I rischi dell’esercizio fisico per gli anziani

Di:   ScienzeMotorie  |  1 Gennaio 1970

Il rischio di un’emergenza cardiaca aumenta notevolmente quando una persona si sta esercitando intensamente. Alcuni medici hanno sostenuto che le persone anziane che intendono esercitarsi dovrebbero sottoporsi a uno screening preliminare esauriente, che include un elettrocardiogramma sotto sforzo.

Questo screening può essere auspicabile se la persona anziana intende intraprendere un programma di allenamento molto faticoso, ma non è necessario se un individuo anziano desidera semplicemente fare un piccolo aumento nella sua normale attività fisica quotidiana.

La persona che inizia un programma di esercizi ha un rischio complessivo più basso di morte improvvisa rispetto a un coetaneo sedentario. Forse a causa di un atteggiamento meno ambizioso nei confronti dell’esercizio fisico, i rischi relativi dell’attività fisica (decessi durante l’esercizio fisico rispetto ai decessi quando sedentari) diminuiscono anziché aumentare con l’invecchiamento della persona.

Alcune precauzioni possono migliorare la sicurezza dell’esercizio per l’individuo più anziano. La quantità di esercizio suggerita non dovrebbe fare altro che lasciare il partecipante piacevolmente stanco il giorno successivo. I processi di recupero dovrebbero seguire lentamente e un allenamento vigoroso dovrebbe quindi essere fatto a giorni alterni. Nelle persone che hanno una malattia articolare preesistente, la camminata deve essere sostituita da jogging o corsa poiché la camminata veloce offre uno stimolo di allenamento sufficiente con un minor rischio di scivolamento e uno stress da impatto molto minore sulle ginocchia.

I rischi dell'esercizio fisico per gli anziani

I benefici delle attività supportate dal peso

Le attività che supportano il peso, come il nuoto e le attività acquatiche, sono utili soprattutto per gli anziani che soffrono di problemi articolari. La vista, l’udito e l’equilibrio sono tutti più poveri rispetto a una persona più giovane. Pertanto, gli anziani dovrebbero evitare gli sport in cui esiste il rischio di collisione con gli avversari o, in alternativa, con oggetti fissi. Se c’è una storia passata di cadute, è necessario prestare particolare attenzione quando si perseguono attività che richiedono un buon senso di equilibrio (sia che si tratti di arrampicare, sciare, andare in bicicletta o semplicemente camminare su una piscina che è scivolosa).

Nelle persone anziane che assumono farmaci ipotensivi, c’è il pericolo di una brusca perdita di coscienza quando si trovano al termine di una sessione di allenamento. Ciò è particolarmente se la stanza è calda o se le vene della persona sono rilassate a causa di essere in una piscina per un periodo di tempo. Gli estremi ambientali non sono ben tollerati. Se il tempo è notevolmente caldo o freddo, l’attività fisica dovrebbe essere svolta all’interno di una struttura climatizzata.

Come creare un programma di formazione per anziani

Per creare programmi di allenamento di qualità per gli anziani, è necessario comprendere più degli aspetti fisici dell’invecchiamento e dell’attività fisica. Le prove hanno suggerito che credenze, ipotesi e aspettative possono contribuire alla malattia e alla guarigione. Pertanto la percezione della salute di una persona può influire in modo significativo sui sintomi fisici e psicologici, sulle scelte di salute, sui comportamenti e, in definitiva, sui risultati.

Le percezioni di se stessi e le percezioni di come uno è visto dagli altri include in modo significativo la motivazione generale al cambiamento. Le aspettative, gli atteggiamenti e le norme soggettive, così come il controllo comportamentale percepito, influenzano la percezione dell’invecchiamento e dell’attività fisica. Questi sono intrecciati con le percezioni di se stessi e offrono una visione di alcuni dei motivi e degli ostacoli all’attività fisica.

Si consiglia agli adulti più anziani di fare 150 minuti di allenamento a settimana. Esistono diversi modi in cui gli anziani possono accumulare questo totale a settimana:

Il termine “accumulo” si riferisce al raggiungimento dell’obiettivo di 150 minuti alla settimana attraverso lo svolgimento di attività in diversi periodi più brevi di almeno 10 minuti ciascuno. Che vengono distribuiti durante la settimana e quindi sommando il tempo trascorso durante ciascuno di questi periodi, ad esempio, 30 minuti di attività di intensità moderata cinque volte a settimana.

Queste raccomandazioni sono rilevanti per tutti gli adulti più anziani, indipendentemente da sesso, razza, etnia o livello di reddito.