Una valutazione e un allenamento adeguati della muscolatura del piede sono fondamentali per una salute ottimale. Dato che i piedi sono il nostro fondamento e interagiscono quotidianamente con il nostro ambiente, se hanno problemi possono creare complicazioni a tutto il corpo. L’ American Orthopaedic Foot and Ankle Society classifica i problemi di piede e caviglia per area specifica: caviglia, mesopiede, tallone e alluce sono categorie primarie (AOFAS 2019). Tuttavia, data l’abbondanza di ricerche, dati e informazioni generali sulle condizioni del piede e della caviglia, non c’è abbastanza spazio per coprire ogni categoria, quindi questo articolo avrà un focus più ristretto: il mesopiede e il tallone con i problemi più comuni che sono la fascite plantare e i piedi piatti.

L’OSSO DEL PIEDE È COLLEGATO AL. . .

Ad un certo punto della loro formazione, i professionisti del fitness imparano a conoscere la catena cinetica. Questo è stato descritto come “il legame interconnesso di tutte le articolazioni del corpo”, che consente di trasferire la forza dal sistema nervoso ai sistemi muscolare e scheletrico (NASM 2014). In altre parole, il movimento del piede influenza il ginocchio, l’anca e persino la colonna vertebrale.

ARTICOLAZIONE SUBTALARE DELLA TIBIA

Il movimento nell’articolazione subtalare ha un legame diretto con il movimento nella tibia. Il movimento dell’articolazione subtalare avviene su tre piani e produce inversione e eversione subtalare. Insieme all’articolazione tarsale trasversale (cioè l’articolazione talonavicolare e calcagno-cusocuboide), l’articolazione sottotalare trasforma la rotazione tibiale in supinazione e pronazione dell’avampiede. L’asse di rotazione nell’articolazione è diretto verso l’alto di 42 gradi rispetto al piano orizzontale e di 16 gradi medialmente rispetto alla linea mediana del piede. Le faccette sottoastragali formano una spiralearchimedea nel piede destro, dove si verifica il movimento subtalare. Quindi, durante l’inversione subtalare, il calcagno ruota anche in senso orario e si sposta in avanti lungo l’asse della spirale.

TIBIA AL FEMORE

È importante riconoscere che durante le attività funzionali, come camminare, correre, accovacciarsi e così via, il femore risponde al movimento della tibia. Durante la rotazione tibiale interna, il femore si sposta in rotazione interna e adduzione. Al contrario, durante la rotazione tibiale esterna, il femore si sposta nella rotazione esterna e nel rapimento (Powers 2003).

FEMORE AL BACINO

Mentre il femore si muove, anche il bacino deve farlo. Un eccellente esempio di questo movimento pelvico deriva da uno studio condotto da Khamis et al. (2015), che hanno scoperto che indurre l’iperpronazione con un cuneo laterale ha influenzato significativamente le estremità inferiori e l’allineamento pelvico. I ricercatori hanno concluso che la pronazione del piede ha causato la rotazione interna della tibia, portando ulteriormente alla rotazione femorale interna e ad una successiva inclinazione anteriore del bacino (cioè, la parte anteriore del bacino si è spostata verso il pavimento).

In uno studio precedente, Rothbart ed Estabrook (1988) hanno indicato che un’eccessiva pronazione durante l’andatura porta ad un accorciamento funzionale della gamba e ad un’inclinazione pelvica anteriore, che può eventualmente causare debolezza dei glutei e disfunzione dell’articolazione sacroiliaca.

I cambiamenti funzionali nel piede possono anche compromettere le sequenze ottimali di attivazione muscolare all’anca. Lee, Jeong & Freivalds (2001) hanno dimostrato che un sollevamento del tallone da 2 e 3 pollici ha indotto un’inclinazione pelvica anteriore di 45 e 60 gradi, rispettivamente. Inoltre, Mika, Clark e Oleksy (2013) hanno scoperto che un sollevamento del tallone di oltre 3,5 pollici (10 centimetri) ha portato a una contrazione significativamente più precoce dell’erettore spinale e ha ritardato l’attivazione del gluteo massimo durante le attività di flessione del tronco. Ddovrebbe essere chiaro che i cambiamenti nella posizione del piede influenzano significativamente la funzione nel resto del corpo.

