I giocatori di calcio d’élite devono affrontare richieste fisiche e mentali sempre crescenti, con un gioco più veloce e stagioni lunghe e estenuanti. In un anno come questo che si chiude con la Coppa del mondo, come fa un giocatore a raggiungere il picco di forma proprio a Giugno?

In realtà è piuttosto difficile, dicono gli esperti, e richiede un esercito di specialisti dedicati a monitorare e adattare attentamente le condizioni fisiche e mentali di ciascun atleta. La ricerca mostra che il gioco è diventato più veloce e più intenso, richiedendo ai giocatori di essere più veloci di piede e di mente, aumentando i livelli di stress e il rischio di lesioni gravi.

Ma c’è poco tempo per riposare e recuperare. Ogni quattro anni, molte squadre partecipano allo spettacolo più popolare del mondo avendo appena completato una competizione importante: la UEFA Champions League si è conclusa meno di tre settimane prima dell’apertura della Coppa del Mondo 2018 in Russia il 14 giugno.

Non c’è un reale rispetto per le esigenze del calcio internazionale all’interno dei club“, ha detto John Brewer, professore di scienze applicate alla St Mary’s University di Londra, che ha contribuito a preparare la squadra nazionale inglese per i Mondiali del 1990. “Loro (i club) vogliono i loro giocatori al 100% fino all’ultima partita, e non importa se ci sarà una Coppa del Mondo in seguito“.

Cosa fare? I preparatori si affidano all’high-tech per tenere d’occhio i loro atleti. Il GPS viene utilizzato per tracciare ogni loro mossa durante le sessioni di allenamento e le partite, misurando i cambiamenti durante la corsa o la velocità di accelerazione mentre i monitor monitorano la propria frequenza cardiaca.

In un anno come questo che si chiude con la Coppa del mondo, come fa un giocatore a raggiungere il picco di forma proprio a Giugno?

I giocatori che rientrano nella squadra di casa dopo l’allenamento o la partita, completano i questionari dando indicazioni dettagliate sulla dieta, i modelli di sonno e qualsiasi dolore, “che ci aiutano a individuare problemi che non sono necessariamente visibili“, ha detto Stephane Caterina, una preparatrice francese specializzata nel calcio.

E poi, poche settimane prima di una Coppa del Mondo, gli atleti sono valutati per capire se sono pronti per la competizione e preparati per le sessioni finali – “adattate ai singoli giocatori“, secondo Caterina. “Alcuni avranno una routine di fitness più dura perché hanno giocato meno e sono meglio in grado di gestirle, ne hanno addirittura bisogno. D’altra parte, qualcuno che ha giocato molto sarà risparmiato“.

Ai giocatori più logorati dalla stagione può essere prescritto un regime di bagni di acqua calda e fredda per aumentare il recupero muscolare, insieme a massaggi e altri trattamenti rigenerativi.

Sforzo ad alto rischio

Gli atleti non devono essere lasciati completamente statici, e possono fare esercizi “divertenti” a bassa intensità come gite in mountain bike o escursioni in montagna prima di riprendere il loro allenamento classico una o due settimane prima della prima partita.

L’obiettivo, ovviamente, è quello di avere giocatori in perfetta forma e resistenti alle lesioni. Ma è un equilibrio difficile, e a volte le cose vanno male nel periodo che porta a una Coppa del Mondo.

La Francia per esempio non ha dimenticato il trauma di Zinedine Zidane che subì uno strappo a un muscolo della coscia in una partita di riscaldamento cinque giorni prima dell’apertura della Coppa del Mondo 2002, una battuta d’arresto che fu in parte il motivo per la scarsa prestazione della nazionale. Un destino simile si è abbattuto quest’anno sull’Egitto, con l’attaccante Mohamed Salah infortunato a una spalla mentre giocava per il Liverpool nella finale della Champion’s League il 26 maggio.

Uno studio del 2013 sul Journal of Science and Medicine and Sport ha detto che le esigenze fisiche del calcio sono salite alle stelle dal 1966, quando si tenne l’ottava Coppa del Mondo. La velocità di gioco è aumentata del 15% fino al 2010, e la palla ha superato il 35%, secondo l’analisi sui dati della Coppa del Mondo.

Mentre l’intensità aumentata produce molta eccitazione per i fan, si corre il rischio di “un’aumentata probabilità di lesioni attraverso collisioni ad alta velocità che implicano maggiore energia cinetica e quando si spostano a velocità di sprint più frequentemente“, hanno detto gli autori dello studio.

Il rischio è reale

Un altro studio ha contato 104 infortuni ai Mondiali del 2014 in Brasile, con una media di 1,68 per partita. Quasi i due terzi delle lesioni erano alle gambe, il 18% alla testa o al collo e il dieci per cento a una mano, un braccio o una spalla.

La diagnosi più frequente era una tensione alla coscia“, ha detto un articolo del British Journal of Sports Medicine. Quasi due terzi delle lesioni sono venute dal contatto tra giocatori.

Ma la ricerca ha rilevato che il numero di infortunati era in realtà diminuito dal 1998, dovuto in gran parte a un calo del gioco scorretto dovuto a regole e controlli più severi.

In un anno come questo che si chiude con la Coppa del mondo, come fa un giocatore a raggiungere il picco di forma proprio a Giugno?

Grinta

La “durezza” mentale, dicono gli esperti, è qualcosa che ogni buon giocatore deve avere.

Gli atleti che sentono di poter far fronte alle richieste della competizione considerano questa competizione al top una sfida e hanno maggiori probabilità di produrre le loro migliori prestazioni“, ha detto all’agenzia Lee Moore, docente di psicologia dello sport all’Università di Bath.

D’altro canto, “gli atleti che pensano di poter aver problemi a far fronte alle richieste la considerano una minaccia e hanno maggiori probabilità di sottoperformare“.

Una revisione scientifica pubblicata sulla rivista Sports Medicine nel mese di aprile ha concluso che l’affaticamento mentale compromette la corsa, il passaggio, il tiro, i contrasti,  il processo decisionale e le prestazioni tattiche sul campo.

Le squadre dovrebbero assicurarsi di recuperare sia mentalmente che fisicamente tra una partita e l’altra“, ha dichiarato Michael Smith dell’Università di Newcastle in Australia, che ha collaborato alla stesura del documento.

Questo implicherebbe dormire abbastanza e avere abbastanza tempo per riposare / per il tempo libero“, ha detto a AFP. L’affaticamento mentale può derivare da troppi incontri tattici, interviste con i media e allenamento ai videogiochi.

I giocatori dovrebbero evitare attività mentali impegnative prima di una partita e possono beneficiare del consumo di caffeina prima di una partita o alla metà del tempo“, ha detto Smith.