Se in passato hai avuto problemi con l’idratazione o i crampi e sei andato online cercando una soluzione, è probabile che tu abbia letto il termine “test del sudore”.

In questo articolo spiegheremo cosa è un “test del sudore”, quali sono le opzioni e in che modo potrebbe aiutarvi a migliorare significativamente le vostre prestazioni.

Primo, perché gli umani sudano così tanto?

Ecco un fatto degno di nota, gli uomini sudano molto più di qualsiasi altro animale sulla terra.

Il nostro tasso di sudore può essere fino a 2 volte più alto dei cammelli e possiamo essere fino a 5 volte più sudati rispetto ai cavalli (in termini di sudore prodotto all’ora rispetto alla superficie corporea totale).

È opinione diffusa che la capacità di sudare si sia sviluppata sotto pressioni evolutive quando i nostri antenati stavano cacciando e raccogliendo sulla calda e secca savana africana.

La sudorazione ci ha permesso di scaricare l’eccesso di calore nell’ambiente con maggiore facilità di quanto non facciano gli ansimanti (il metodo utilizzato da molti altri animali), quindi i primi umani con una maggiore quantità di sudore potevano spostarsi durante la parte più calda della giornata senza surriscaldarsi e sfruttare questo vantaggio competitivo quando si trattava di cacciare e raccogliere.

Di conseguenza, nel pool genetico è stata promossa una forte sudorazione e con il passare del tempo siamo diventati “sudatori” migliori.

Anche se la maggior parte di noi non ha più bisogno di cacciare e raccogliere nella savana per sopravvivere, gli umani moderni hanno conservato la capacità di sudare copiosamente a fini di raffreddamento e questo è uno dei tratti fisici che ci rende bravi a fare esercizi di resistenza al caldo.

Qual è l’aspetto negativo della sudorazione?

Il lato negativo di tutto ciò è il sudore che porta a perdite di fluido ed elettroliti relativamente rapide.

Se queste perdite non vengono corrette per un periodo abbastanza lungo, segue naturalmente un calo delle prestazioni: in gran parte perché il volume del sangue è ridotto e gli sforzi cardiovascolari aumentano quando si è significativamente disidratati.

Quindi abbiamo bisogno di consumare liquidi – e spesso elettroliti – in quantità relativamente grandi (rispetto ad altri animali) quando stiamo sudando molto per rimpiazzare ciò che stiamo perdendo.

Negli ultimi 50 anni circa c’è stato un grande interesse a scoprire quanto – e cosa – gli atleti hanno bisogno di bere per massimizzare le prestazioni, specialmente in ambienti caldi e umidi.

Il test del sudore è stato al centro di gran parte della ricerca sui requisiti di idratazione degli atleti e sta diventando sempre più qualcosa a cui gli atleti si rivolgono quando cercano guadagni in termini di prestazioni.

Perché testare il tuo sudore?

Il test del sudore viene normalmente utilizzato con gli atleti per rispondere a due domande chiave:

  • Quanto sudore stai perdendo durante l’esercizio?
  • Cosa stai perdendo in quel sudore?

La seconda domanda si concentra in gran parte sulla composizione elettrolitica del sudore e, almeno da un punto di vista dell’idratazione, l’elettrolita più importante trovato nel sudore è il sodio perché aiuta ad assorbire e trattenere i fluidi nel sangue.

Il sodio è anche quello che si perde in quantità enormemente diverse da persona a persona, da un minimo di 200 mg di sodio per litro di sudore fino a 2.000 + mg / l!

Ottenere le risposte a queste due domande ti consente di personalizzare la tua strategia di idratazione e questo può aiutarti a massimizzare le tue prestazioni, specialmente in condizioni di caldo / umidità.

Uno studio recente ha visto atleti che hanno sostituito una percentuale adeguata di ciò che avevano perso nel loro sudore, terminando un Ironman di 70,3 minuti in media 26 minuti rispetto a quelli che non lo avevano fatto!

Anche se non c’è alcuna garanzia che tutti possano vedere guadagni in termini di prestazioni massicci dall’assunzione di più sodio nelle gare, ciò indica il fatto che il rifornimento di sodio può essere molto importante, in particolare nelle gare più lunghe e più calde.

In questo articolo spiegheremo cosa è un test del sudore, quali sono le opzioni e in che modo potrebbe aiutarvi a migliorare le vostre prestazioni.

