Molti atleti, musicisti e persino manager si chiedono sempre più spesso hanno bisogno di un allenamento mentale per passare al livello successivo o per superare una fase difficile che stanno attraversando. Quando è il momento giusto? Come si fa a sapere se c’è bisogno di un mental coach?

Tutti traggono beneficio dalle capacità mentali che li aiutano a elaborare pensieri e lavorare attraverso le situazioni. A volte la sfida è sapere quando e come apprendere queste abilità. Parliamo di cosa tenere a mente quando si fanno delle scelte. Se sei un adulto e pensi di aver bisogno di imparare alcune abilità mentali, il tuo intuito ti sta probabilmente dicendo qualcosa. 

Cercare segnali

I segnali che indicano l’importanza di aggiungere l’allenamento mentale potrebbero essere lì da un po’ e stanno aumentando di gravità o stanno appena iniziando a comparire. Ecco alcuni (non tutti) dei segnali che potrebbero suggerire la necessità di valutare il supporto di un mental coach.

  1. L’allenamento è buono, ma le abilità sotto pressione non si notano.
  2. Negatività o dubbio sulla capacità di eseguire.
  3. Nervi incontrollabili.
  4. Aumento dei livelli di stress.
  5. Incapacità di lasciare andare gli errori.

La maggior parte di questi segnali sono vissuti da molti. Alcuni sanno di dover aggiungere alcune abilità per migliorare e alcuni continuano a lavorare sempre più duramente sulle loro capacità fisiche, ma non aggiungono le capacità mentali per riunire tutto.

Se si verificano questi casi, il prossimo passo migliore è pianificare una consultazione con un professionista per ottenere un diverso punto di vista e identificare come l’allenamento mentale può aiutare a ottimizzare l’approccio alle prestazioni.

L’atleta infortunato e l’importanza delle abilità mentali

Gli atleti hanno un forte senso di consapevolezza del proprio corpo e sono orgogliosi delle capacità dei loro corpi. Quindi, gli infortuni possono essere psicologicamente e fisicamente devastanti. La capacità di allenarsi e competere bene implica un enorme ego. 

Gli atleti si identificano spesso con quello che riescono ad ottenere dalle loro performance. Quindi, un infortunio pone un notevole stress su questa autoidentificazione. Quanto più grave è la lesione e tanto più lungo è il periodo di recupero-riabilitazione, tanto più prolungato e profondo può essere il disturbo dell’umore.

Gli atleti infortunati solitamente provano almeno tre risposte emotive: isolamento, frustrazione e disturbi dell’umore:

  1. Isolamento. La lesione costringe l’atleta a separarsi da allenatori, compagni di squadra e preparatori.
  2. Frustrazione.  L’atleta diventa frustrato perché percepisce la perdita di mesi di allenamento e di padronanza delle abilità, sebbene ci siano molti casi in cui gli atleti hanno usato il periodo di recupero per padroneggiare meglio le abilità mentali e altre abilità fisiche per tornare con successo alla competizione.
  3. I disturbi dell’umore sono comuni. L’atleta può essere temporaneamente depresso o sconvolto da piccoli fastidi.

Un infortunio può fornire all’atleta l’opportunità di lavorare con professionisti che si prendono cura di lui per rivalutare le sue ragioni per cui fa sport e per nella ridefinizione degli obiettivi sportivi

L’approccio degli atleti

C’è ancora molta perplessità negativa intorno al lavoro sullo sviluppo di abilità mentali. Ciò è in parte dovuto all’approccio degli atleti che è in gran parte fisico: “se lavoro fisicamente, tutto andrà benissimo”.  Il problema è che gli atleti si allenano molto tempo, ma quando ci sono ostacoli mentali, ci mettono più tempo e si sentono frustrati perché hanno fatto tutto, sanno come fare ma non stanno ancora migliorando.

Sfortunatamente molto spesso tutto ciò che sanno fare è fisico e il problema è probabilmente mentale.

La seconda ragione per cui c’è ancora molta perplessità nello sviluppo di un programma di allenamento per le abilità mentali è perché è legato alla psicologia. C’è ancora un po’ la convinzione che se stai vedendo qualcuno che lavora sulla tua testa, allora qualcosa deve essere sbagliato. Questo è lontano dalla verità. 

I fatti sono che non siamo nati con capacità mentali ottimali e non ci è mai stato insegnato come usarle al meglio. Quando siamo giovani, scopriamo come affrontare il nostro ambiente in base alle necessità e mentre quelle abilità “funzionano” quando si è giovani, molte di loro probabilmente non funzioneranno quando si invecchia. 

Cosa fa il mental coach

Il Mental Coach è un professionista che affianca, in maniera produttiva, le persone che vogliono raggiungere i propri obiettivi (sportivi, finanziari, familiari, lavorativi, imprenditoriali, ecc…). Il compito di questo professionista è quello di “trasformare” i suoi clienti facendoli “crescere” e migliorando concretamente la loro vita.

Il lavoro di un mental coach non è quello di correggere ciò che è rotto, si tratta di aiutare i clienti a sviluppare le capacità mentali di cui hanno bisogno in modo che possano affrontare il loro ambiente nel modo più ottimale. Finché non possiedi le giuste abilità mentali per te, il modo in cui hai a che fare con il tuo lavoro è l’unico modo in cui sai come affrontare il tuo ambiente. Davvero non hai il controllo su quello che sta succedendo.

Le abilità mentali ti danno la possibilità di avere più controllo su come competi, negatività, dubbi, nervi, stress e come vedi gli errori. Le abilità mentali ti permetteranno anche di essere più coerente e imparare a goderti tutti i passaggi.

Puoi allenarti più duramente e impiegare molte ore, ma la chiave per essere l’atleta che vuoi essere è allenarti e soprattutto farlo in modo più intelligente. Molti atleti si sentono in difficoltà nel cercare aiuto. Va bene. L’ignoto fa paura. Quando però iniziano a vedere i cambiamenti, l’ignoto non è più sconosciuto e la paura svanisce.