Non esiste un unico percorso per il successo nello sport. Sono moltissimi gli esempi di grandi atleti che hanno “scoperto” il loro talento avanti con l’età e sono poi rimasti a grandi livelli per molto tempo, ma abbiamo anche tantissimi esempi di sportivi che hanno dimostrato di essere destinati a grandi risultati già in giovane età. Sono innumerevoli i casi di entrambi gli esempi, in qualunque genere di sport.

Ma c’è un momento ottimale per iniziare la specializzazione in uno sport particolare? Questa è una domanda così difficile che non è quasi possibile rispondere in maniera assoluta. Cercheremo qui delle prove per stabilire se i giovani atleti che si specializzano molto presto abbiano più o meno probabilità di successo di atleti che iniziano dopo a concentrarsi su uno specifico  allenamento, competizione e specializzazione nello sport.

  • Cosa fanno gli atleti d’élite? Esistono prove per dire se la specializzazione in anticipo o in ritardo sia migliore?
  • Il concetto secondo cui ci vogliono 10.000 ore di pratica per diventare un “esperto” di uno sport che valore ha? Esiste il talento oppure il duro lavoro e la pratica permettono a chiunque di avere successo?
  • Qual è il concetto di sviluppo dell’atleta a lungo termine (LTAD)? Dove sono i suoi punti di forza e dove sono i suoi difetti, sia praticamente che fisiologicamente?
  • Quali sono le implicazioni di tutto ciò per allenatori, genitori e giovani atleti?

 

Specializzazione precoce e tardiva: presentazione dei concetti

Iniziamo guardando alcune prove per ciò che fanno gli atleti d’élite, e per questo, mi concentrerò su uno specifico documento di ricerca chiamato “Specializzazione tardiva: la chiave del successo in centimetri, grammi o secondi

Ecco una ripartizione sistematica del documento, esaminiamo la principale domanda di ricerca, la logica alla base della ricerca, i suoi risultati e il modo in cui potrebbero essere interpretati.

La domanda di ricerca e la logica

Il documento aveva lo scopo di individuare quale dei due modelli per lo sviluppo di atleti d’élite fosse più efficace nella produzione di prestazioni d’élite. Questi due modelli sono riassunti nello schema seguente. Ma prima di iniziare, dobbiamo definire la specializzazione. Nel documento, ha una definizione piuttosto maldestra, in cui è un ibrido definito come un focus su uno sport specifico, oltre ad essere misurato in ore di pratica in quello sport.

In molti casi, la specializzazione e il volume di formazione saranno correlati: più ti focalizzi / specializzi, più tempo hai per questo sport. Ad esempio, un bambino di 15 anni con 2 ore al giorno per allenarsi si allenerà di più per lo Sport A se è specializzato, rispetto a se ha diviso le 2 ore tra Sport A e Sport B. Tuttavia, questo non è sempre il caso – i quindicenni possono essere “diversificati” e fare entrambi gli sport, ma continuano a fare più allenamento in ciascuno.

La specializzazione dovrebbe essere misurata come il numero di ore di allenamento per lo sport A rispetto al tempo trascorso a praticare sport B, C e D. Qualcuno che pratica solo il tennis per un’ora al giorno è più specializzato di qualcuno che allena il tennis per due ore, ma gioca anche a calcio per un’ora al giorno. In letteratura, tuttavia, sembra esserci confusione intorno a questo aspetto e la specializzazione non è solo “messa a fuoco singola”, ma anche tempo di allenamento. In altre parole, è “la specializzazione più la pratica del tempo”.

Quindi alla sinistra c’è questo modello di “specializzazione precoce”, in cui si raccomanda di concentrarsi presto su uno sport. Ciò è motivato in gran parte dal fatto che ci vogliono così tante ore di pratica per diventare abili, e quindi devi iniziare da giovane, e concentrarsi fin da giovani, per accumularle. Questo è l’argomento di Ericsson, e se hai letto “Bounce: The Myth of Talent and the Power of Practice”, saprai che  ha fatto uno studio sui violinisti a Berlino e ha scoperto che i violinisti di spicco avevano praticato per quasi 10.000 ore, rispetto alle sole 8.000 ore di quelli “bravi” e le 4.000 ore per i violinisti “normali” (la capacità dei violinisti è stata valutata dai professori e dagli insegnanti, nel caso ve lo stiate chiedendo).

Questo studio ha portato a questo concetto di 10.000 ore, che è stato applicato a tutti i tipi di abilità, incluso lo sport. C’è un problema però, perché lo sport non è la stessa cosa che suonare un violino in quanto vi sono senza dubbio attributi fisici che l’allenamento non può cambiare ma che determinano il proprio “limite di capacità” nella maggior parte degli sport.

