La capacità dell’atleta di correre a velocità elevate, di fare uno sprint, è una componente integrante nei campi correlati della riabilitazione sportiva e dell’allenamento di potenziamento delle prestazioni degli atleti.

Fare uno scatto significa percorrere una breve distanza a velocità massima., in particolare sono un ottimo esercizio per diventare più veloci, per aumentare la propria potenza esplosiva e migliorare la tecnica nella corsa.

Un alto effetto afterburn e il rilascio di ormoni della crescita sono esattamente gli effetti che vogliamo ottenere con lo sprint. Gli ormoni della crescita aiutano a bruciare i grassi, costruire i muscoli e in generale, a migliorare le prestazioni. Nonostante la distanza da percorrere sia breve, gli scatti possono davvero essere estenuanti. Fare più scatti in un giorno, senza sacrificare la qualità della prestazione, è praticamente impossibile.

Un obiettivo principale del processo di riabilitazione è quello di riportare l’atleta al livello precedente di prestazioni atletiche inclusa la velocità di corsa pre-infortunio dell’atleta. Per quanto riguarda l’allenamento di potenziamento delle prestazioni dell’atleta, una componente necessaria dell’allenamento, quando appropriato, sarebbe quella di migliorare le abilità dell’atleta in velocità lineare.

L’analisi delle varie progettazioni di programmi di allenamento di riabilitazione e / o miglioramento delle prestazioni spesso porta a grandi dubbi, oltre a rivelare la mancanza di un volume di sprint programmato appropriato, poiché spesso il focus della prescrizione del volume è di natura “tempo”.

Il Professionista della Riabilitazione, Forza e Condizionamento deve garantire che l’atleta incorpori un volume di sprint adeguato nei propri programmi di allenamento per la riabilitazione e il potenziamento delle prestazioni. In base alla storia medica dell’atleta, ai livelli di qualità fisica dimostrati, all’età biologica, alla storia dell’allenamento, ecc., Questi volumi di sprint appropriatamente prescritti varieranno da atleta a atleta. Nondimeno è essenziale incorporare adeguati volumi di sprint ad alta velocità nel programma di riabilitazione e di allenamento delle prestazioni dell’atleta.

I benefici dello sprint sono numerosi

Di seguito sono riportate alcune semplici spiegazioni per la prescrizione di volumi di sprint adatti per l’atleta:

Miglioramento della velocità – L’ovvia ragione per l’incorporazione di volumi di sprint appropriati è che l’atleta aumenti la propria velocità lineare. La velocità è un’arma pericolosa nel mondo dello sport e gli atleti più veloci avranno un netto vantaggio sul loro avversario più lento nell’arena della competizione sportiva.

Migliorare l’indice di co-attivazione della muscolatura degli arti inferiori – Un ulteriore vantaggio di eseguire un allenamento ad alta velocità di sprint è l’effetto positivo sull’indice di co-attivazione del corpo. Un semplice esempio dell’indice di co-attivazione è durante le attività a velocità inferiore a corpo libero (oltre all’intensità di peso applicata) risultante nella stabilizzazione di un’articolazione attraverso i gruppi di muscoli agonisti e antagonisti, che lavorano insieme poiché queste velocità di movimento più lente determinano uno stress applicato per un periodo prolungato di tempo. Pertanto l’indice di co-attivazione dei gruppi di muscoli agonisti e antagonisti che lavorano insieme durante una prolungata attività lenta è vicino o in rapporto 1: 1.

I movimenti dello sprint ad alta velocità dipendono da un breve fattore di tempo di contatto con il terreno. L’esecuzione di attività di sprint ad alta velocità richiede un contributo importante dal gruppo o dai gruppi di muscoli agonisti mentre il gruppo / i di muscoli antagonisti ha un livello inferiore di contributo. Questo contributo enfatizzato del gruppo muscolare agonista si traduce in uno spostamento dell’indice di co-attivazione a favore dell’agonista. Questo contributo enfatizzato degli agonisti determina una propulsione ad alta velocità ottimale, nonché un movimento fluido del corpo nella direzione desiderata del movimento. Charlie Francis e Tudor Bompa hanno indicato che gli atleti più esperti sono quelli con la capacità di rilassare completamente i loro gruppi muscolari antagonisti durante il movimento ad alta velocità e che i movimenti irregolari e grezzi sono il risultato di una scarsa coordinazione tra agonisti e antagonisti.

Speed ​​Endurance – È una cosa per l’atleta che deve andare alla massima velocità di sprint per alcune ripetizioni, ma una necessità di molti gare atletiche è che l’atleta si esibisca alla massima velocità frequentemente per tutta la durata della competizione. Se l’atleta non ha la resistenza alla velocità per eseguire a velocità massima ripetutamente nel tempo, si verificherà un eccessivo affaticamento con conseguente perdita di forza, competenza tecnica, possibile rischio di lesioni e inefficienza neuromuscolare durante le prestazioni di sprint. L’atleta deve eseguire un volume adeguato di sprint per stabilire un livello appropriato di resistenza alla velocità.

I benefici dello sprint sono numerosiCronometraggio neuromuscolare – La letteratura ha dimostrato che il muscolo bicipite femorale più spesso lesionato durante la competizione sportiva è il bicipite femorale (BF). Un possibile meccanismo che può causare la lesione di questo muscolo è un tempo neuromuscolare scadente. Il muscolo BF è composto da una testa lunga e una testa corta con diverse innervazioni nervose. Il nervo tibiale innerva la lunga testa del BF mentre la testa corta è innervata dal nervo peroneo comune (Figura 1). Se il “timing” neuromuscolare dell’innervazione del muscolo BF è scarsamente coordinato, ciò può causare un infortunio al tendine del ginocchio.

Un’analogia del significato della temporizzazione neuromuscolare applicabile della spalla si verifica durante la riabilitazione della muscolatura della cuffia dei rotatori in un lanciatore di baseball. Durante questo processo di riabilitazione della spalla deve essere stabilito un timing neuromuscolare tra la muscolatura delle articolazioni gleno-omerale (GH) e scapolo-toracica (ST) della spalla per ottenere prestazioni ottimali.