I diversi tipi di test del sudore

Esistono diversi metodi comunemente usati per raccogliere e analizzare il sudore di un atleta:

1 ) Tecnica Whole Washdown (WBW)

Questo è generalmente considerato il “gold standard” nella raccolta e analisi del sudore degli esercizi.

Come suggerisce il nome, questo metodo prevede il lavaggio completo di un atleta in acqua deionizzata e quindi il loro esercizio (presumibilmente nudo) in un ambiente di plastica completamente chiuso. Ogni goccia di sudore prodotta può quindi essere accuratamente raccolta e analizzata per un’analisi molto accurata in laboratorio.

La ragione principale per cui questo metodo è considerato da un punto di vista scientifico è che è l’unico modo per raccogliere effettivamente il 100% del sudore dall’intero corpo di un atleta per l’analisi e quindi ottenere una valutazione veramente non ambigua del sudore totale del corpo e perdite di elettroliti.

Gli svantaggi evidenti sono in gran parte pratici; è lungo e complesso. In pratica, il WBW viene utilizzato raramente con gli atleti ed è più spesso riservato per l’uso in specifici studi di ricerca con un numero limitato di soggetti quando la raccolta del 100% delle perdite di sudore è una priorità.

2) Patch Testing

Esercitare test con cerotti adesivi e assorbenti incollati su vari siti del corpo è probabilmente il tipo più comune di test del sudore utilizzato con gli atleti.

Piccoli cerotti sono attaccati alla pelle e lasciati durante l’esercizio, con il sudore che penetra nel materiale mentre l’atleta suda. Questi cerotti vengono quindi rimossi e il sudore estratto (di solito usando una siringa per “spremerli” o in una centrifuga) e la sua composizione analizzata in laboratorio.

Poiché il 100% del sudore dell’atleta non viene raccolto, il volume totale del sudore o il tasso di sudore viene generalmente stimato utilizzando invece le variazioni di peso corporeo (corrette per qualsiasi fluido consumato).

Un vantaggio di questo metodo è che il sudore può potenzialmente essere raccolto durante una vasta gamma di condizioni altamente sportive. Ciò significa che i risultati dovrebbero essere molto rappresentativi di quelli che si verificherebbero durante gli scenari sportivi del mondo reale, sebbene il più delle volte avvenga ancora in un ambiente di laboratorio.

Uno svantaggio del patch test è che la perdita per evaporazione del sudore dai cerotti (o la contaminazione di patch che non sono gestiti correttamente) può alterare significativamente i risultati. Mentre questo può essere minimizzato da professionisti esperti in condizioni controllate, è un lavoro difficile da ottenere sempre tutto il tempo.

Anche il patch test è un processo relativamente lungo, quindi il numero di atleti che possono essere testati in un determinato periodo di tempo è limitato e l’accesso alle strutture specialistiche è ancora necessario.

3) Test del sudore non fisico

I malati di fibrosi cistica perdono una quantità estremamente elevata di sale (cloruro di sodio) nel loro sudore, quindi i livelli di elettrolito del sudore sono usati come parte dei criteri diagnostici per la malattia.

Poiché spesso viene richiesta la diagnosi di bambini molto piccoli, sono stati sviluppati test del sudore che non richiedono che il soggetto si eserciti per produrre sudore.

Questi metodi utilizzano sostanze chimiche applicate sulla pelle per imitare l’effetto di alcuni neurotrasmettitori che stimolano le ghiandole sudoripare e consentono di raccogliere i campioni di sudore “a riposo”.

Negli ultimi anni questo tipo di test è stato usato sempre più frequentemente con gli a causa dei numerosi vantaggi che il test a riposo offre rispetto ai metodi basati sull’esercizio.

Il test del sudore senza esercizio ha il vantaggio di essere meno dispendioso in termini di tempo e non richiede sforzi significativi. Inoltre, poiché il processo di raccolta e analisi è molto controllato e semplice, i risultati sono estremamente affidabili e riproducibili con un basso rischio di “errore dell’utente” nella gestione del test.

I risultati sono solitamente disponibili anche nella maggior parte dei casi, rendendo più veloci i dati utilizzabili per gli atleti.

Poiché questo tipo di test non consente specificamente il calcolo della velocità del sudore contemporaneamente all’analisi della composizione del sudore, sono necessari ulteriori test per quantificare il tasso di sudore, ma questo può essere fatto semplicemente con un set di bilance decenti prima o dopo un test del sudore a riposo per dare un quadro più completo delle probabili perdite nette di liquido e di elettrolito di un atleta.