Da tempo molta comunicazione e molte pubblicità descrivono i radicali liberi come la causa della sofferenza umana, mentre gli antiossidanti sono l’ultima difesa e il segreto dell’immortalità. Sebbene i maghi della pubblicità esagerino la verità, i radicali liberi sono molecole che ossidano altre molecole. In pratica, rubano loro elettroni e creano danno alle cellule.

Gli antiossidanti possono aiutare a ridurre il danno che causano. I mitocondri nelle nostre cellule sono responsabili del rilascio di energia dalle molecole nel nostro cibo, ma liberano anche i radicali liberi che rubano gli elettroni come l’ossigeno reattivo e le specie reattive dell’azoto. Fortunatamente, gli antiossidanti liberano i radicali liberi e impediscono loro di causare ulteriori danni.

Quali sono i radicali liberi?

I radicali liberi sono atomi, ioni o molecole che contengono un elettrone spaiato. L’elettrone spaiato li rende instabili e altamente reattivi. In un processo chiamato ossidazione, i radicali liberi rubano elettroni da altre molecole – grassi, proteine, membrane cellulari e persino il DNA – alterando la struttura fondamentale della molecola interessata. Una molecola sbilanciata potrebbe non sembrare una preoccupazione importante, ma l’ossidazione scatena una reazione a catena danneggiando il DNA, la struttura e la capacità di funzionamento di una cellula. Nel tempo, il danno ossidativo si accumula e contribuisce all’invecchiamento e ad una varietà di malattie degenerative.

Da dove vengono i radicali liberi?

Esistono molti tipi di radicali liberi, ma quando li discutiamo in termini di salute, ci riferiamo a quelli che contengono ossigeno nella molecola, noti come reactive oxygen species (ROS).

L’ossigeno è un elemento essenziale per la vita, e ogni cellula del corpo lo richiede per il metabolismo cellulare. Durante il metabolismo cellulare, le cellule usano l’ossigeno per convertire il cibo in una forma di energia che il corpo può utilizzare, chiamato ATP. I radicali liberi sono un sottoprodotto naturale del metabolismo cellulare.

Il metabolismo cellulare non è l’unica fonte di radicali liberi, che sono generati da infiammazione, stress, malattie e invecchiamento. Fonti ambientali pericolose come inquinamento, metalli tossici, alcol, fumo di sigaretta, radiazioni, prodotti chimici industriali e farmaci ci espongono ai radicali liberi.

Evitare completamente i radicali liberi non è né possibile né desiderabile. A basse concentrazioni infatti sono benefici per il corpo umano. Il sistema immunitario li usa per difendersi dagli agenti patogeni.

Come in tutte le cose, tuttavia, il giusto equilibrio è fondamentale e iniziano i problemi quando i radicali liberi sono altamente squilibrati. Quando i questi sopraffanno il corpo, questo porta allo stress ossidativo.

Cos’è lo stress ossidativo?

Lo stress ossidativo è il danno ossidativo che deriva da uno squilibrio tra i radicali liberi e il deposito di antiossidanti del corpo. Secondo la teoria dell’invecchiamento dei radicali liberi (FRTA), gli organismi invecchiano a causa del loro accumulo nelle cellule e nel DNA. La teoria afferma che il danno cumulativo ai componenti cellulari e al tessuto connettivo porta a rughe, diminuzione della capacità fisica, aumento della suscettibilità alle malattie e morte. Sebbene la teoria dell’invecchiamento dei radicali liberi resti controversa, lo stress ossidativo contribuisce a condizioni degenerative come l’artrite, le malattie cardiache, l’ipertensione, il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, la distrofia muscolare e altro ancora.

Il potere degli antiossidanti contro i radicali liberi

I radicali liberi entrano nel corpo e sono alla ricerca di elettroni per rubare (o regalare) e non sono schizzinosi. Hanno bisogno di coppie di elettroni per essere stabili e cercano freneticamente molecole per raggiungere questo obiettivo. I radicali liberi prenderanno (o lasceranno) un elettrone, sia esso disponibile o meno, compresi quelli in fragili molecole di DNA, proteine e grassi. Gli antiossidanti bloccano i danni dei radicali liberi alle molecole accettando o donando un elettrone per renderlo stabile. Gli antiossidanti sono unici in quanto rimangono stabili quando donano un elettrone. Le fonti di antiossidanti sono spesso discusse in termini di capacità di combattere i radicali liberi. L'”attività di attacco” degli antiossidanti varia da uno all’altro.

