dimensioni e sesso. Se questo punteggio è insolitamente alto o basso, potrebbe indicare la necessità di ulteriori test medici.

Piccole variazioni possono normalmente essere osservate tra le scansioni a causa delle differenze nel posizionamento e di solito non sono significative.

Quali sono i vantaggi rispetto ai rischi?

Benefici

  • La densitometria ossea DXA è una procedura semplice, rapida e non invasiva.
  • Non è richiesta l’anestesia .
  • La quantità di radiazioni utilizzate è estremamente piccola: meno di un decimo della dose di una radiografia standard del torace e meno di un giorno di esposizione alle radiazioni naturali.
  • Il test della densità ossea DXA è attualmente il miglior metodo standardizzato disponibile per diagnosticare l’osteoporosi ed è anche considerato uno stimatore accurato del rischio di frattura.
  • DXA viene utilizzato per decidere se è necessario un trattamento e può essere utilizzato per monitorare gli effetti del trattamento.
  • Le apparecchiature DXA sono ampiamente disponibili per effettuare test di densitometria ossea DXA, convenienti sia per i pazienti che per i medici.
  • Nessuna radiazione rimane nel corpo di un paziente dopo un esame a raggi X.
  • I raggi X di solito non hanno effetti collaterali nell’intervallo diagnostico tipico per questo esame.

Rischi

  • C’è sempre una leggera possibilità di cancro per esposizione eccessiva alle radiazioni. Tuttavia, il vantaggio di una diagnosi accurata supera di gran lunga il rischio.
  • Le donne dovrebbero sempre informare il loro medico o il tecnico dei raggi x se esiste la possibilità che siano incinte. Vedere la pagina sulla sicurezza per ulteriori informazioni su gravidanza e radiografie.
  • La dose di radiazioni efficace per questa procedura varia. Vedere la pagina sulla sicurezza per ulteriori informazioni sulla dose di radiazioni.
  • Non sono previste complicazioni con la procedura DXA.

Una parola sulla minimizzazione dell’esposizione alle radiazioni

Particolare attenzione viene prestata durante gli esami radiografici per utilizzare la dose di radiazioni più bassa possibile mentre si producono le migliori immagini per la valutazione. Le organizzazioni nazionali e internazionali di protezione dalla radiologia riesaminano e aggiornano continuamente gli standard tecnici utilizzati dai professionisti della radiologia.

I moderni sistemi a raggi X hanno fasci di raggi X molto controllati e metodi di controllo della dose per ridurre al minimo le radiazioni di dispersione (dispersione). Ciò garantisce che le parti del corpo di un paziente che non sono state fotografate ricevano un’esposizione minima alle radiazioni.

Quali sono i limiti della Densitometria ossea (DEXA, DXA)?

Un test DXA non può predire chi subirà una frattura ma può fornire un rischio relativo e viene utilizzato per determinare se è necessario un trattamento.

Nonostante la sua efficacia come metodo per misurare la densità ossea, il DXA è di uso limitato nelle persone con una deformità vertebrale o che hanno avuto precedenti interventi alla colonna vertebrale. La presenza di fratture vertebrali da compressione o osteoartrite può interferire con l’accuratezza del test; in tali casi, le scansioni TC potrebbero essere più utili.

I dispositivi DXA centrali sono più sensibili e meglio standardizzati rispetto ai dispositivi pDXA, ma sono anche un po ‘più costosi.

Un test eseguito su una posizione periferica, come il tallone o il polso, può aiutare a prevedere il rischio di frattura della colonna vertebrale o dell’anca. Questi test non sono così utili nella risposta al trattamento successiva, tuttavia, e se indicano che è necessaria una terapia farmacologica, deve essere ottenuta una scansione DXA centrale al basale.

Gli esami DXA di follow-up devono essere eseguiti presso la stessa istituzione e idealmente con la stessa macchina. Le misurazioni della densità ossea ottenute con diverse apparecchiature DXA non possono essere confrontate direttamente.