L’esempio più ovvio è che se sei alto 1,50 m, non sarai mai una star del basket, anche se accumuli 20.000 ore di pratica. Il tuo corredo genetico elimina alcune delle tue opzioni, determina il tuo massimale soprattutto quando le caratteristiche fisiologiche sono così importanti per il successo, e quindi l’allenamento aiuta a ottimizzare ciò che serve per fare in modo che arrivi a raggiungere il tuo massimale. Ecco perché nessuno riesce senza un po’ di allenamento, ma senza dubbio, alcuni hanno più “talento” per uno sport specifico rispetto ad altri.

Sul versante negativo, vi sono anche evidenze di tassi di abbandono più elevati con specializzazione precoce e anche potenziali esiti negativi sulla salute. Il problema è se un giovane atleta specializzato già a 9 o 10 anni è probabile che continui con lo sport oltre i 18, e ci sono alcune prove dicono che la risposta è NO.

A destra, il modello contrastante è la diversificazione precoce. Qui, i bambini praticano una serie di sport e la teoria è che sviluppano una vasta gamma di abilità, che vengono trasferite attraverso i vari sport. Il lato positivo proposto è che promuove la motivazione intrinseca (lascia che il bambino scelga da sé) e si equilibri attraverso una maggiore esposizione ai movimenti e assicuri quindi anche la longevità. Il rovescio della medaglia è che potrebbe essere troppo tardi per raggiungere quei limiti che avrebbe potuto superare con una specializzazione precoce.

L’unico modo per capire meglio è fare la domanda agli atleti di élite, ed è esattamente quello che ha fatto lo studio.

Il metodo e i risultati

Questo tipo di studio viene solitamente fatto guardando indietro in quello che viene chiamato un design retrospettivo. Gli atleti ricevono questionari che chiedono loro di ricordare quanto tempo hanno trascorso ad allenarsi ogni anno. Un problema fondamentale di questo tipo di ricerca è il fatto dipende dalla memoria e sappiamo tutti che non è infallibile. Puoi ricordare quante ore alla settimana hai fatto allenamento nel 2003? Gli autori del documento lo riconoscono e usano alcuni metodi per confermare la memoria degli atleti intervistati, e concludono che il riscontro è ragionevolmente buono, vista la limitazione. Ciò che realmente aiuterà ancora di più sarà uno studio longitudinale prospettico di 20 anni, che sicuramente sarà effettuato nei prossimi tempi.

Gli atleti intervistati nello studio erano atleti danesi di alto livello che erano stati divisi in due gruppi, “Elite” e “Near-Elite”. Gli atleti d’élite erano quelli che avevano raggiunto la Top 10 nella competizione mondiale e olimpica o il podio nelle competizioni europee. Nel gruppo Near-Elite c’erano 95 atleti che non avevano rispettato questi criteri, ma che erano ancora nel programma sportivo danese.

Gli atleti hanno poi ricevuto un questionario che esaminava principalmente il numero di ore settimanali praticate, dall’età di 9 anni fino a 21 anni. Dovevano anche riferire quali altri sport facevano e quando raggiungevano determinati “traguardi” nello sport, come le prime competizioni internazionali, quando hanno iniziato un intenso allenamento e quando hanno raggiunto il livello top.

L’altra cosa molto importante da sottolineare è che hanno campionato solo gli atleti in quelli che sono chiamati sport CGS – questi sono gli sport misurati in centimetri, grammi e secondi. Pensa a canottaggio, nuoto, atletica leggera, kayak, sollevamento pesi, vela, triathlon, ciclismo. Questo è vitale, perché questo studio NON ci permetterà di rispondere se un giocatore di tennis o un giocatore di golf dovrebbe iniziare più giovane. Guarda anche gli sport che sono in genere più favoriti dalla specializzazione successiva, perché in generale, l’età di punta in questi sport è tra i 25 e i 30 anni. Gli sport come le immersioni e la ginnastica, d’altra parte, sono caratterizzati da un picco nella tarda adolescenza, intorno ai 20 anni, e questo è un punto significativo da considerare.

Di seguito è riportato un riepilogo dei principali risultati relativi al tempo di allenamento cumulativo, con una breve spiegazione sotto (è abbastanza auto-esplicativo).

elite-vs-near-elite

Quattro risultati principali

  • La prima è che il gruppo Near-Elite ha avuto un inizio in anticipo rispetto a quelli che sarebbero diventati una élite: all’età di 9 anni, sono 160 ore di pratica di differenza.
  • Questa differenza persiste fino all’età di 18 anni, momento in cui non c’è differenza tra gli atleti Elite e Near-Elite.
  • Poi, all’età di 21 anni, gli atleti Elite hanno lavorato molto, con circa 1.100 ore di allenamento in più rispetto alle near-élite di quell’età.
  • E infine, non c’era differenza nel numero di mesi trascorsi in altri sport: 63 mesi per le élite, 62 per le near-elite. In altre parole, durante i 12 anni di campionamento, entrambi i gruppi hanno trascorso poco più di 5 anni praticando in altri sport. Quello che non viene riportato è come questi sport erano distribuiti – erano fatti prevalentemente da 12 a 15ani, erano fatti per 7 mesi all’anno o tutti in una volta?

