Dopo essersi ritrovato a respirare a fatica per salire le scale di casa, Rich Roll, l’autore di “Finding Ultra“, ha deciso di cambiare il suo stile di vita. Abbassando il suo peso di circa 30 chili in sei mesi, questo papà fuori forma è diventato un atleta ultra-resistente a 39 anni.

 

Rich Roll: gli sport di ultra-resistenza non mi hanno solo cambiato fisicamente; in realtà mi hanno dato una nuova vita. Durante i miei 30 anni, stavo lavorando sulla mia carriera in azienda, molto intento a realizzare l’idea tradizionale del sogno americano. Ma nel profondo, ho iniziato a mettere in discussione questo percorso su cui mi trovavo.

 

Per oltre un decennio, davvero non mi ero preso cura di me stesso. Ero diventato un drogato di cibo spazzatura, avevo 50 chili di sovrappeso, ero un po’ di depresso e poco prima di compiere 40 anni mentre stavo salendo una semplice rampa di scale per andare a letto una sera ho dovuto fermarmi a metà strada. Ero senza fiato – ero senza fiato. Avevo il senso di oppressione al petto, ed è stato un momento molto preciso nel quale mi sono reso conto che non solo avevo bisogno di cambiare le mie abitudini di vita, ma che avevo la volontà, che volevo davvero farlo.

 

Mi resi conto che avevo idee vaghe per come mangiare meglio e avevo chiaro che lavorare un po’ o andare in palestra non avrebbero funzionato per me. Avevo bisogno di qualcosa di specifico, qualcosa di definitivo. Avevo sperimentato un sacco di diete diverse, senza alcun risultato, e ho tentato anche l’esperimento di mangiare solo vegetali come l’ultima cosa che non avevo esplorato.

 

Non avevo una grande aspettativa che avrebbe fatto una grande differenza, ma in circa sette-dieci giorni di mangiare nient’altro che piante – niente che avesse una madre, niente che avesse una faccia – ho sperimentato questa cosa straordinaria, come se avessi avuto questa rinascita nella vitalità, la mia acutezza mentale migliorata, il mio sonno migliorato, ho avuto questo senso di benessere ed energia che non avevo sentito da quando ero un adolescente. Non sapevo davvero cosa stavo facendo, ma in quel momento sapevo di essere coinvolto in qualcosa di importante.

 

Questo fatto ha iniziato a farmi pensare al potenziale umano e al mio potenziale, perché se potevo fare un cambiamento così semplice e di base e sperimentare un risultato così eclatante, dove potevo trovare altri serbatoi di potenziale inutilizzato che potevo esplorare? E questo è ciò che mi ha interessato, in definitiva, nel mondo degli sport ultra-resistenti.

 

fonte: https://www.swimswam.com

Al culmine dell’allenamento, direi che mi stavo allenando circa 25 ore a settimana, quindi era quasi un secondo lavoro e all’epoca ero ancora un avvocato praticante. Ho quattro figli, sono occupato a fare molte cose e al fine di rendere il tempo necessario per prepararsi adeguatamente a questa gara, ho dovuto fare alcuni tagli significativi e guardare  davvero con attenzione come stavo spendendo il mio tempo giorno per giorno.

 

Ho dovuto sbarazzarmi della televisione a tarda notte e di una serie di incontri di lavoro che potevano essere fatti con una telefonata o cun uno scambio di email per liberare il tempo necessario per presentarmi alla linea di partenza e sapere nel profondo del mio cuore cuori che avrei potuto completare questa gara.

 

Ho iniziato ad allenarmi, il che mi ha davvero collegato in modo molto profondo con mes stesso e, con mia sorpresa, a molte altre persone. Ho finito per mostrare un po’ di valore in questo campo e alla fine ho iniziato a gareggiare ad un livello molto alto, in particolare in una gara chiamata Ultraman, che è un triathlon con distenze doppie dell Ironman. Nel corso di tre giorni, circumnavighi completamente l’intera grande isola delle Hawaii.