Commozione Cerebrale: cos’è e come si recupera

Di:   ScienzeMotorie  |  1 Gennaio 1970

Una commozione cerebrale è una lesione cerebrale in cui il cervello è “contuso” all’interno del cranio da un impatto diretto o da un movimento di tipo a colpo di frusta in cui il cervello viene colpito attraverso il movimento accelerato della testa quando la testa viene portata violentemente in avanti e / o indietro.

Storicamente, le commozioni cerebrali sono state sottostimate perché non ci possono essere segni o sintomi esterni di una commozione cerebrale. L’atleta può continuare a gareggiare senza che nessuno si accorga di essere ferito.

Chi subisce una commozione cerebrale?

Le commozioni sono subite dagli atleti in molti diversi tipi di sport, tra cui calcio, pugilato, baseball, softball, pallacanestro, immersioni etc. Gli sport con una maggiore incidenza di traumi includono gli sport di collisione come il calcio.

Classificazioni delle commozioni

Storicamente, le commozioni cerebrali sono state valutate in base alla quantità di tempo in cui un atleta era incosciente. È ormai ampiamente riconosciuto che la “perdita di coscienza” non è un buon predittore della gravità di una commozione cerebrale.

La determinazione della classificazione di una commozione cerebrale si è spostata dall’usare la perdita di coscienza come criterio primario per il periodo di tempo in cui l’atleta prova segni e sintomi di una commozione. La chiave per classificare le commozioni cerebrali è di annotare il numero di sintomi che un atleta sperimenta insieme al periodo di tempo in cui l’atleta sperimenta questi sintomi su una lista di controllo.

I sintomi possono essere elencati sul lato sinistro della pagina con le date nella parte superiore. Tutti i sintomi di un atleta devono essere controllati quotidianamente. Questa lista di controllo dei sintomi di commozione cerebrale può essere data al professionista della medicina sportiva per monitorare il recupero e il progresso di un atleta.

I segni e i sintomi della commozione cerebrale comprendono il mal di testa, problemi cognitivi, emotivo (umore), fisico (nausea / vomito) e comportamentale (irritabilità). Quella che segue è una lista di possibili segni e sintomi che un atleta può provare con una commozione cerebrale:

  • Mal di testa
  • Vertigini
  • Nausea / vomito
  • Ritardo verbale / risposta motoria
  • Confusione / difficoltà di concentrazione
  • Disorientamento
  • Discorso incoerente o incoerente
  • Scarsa coordinazione
  • Squillo nelle orecchie
  • Incapacità di ricordare eventi recenti o passati
  • Perdita di coscienza
  • Disturbi del sonno
  • Fotofobia (sensibilità alla luce)
  • Sensibilità a rumori forti
  • Nebbia

Tutti gli atleti, i genitori, gli allenatori e i preparatori atletici devono essere istruiti sul fatto che un atleta che manifesta uno qualsiasi dei suddetti sintomi deve essere immediatamente estratto dall’attività e ulteriormente valutato da un professionista della medicina sportiva. Se un professionista della medicina sportiva non fornisce assistenza medica per l’evento, l’atleta deve essere indirizzato all’attenzione del medico.

Il tempo di recupero varia a seconda della gravità dell’infortunio e del numero di traumi cranici che un atleta ha avuto. Una ricerca pubblicata da Collins, et.al (novembre 2002) riporta che il 40% degli atleti guarisce in una settimana, il 60% in due settimane, l’80% in tre settimane e il 90% in quattro settimane.

Diagnosi di commozione cerebrale

Una delle maggiori sfide nella diagnosi delle commozioni cerebrali in passato era che gli strumenti diagnostici utilizzati per diagnosticare lesioni cerebrali (TC, MRI, raggi X) non hanno rilevato una commozione cerebrale perché una commozione non lascia tracce fisiche di danno nel cervello.

Tuttavia, ora ci sono un certo numero di strumenti di valutazione della commozione sul mercato attualmente utilizzati nella medicina dello sport. Una delle tendenze più importanti è l’uso di test di base prima di un infortunio. Gli strumenti di valutazione vengono somministrati durante l’esame fisico pre-partecipazione e possono fornire al personale medico misurazioni pre-lesione basali su test neurocognitivi. Questi test vengono poi somministrati dopo che l’atleta ha subito una commozione cerebrale. I risultati vengono poi confrontati con il test di base per determinare il progresso e il recupero dell’atleta.

Sono disponibili numerosi strumenti per lo screening della commozione, tra cui:

  • Controllo standardizzato del sistema di valutazione
  • Errore del bilanciamento, Balance Error Scoring System (BESS)
  • Lista sintomi
  • Test del bilancio computerizzato
  • Valutazione immediata post-commozione e test cognitivo (ImPACT)

Trattamento della commozione cerebrale

La raccomandazione che esce dalla 3a Conferenza internazionale sulla commozione cerebrale nello sport tenutasi a Zurigo (novembre 2008) è che un atleta diagnosticato con una commozione cerebrale ha bisogno di avere un riposo sia fisico che cognitivo fino a quando i sintomi non si dissipano e quindi è necessario un programma di recupero controllato con attenzione allo sforzo prima del nulla osta medico (McCrory, P., Meeuwisse, W., Johnston, K., Dvorak, J., Aubry, M., & Molloy, M, 2009).

