Cosa rende divertente lo sport per i ragazzi più giovani?

Di:   ScienzeMotorie  |  1 Gennaio 1970

Un nuovo studio esamina ciò che rende divertente lo sport organizzato per i bambini e alcuni dei risultati potrebbero sorprenderti. Il nuovo studio, pubblicato oggi, dissipa il mito popolare secondo cui ciò che rende lo sport più divertente per le ragazze sono gli aspetti sociali, come le amicizie, mentre per i ragazzi il fattore divertente ha a che fare con la competizione.

“I nostri dati indicano che ragazze e ragazzi sono più simili che diversi quando si tratta di ciò che rende divertente praticare sport”, ha dichiarato Amanda J. Visek, PhD, professore associato di scienze dell’esercizio e della nutrizione presso la School of Public Health della George Washington University Milken Institute (Milken Institute SPH). “Ciò che conta di più per ragazze e ragazzi sono cose come” fare del tuo meglio “,” lavorare duro “,” rimanere attivi “e” giocare bene insieme come una squadra “. Questi risultati sono gli stessi per gli atleti di età più giovane e più anziana e attraverso livelli di gioco ricreativi e più competitivi “.

Lo studio di Visek

è il seguito della ricerca originale che lei e i suoi colleghi del Milken Institute SPH avevano precedentemente condotto, coinvolgendo i calciatori di età compresa tra gli 8 e i 19 anni nella mappatura concettuale di tutte le determinanti che rendono divertente lo sport per i giocatori. Le mappe risultanti, chiamate FUN MAPS, hanno scoperto 81 determinanti divertenti in 11 fattori divertenti. Questo nuovo studio ha esaminato più da vicino quei dati e ha scoperto che, tra gli 81 determinanti del divertimento, “vincere” si classificava al 40 ° posto di importanza, segnando più in basso nella lista di quanto molti avrebbero potuto immaginare.

Allo stesso tempo, questo studio ha trovato alcune piccole ma intriganti differenze nelle priorità divertenti, a seconda dell’età o del sesso dei giovani atleti.

Ad esempio, i giocatori più giovani hanno riferito che era più importante avere un allenatore che permettesse loro di “giocare posizioni diverse” rispetto ai giocatori più anziani. I risultati di questo studio sottolineano altre ricerche che suggeriscono che i giocatori più giovani hanno maggiori probabilità di beneficiare di questa strategia rispetto agli atleti più anziani e più sviluppati.

“Il campionamento sportivo – che consente ai bambini di praticare diversi sport – così come l’opportunità per i bambini, in particolare quelli in età più giovane, di fare esperienza giocando tutte le diverse posizioni all’interno di uno sport, è importante per il loro sviluppo atletico”, Visek disse.

Inoltre, i ragazzi hanno valutato “copiare le mosse e i trucchi degli atleti professionisti” e “migliorare le capacità atletiche per giocare al livello successivo” come più importante per divertirsi sul campo di gioco rispetto alle ragazze. Visek e il suo gruppo di ricerca pensano che questo potrebbe essere il risultato di ragazzi che hanno più atleti professionisti maschi da guardare e identificare rispetto alle ragazze, che hanno meno atleti professionisti femminili da emulare.

Questi risultati, tra gli altri che lo studio svela, possono essere utilizzati dalle organizzazioni sportive per rendere i loro programmi più divertenti e far sì che i bambini giochino più a lungo. I bambini negli Stati Uniti che abbandonano gli sport organizzati in genere lo fanno dalla scuola media, sostenendo che i giochi e le pratiche non sono più divertenti.

È importante sottolineare che gli sport organizzati sono un modo per mantenere i bambini impegnati nell’attività fisica.

Un’abitudine che può aiutare i bambini a mantenere uno stile di vita sano, mantenerli in forma e aiutarli a mantenere un peso corporeo sano. Più di uno su tre bambini e adolescenti statunitensi sono in sovrappeso o obesi e Visek ritiene che fornire ai bambini esperienze sportive più divertenti e di qualità migliore potrebbe essere una soluzione per promuovere la salute dei bambini.

Una limitazione di questo studio era che i partecipanti erano tutti giocatori di calcio. Il team di ricerca di Visek ha chiesto ai giocatori di valutare l’importanza di tutti i determinanti e di rispondere tenendo presente tutti gli sport che praticano. Sebbene la maggior parte dei giocatori fossero atleti multi-sport che hanno partecipato ad altri sport oltre al calcio, Visek afferma che sono necessarie ulteriori ricerche per garantire che i risultati si applichino anche ad altri sport di squadra.

I risultati di questo studio suggeriscono che gli allenatori e i genitori potrebbero perdere il segno se spingono una stagione vincente o rafforzano erroneamente le differenze di genere percepite.

“Quando si tratta di sport organizzati, i bambini vogliono solo divertirsi”, ha detto Visek. “Questa ricerca non supporta il genere comune e gli stereotipi dello sviluppo che tendiamo a fare sui bambini nello sport”.

La ricerca è stata sostenuta dal National Institute of Nursing Research e dal National Center for Advancing Translational Sciences, che fanno parte del National Institutes of Health.


Riferimenti:

Amanda J. Visek, Heather Mannix, Avinash Chandran, Sean D. Cleary, Karen A. McDonnell, Loretta DiPietro. Verso la comprensione delle priorità di divertimento degli atleti giovanili: un’indagine su sesso, età e livelli di gioco . Journal of Women in Sport and Physical Activity , 2019; 1 DOI: 10.1123 / wspaj.2018-0004