Per le persone oltre i 64 anni con problemi di obesità, la combinazione di esercizio aerobico e allenamento con i pesi è la strategia più efficiente per migliorare il funzionamento fisico rispetto a qualsiasi forma di esercizio da solo, conclude un nuovo studio.

Ogni tipo di esercizio e una combinazione dei due ha prodotto una riduzione del 9% del peso corporeo nell’arco di sei mesi. Ma la combinazione ha fornito il miglior mix di protezione contro la perdita muscolare e ossea e con una migliore capacità aerobica.

L’esercizio aerobico e l’allenamento con i pesi, noto anche come allenamento di resistenza, “hanno effetti additivi nel migliorare la tua funzione fisica“, ha detto l’autore principale Dennis Villareal del Baylor College of Medicine e il DeBakey VA Medical Center di Houston. “Nel complesso il paziente sente chiaramente gli effetti e noi siamo stati in grado di documentarlo oggettivamente.”

Le scoperte nel New England Journal of Medicine hanno un ampio significato perché un terzo degli adulti più anziani negli Stati Uniti ha problemi di obesità, con tutti i rischi per la salute derivanti dall’essere molto sovrappeso. Eppure c’è la preoccupazione che la perdita di peso possa renderli ancora più fragili perché anche ossa e muscoli potrebbero subire delle perdite.I risultati suggeriscono che la paura è infondata.

Sono stati arruolati nello studio centosessanta volontari del Nuovo Messico con un indice di massa corporea pari o superiore a 30, che li ha inseriti nella categoria obesi, e nessuna storia di esercizio regolare. Di questo gruppo, 141 partecipanti, per lo più donne bianche ben istruite, lo hanno completato. Per valutare le prestazioni fisiche, il team di Villareal ha utilizzato una scala a 37 punti, in cui i numeri più alti indicavano prestazioni fisiche migliori.

I volontari che hanno partecipato a sessioni di 60 minuti di allenamento aerobico o con pesi tre volte alla settimana per sei mesi hanno mostrato un aumento delle prestazioni del 14%, migliorando di 3.9 punti su quella scala di 37 punti.

I volontari che hanno fatto sia l’allenamento aerobico che quello di forza in sessioni più lunghe che sono durati dai 75 ai 90 minuti hanno mostrato un miglioramento di 5,5 punti, pari al 21%.

La combinazione di esercizio aerobico e allenamento con i pesi è la strategia più efficiente per le persone con problemi di obesità

In sostanza, il gruppo combinato esercitava più del solo gruppo aerobico e del solo gruppo di resistenza“, ha affermato il dott. Felipe Lobelo della Emory University – Rollins School of Public Health di Atlanta, che non è stato coinvolto nello studio. “Quindi in termini di volume di spesa energetica, quel gruppo ha fatto di più. Quindi per me non è sorprendente avere più benefici “.

Ma Villareal ha detto che c’era preoccupazione che i due tipi di esercizio, se combinati in una singola sessione, potessero interferire tra loro, quindi il tempo di allenamento nel gruppo combinato era più lungo.

Altrimenti faranno meno resistenza e meno aerobica rispetto al gruppo di resistenza e al gruppo aerobico“, ha detto. “Non è un paragone equo.”

Penso che l”interferenza tra allenamento di resistenza e allenamento della forza trovata in alcuni studi di formazione basati sui laboratori sia stata esagerata“, ha detto il dott. Benjamin Levine, direttore dell’Istituto per l’esercizio fisico e la medicina ambientale a Dallas, che è in parte gestito dal Centro medico del sud-ovest dell’Università del Texas.

Praticamente ogni atleta competitivo sa che il miglior risultato viene da una combinazione di forza, resistenza e allenamento tecnico“, ha scritto Levine, che non è stato coinvolto nello studio. “Non sono sicuro del motivo per cui gli studiosi hanno cercato di combinarli lo stesso giorno, ma questo studio dimostra che – a seconda delle preferenze e della logistica dei pazienti – la loro combinazione non è dannosa“.

Levine ha detto che lo studio, noto come LITOE, “mette in evidenza una percezione errata comune su individui con il problema dell’obesità – sebbene questi pazienti fossero considerati ” fragili “, la loro capacità cardiorespiratoria complessiva era in realtà notevolmente normale, che è comune negli individui che soffrono di obesità che devono portare nella loro vita quotidiana un peso importante. “

Ha aggiunto: “Non vedo l’ora di vedere il follow up su questi pazienti per imparare come funzionano a lungo termine, dal momento che sei mesi sono brevi e fitness / forza / vitalità è un processo che dura tutta la vita“.

Quanto sia facile replicare questo nella vita reale è ancora sconosciuto“, ha detto Lobelo. “I prossimi studi dovranno scoprire se è possibile convincere la gente a farlo in uno scenario reale“.


FONTE: https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa1616338 New England Journal of Medicine, online 17 maggio 2017.