L’importanza che sta alla base del riposo cognitivo è che il cervello ha bisogno di riposare per guarire come qualsiasi altra lesione muscolo-scheletrica. Il cervello impiega più tempo a guarire se il cervello è attivamente impegnato.

Con questo in mente, è ora raccomandato che gli studenti-atleti con diagnosi di commozione cerebrale vengano tenuti a casa con istruzioni chiare di non attività cerebrale, compreso l’uso di computer, videogiochi e dispositivi di sms. Il riposo cognitivo è particolarmente importante nelle prime 48 ore dopo l’infortunio.

Gli atleti possono anche soffrire di fotofobia (sensibilità alla luce). Gli individui con fotofobia saranno più a loro agio in un ambiente privo di luce solare o di luci brillanti.

L’aspetto più importante nella cura di un atleta in recupero è che l’atleta sia monitorato da un adulto per tutto il tempo in cui l’atleta sta vivendo sintomi di commozione. Lo scopo di un attento monitoraggio è quello di garantire che l’atleta non peggiori nella sua reattività indicando una possibile lesione cerebrale potenzialmente letale.

Man mano che i sintomi dell’atleta cominciano a dissiparsi, l’atleta può gradualmente iniziare ad aumentare le proprie attività cognitive e fisiche. Tuttavia, se i sintomi ritornano, l’atleta deve ridurre la propria attività fino a quando i sintomi non si dissipano di nuovo.

Cosa succede se un atleta ritorna allo sport prima che i sintomi si chiariscano?

Il rischio che un atleta ritorni prima che una commozione cerebrale sia completamente guarito è una condizione pericolosa per la vita chiamata sindrome del secondo impatto. Come suggerisce il nome, questo problema si verifica quando un atleta subisce un secondo impatto sul cervello prima che la ferita iniziale sia guarita.

Il secondo impatto provoca un gonfiore rapido all’interno del cranio che aumenta la pressione intracranica e compromette il tronco cerebrale (parte del cervello responsabile della regolazione delle funzioni cardiache e respiratorie). Ciò che è devastante è che il tempo dal secondo impatto al fallimento del tronco cerebrale è solo di pochi minuti (di solito da due a cinque).

Agli atleti deve essere insegnato ad essere onesti e ad auto-riferire i loro sintomi ai genitori, agli allenatori e al personale di medicina dello sport. Ci sono resoconti di atleti delle superiori che sono morti a causa della sindrome del secondo impatto che hanno raccontato ai loro amici il loro mal di testa, ma che non hanno riferito i loro sintomi agli allenatori o al personale di medicina dello sport.

Le commozioni cerebrali possono causare danni permanenti al cervello?

La ricerca in corso presso il Centro per lo studio dell’encefalopatia cronica traumatica (CTE) presso la Scuola di Medicina dell’Università di Boston ha rivelato danni cerebrali permanenti nel cervello dei giocatori in pensione della NFL a cui erano stati diagnosticati diversi traumi cranici. Questa ricerca è la prima del suo genere a collegare cambiamenti fisiologici permanenti nel cervello a concussioni multiple.

Quante commozioni si può subire per competere ancora?

Non c’è una risposta definitiva a questa domanda. Poiché ogni atleta sperimenta i segni e i sintomi della commozione in modo diverso, questa decisione deve essere presa dall’atleta, dai genitori dell’atleta e dalla squadra di medicina sportiva dell’atleta.

La ricerca ha dimostrato che gli atleti con commozioni cerebrali ricorrenti impiegano più tempo per riprendersi e manifestare sintomi più gravi a ogni commozione successiva. Mentre una commozione cerebrale iniziale può avere sintomi che durano solo uno o due giorni, i sintomi delle commozioni cerebrali susseguenti possono durare per settimane e persino mesi.

Una ricerca pubblicata in Neurosurgery (Collins, MW, et al., 2002) riportava che gli atleti con tre o più commozioni cerebrali avevano maggiori probabilità di soffrire perdita di conoscenza, amnesia anterograda (perdita di memoria per eventi immediatamente successivi alla ferita), amnesia retrograda ( perdita di memoria per eventi immediatamente precedenti alla lesione) e confusione.

Recupero dalla commozione

Le raccomandazioni per il protocollo “return-to-play” sono state pubblicate nella Dichiarazione di consenso sulla commozione cerebrale nello sport: la 3a conferenza internazionale sulla commozione cerebrale nello sport tenutasi a Zurigo (novembre 2008). La raccomandazione è per un protocollo di ritorno al gioco graduato seguendo una progressione graduale.