Le fonti di antiossidanti sono spesso discusse in termini di capacità di combattere i radicali liberi. L'"attività di attacco" degli antiossidanti varia da uno all'altro.

Antiossidanti importanti

Il corpo produce naturalmente alcuni antiossidanti, come il glutatione, l’ubichinolo e l’acido urico. Probabilmente tutti noi ne ingeriamo molti altri attraverso la dieta o gli integratori. Alcuni degli antiossidanti più potenti provengono da frutta e verdura nei loro unici composti a base vegetale chiamati fitochimici . Ecco alcuni esempi:

Gli antociani

Trovati più abbondantemente in bacche, melanzane, cavoli rossi, uva rossa e altre piante alimentari dai colori vivaci, gli antociani sono pigmenti di colore viola comuni a tutte le piante. Sono ciò che rende i mirtilli blu e lamponi rossi. Gli antociani forniscono un’ampia gamma di benefici per la salute.

Polifenoli

I polifenoli sono un gruppo di diverse migliaia di sostanze fitochimiche con proprietà antiossidanti. Si sente spesso parlare dei polifenoli nel cioccolato, ma gli scienziati stanno perseguendo e pubblicando sempre più ricerche sul polifenolo chiamato curcumina, il composto curcuminoide attivo nella curcuma.

Curcuninoidi

Questi composti di curcuma polifenolica sono stati valutati per una miriade di benefici per la salute. I curcuminoidi proteggono e promuovono la salute attivando il sistema immunitario, proteggendo il cervello e influenzando l’espressione genica e altri effetti benefici.

Beta carotene

Il beta-carotene è un pigmento arancione rossastro che si trova naturalmente nelle carote, nelle zucche, nelle patate dolci, nei mango, negli spinaci, nello squash, nel pomodoro, nel cantalupo, nelle pesche. All’interno del corpo, è convertito in vitamina A. È importante notare che mentre il beta-carotene stesso è un potente antiossidante, i risultati di alcune ricerche hanno messo in dubbio che la vitamina A abbia un’attività antiossidante.

licopene

Il licopene è un pigmento rosso vivo che si trova nei pomodori, nei cocomeri e nelle papaia. Come il beta-carotene, il licopene è un carotenoide – un tipo di fitochimico con proprietà antiossidanti. Il licopene contribuisce a ridurre il rischio di cancro alla prostata, coaguli di sangue e ictus.

Vitamina C

La vitamina C, chiamata anche acido ascorbico, supporta il sistema immunitario e una buona salute in tutto. è anche un ottimo antiossidante. Buone fonti di vitamina C includono peperoni rossi e gialli, kiwi, broccoli, cavoli, fragole e, naturalmente, agrumi come arance e limoni.

Vitamina E

La vitamina E è una vitamina liposolubile nota per le sue proprietà antiossidanti. Olio di girasole e di cartamo, verdure verdi, noci e semi sono fonti ricche di questo antiossidante. La vitamina E è anche prontamente disponibile in integratori multivitaminici e vitamina E.

Selenio

Il selenio è un minerale essenziale e antiossidante che è fondamentale per la salute della tiroide. I nostri corpi non producono selenio, quindi dobbiamo prenderlo da fonti alimentari o integratori. Noci brasiliane, funghi bottoni e shiitake, fagioli di lima, semi di chia e riso integrale sono tutte buone fonti alimentari di selenio.

Inserire antiossidanti nella dieta

In definitiva, una vita sana è il prodotto di scelte salutari e l’impegno a vivere uno stile di vita sano ogni giorno. Molti cibi comuni, in particolare frutta e verdura, sono ricchi di antiossidanti e una dieta attentamente pianificata dovrebbe fornire tutto ciò di cui hai bisogno. I fattori esterni ed ambientali, tuttavia, possono esporci a più radicali liberi di quanto la sola dieta possa gestire. In questi casi, la supplementazione può aiutare.