La traiettoria pratica: quando dovrebbe essere incrementato il volume di allenamento?

La tabella sopra (e la tabella principale dei risultati nel documento) sono tuttavia incomplete. Ciò che veramente interessa è tracciare il tempo di pratica all’anno in questi atleti. Per qualche motivo non è stato presentato nel documento, ma è abbastanza facile da fare considerando i risultati, e qui c’è una re-analisi dei loro dati:

elite-vs-near-elite

Questo traccia il numero medio di ore di pratica a settimana nel tempo nei due gruppi. Le elites sono mostrate con il beige, le Near-Elite in blu. Abbastanza chiaramente, seguono diverse traiettorie.

  • Fino all’età di 9 anni, come abbiamo detto, gli atleti che diventeranno Near Elite fanno più del doppio di pratica – è un numero artificialmente basso, ovviamente, perché probabilmente c’è zero allenamento fino a forse 5 o 6 in media, ma doveva iniziare da qualche parte!
  • Dai 9 ai 12, i Near-Elite fanno 2 ore a settimana più degli atleti che diventeranno Elite
  • Dai 12 ai 15, i near-elite restano in vantaggio, e il risultato è che a 15 anni avevano accumulato circa 850 ore di pratica in più rispetto al gruppo Elite
  • Poi dai 15 ai 18, cambia. Qui, i Near-Elite iniziano a praticare meno, mentre il gruppo Elite continua, aumentando in media a quasi 2 ore al giorno. Questo spostamento è ciò che fa sì che il tempo di pratica cumulativa a 18 sia uguale tra i gruppi, come abbiamo mostrato nella figura precedente
  • Dai 18 ai 21, più o meno lo stesso – il gruppo Elite continua a passare 14 ore alla settimana in allenamento, mentre gli atleti che saranno Near-Elite scendono a poco meno di 7 ore settimanali

Quindi, abbastanza chiaramente, seguono percorsi molto diversi e finiscono in luoghi diversi: un gruppo continua a essere nella Top 10 a livello globale o in Top 3 in Europa, l’altro non lo fa abbastanza. Possono ancora farlo, ovviamente, lo studio era semplicemente un aspetto retrospettivo di un campione.

Gli autori hanno quindi fatto cinque conclusioni importanti.

  1. Gli atleti d’élite si specializzano più tardi nella loro carriera.
  2. Gli atleti di Near-Elite ottengono “traguardi” prima degli atleti d’élite (il riassunto è che gli atleti che diventano Near-Elite iniziano lo sport più giovani, si allenano prima e partecipano alla competizione internazionale 2 anni prima)
  3. Gli atleti d’élite entrano in competizione internazionale più vecchi (come sopra)
  4. Non c’è differenza nel tempo trascorso su altri sport (ricorda, 62 mesi contro 63 mesi durante il periodo di richiamo)
  5. “Non c’è ritardo nello sviluppo atletico che non possa essere ottenuto con una specializzazione tardiva”

Alcune conclusioni discutibili e ciò che lo studio REALMENTE mostra

Leggi di nuovo l’ultima conclusione, perché è forse la più importante del documento: “Non c’è ritardo nello sviluppo atletico che non possa essere ottenuto con una specializzazione tardiva“. In realtà si può non essere affatto d’accordo con questa conclusione.

Il risultato principale dello studio è che il successo e le prestazioni in questi sport CGS NON sono determinati da quanto tempo viene dedicato all’addestramento da bambino, e che aumentare il volume di allenamento più tardi (dopo i 15) è più che in grado di recuperare per il tempo NON trascorso in allenamento quando ancora più giovane.

Per quanto riguarda il problema della specializzazione, questa è una conclusione non supportata dai risultati! Il tempo speso per altri sport è stato lo stesso – potrebbe aver seguito un modello diverso, ma questo non è stato segnalato. Tutto quello che sappiamo è che entrambi i gruppi hanno fatto circa 62 – 63 mesi di allenamento in altri sport durante questo periodo. La specializzazione, definita come messa a fuoco su uno sport, non ha nulla a che fare con le prestazioni finali, quindi. Si tratta più del tempo trascorso in epoche diverse, che della “traiettoria pratica” che ho mostrato nel grafico sopra.

Diciamo solo che questo studio è stato molto più incentrato sul tempo di allenamento nello sport scelto e rappresenta un buon caso per ritardare i volumi di allenamento fino a metà degli anni dell’adolescenza. In effetti, devi sostituire “specializzazione” con “volumi di alta formazione” e poi hai la vera scoperta dello studio!