Il protocollo include cinque fasi di riabilitazione. L’atleta completa l’attività in un giorno e poi può passare alla fase successiva il giorno seguente se l’atleta è asintomatico (senza sintomi) durante l’attività. L’atleta può iniziare le progressioni solo quando è asintomatico a riposo.

  • Fase 1 – Esercizio aerobico leggero (camminare, nuotare o pedalare stazionario) mantenendo la frequenza cardiaca dell’esercizio a meno del 70% della frequenza cardiaca massima prevista e senza allenamento di resistenza.
  • Fase 2 – Esercizio specifico per lo sport (attività che incorporano abilità specifiche dello sport escludendo qualsiasi attività di impatto sulla testa)
  • Fase 3 – Esercitazioni di allenamento senza contatto (passaggio a esercitazioni più complesse, ma senza contatto).
  • Fase 4 – Pratica a pieno contatto (a seguito di nullaosta medica, partecipazione alle normali attività di esercitazione).
  • Fase 5: ritorno alla competizione

Se i sintomi della commozione cerebrale ritornano durante una delle fasi, l’atleta dovrebbe tornare al livello precedente e provare a progredire nuovamente dopo un periodo di riposo di 24 ore.


Riferimenti:

  • Anderson, M., Hall, S. & Martin, M. (2005). Foundations of athletic training: prevention, assessment, and management. (3rd Ed.). Lippincott Williams and Wilkins: Philadelphia, PA.
  • Broglio, S., Macciocchi, S., & Ferrara, M. (2007). Neurocognitive performance of concussed athletes when symptom free. Journal of Athletic Training, 42(4), 504-508.
  • Cantu, R., (2009). Playing with post-concussion symptoms: alarming rates and prevalence. Presented at Annual National Summit on Concussion and Other Sports Medicine Injuries Los Angeles, California, May 15.
  • Collins, M. (2009). Evidence-based management of sports-related concussion. Presentation at Annual National Summit on Concussion and Other Sports Medicine Injuries, Los Angeles, California,
  • Collins, M. (2009). Management of sports concussion in high school athlete: what are we learning? Presented at Annual National Summit on Concussion and Other Sports Medicine injuries, Los Angeles, California, May 15.
  • Collins, M., Lovell, M., Iverson, G., Cantu, R., Maroon, J., & Field, M. (November, 2002). Cumulative effects of concussion In high school athletes. Neurosurgery, 51(5), 1175-1179.
  • Covassin, T., Elbin III, R., Stiller-Ostrowski, J., Kontos, A. (2009). Immediate post-concussion assessment and cognitive testing (ImPACT) practices of sports medicine professionals. Journal of Athletic Training, 44(6), 639-644.
  • DiGravio, G. (2009). Center for the study of traumatic encephalopathy announces new findings. Press Release. Boston University.
  • Guskiewica, K., Bruce, S., Cantu, R., Ferrara, M., Kelly, J., McCrea, M., et al. (2004). National athletic trainers’ association position statement: management of sport-related concussion. Journal of Athletic Training, 39(3), 280-297.
  • Guskiewicz, K., McCrea, M., Marshall, S., Cantu, R., Randolph, C., Barr, W., Onate, J., & Kelly, J. (2003). Cumulative effects associated with recurrent concussion in collegiate football players. Journal of the American Medical Association, 290(19), 2549-2555.
  • Majerske, C., Mihalik, J., Ren, D., Collines, M., & Camiolo Reddy, C. (2008). Concussion in sports: postconcussive activity levels, symptoms, and neurocognitive performance. Journal of Athletic Training, 43(3), 265-274.
  • McCrory, P., Meeuwisse, W., Johnston, K., & Dvorak, J. (2008). Consensus statement on concussion in sport – the 3rd international conference on concussion in sport held in Zurich. Journal of Science and Medicine in Sport, 12(3), 340-352.
  • McKee, A., Cantu, R., Nowinski, C., Hedley-Whyte, E., Gavett, B., Budson, A., Santini, V., Lee, H., Kubilus, C., & Stern, R. (2009). Chronic traumatic encephalopathy in athletes: progressive tauopathy after repetitive head injury. Journal of Neuropathology, June.
  • Salis, R., (2009). A team physician’s approach to concussion management. Presented at Annual National Summit on Concussion and Other Sports Medicine Injuries, Los Angeles, California, May 15.
  • Siobounov, S., Siobounov, E., Sebastianelli, W., Cao, C., & Newell, K. (2007). Differential rate of recovery in athletes after first and second concussion episodes. Neurosurgery, 61(2), 338-344.
  • Smurawa, T., & Congeni, J. (2007). Return-to-play decisions in the adolescent athlete: How to decide. Pediatric Annals, 36(11), 746-751.
  • Valovich McLeod, T. (2009). The value of various assessment techniques in detecting the effects of concussion on cognition, symptoms, and postural control. Journal of Athletic Training, 44(6), 663-665.