NUCLEO TRA ARTICOLAZIONE SUBTALARE

Mentre l’importanza di una solida base non può essere sopravvalutata, si deve anche essere consapevoli della disfunzione del piede che ha origine nel nucleo. In una revisione approfondita della letteratura, Barton et al. (2013) hanno concluso che l’attivazione ritardata del gluteo medio o la ridotta resistenza in questo muscolo erano associati a uno scarso controllo dell’anca nei piani frontale e trasversale. Una mancanza di controllo sull’anca può consentire la rotazione interna del femore e alterare la cinematica del ginocchio.

Come discusso nei paragrafi precedenti, se il movimento dell’articolazione subtalare provoca movimento nella tibia, che a sua volta provoca movimento nel femore, è ragionevole supporre che anche gli effetti possano riversarsi verso il basso: il movimento nel femore può causare movimento nella tibia, che può quindi causare movimento nell’articolazione subtalare (cioè appiattimento del piede o pronazione eccessiva).

PIEDE A. . . QUALUNQUE ALTRA COSA?

I professionisti del fitness devono riconoscere che la disfunzione del piede non è mai isolata dal piede. Altre disfunzioni, come problemi al ginocchio, alla parte bassa della schiena o persino al collo, possono essere correlate al piede e alla caviglia. O, forse, la stessa disfunzione del piede proviene da qualche parte della catena. Pertanto, se i professionisti vogliono fornire il miglior programma possibile, sia il processo di valutazione che l’intervento devono isolare e affrontare le molte potenziali cause di un problema.

Le persone con i piedi piatti scelgono di mascherare il problema acquistando una semplice soletta invece di identificare la causa principale del problema

IL MESOPIEDE: PIEDI PIATTI

La parte mediana – l’area proprio davanti al tallone e dietro le articolazioni del metatarso – è un sito chiave del dolore al piede. Un arco basso o un piede piatto è una delle condizioni più comuni del mesopiede. Troppo spesso, le persone con i piedi piatti scelgono di mascherare il problema acquistando una semplice soletta da banco invece di impiegare davvero il tempo per identificare la causa principale del problema e trovare una soluzione probabile.

CAUSE E CARATTERISTICHE

I piedi piatti possono essere causati da una deformità nella struttura ossea del piede (cioè, le ossa non formano un arco naturalmente), oppure la causa può essere funzionale (cioè, c’è un arco, ma i muscoli sono diventati troppo deboli per mantenerlo).

Il piede piatto è una conformazione del piede caratterizzata dall’appiattimento della volta plantare (la parte della superficie plantare del piede che, in situazioni fisiologiche, non tocca il terreno quando si è in posizione eretta) e dalla valgo-pronazione del calcagno. Pertanto, è chiaro che un piede piatto è un danno multidimensionale. Ciò dovrebbe fornire informazioni sulla difficoltà nella diagnosi e nel trattamento della condizione.

Pita-Fernandez et al. hanno scoperto che oltre il 26% di un campione di popolazione casuale ( n = 835) ha dimostrato piedi clinicamente piatti. Questi individui erano, in media, più anziani (circa 65 anni) e avevano un indice di massa corporea più elevato (~ 31,5). È interessante notare che gli autori hanno affermato che i piedi piatti non erano solo dolorosi in molti partecipanti; hanno anche portato a una qualità della vita inferiore rispetto ai normali archi del piede.

TRATTAMENTI

Approcci comuni per il trattamento dei piedi piatti dolorosi sono l’uso di ortesi (inserti nelle scarpe che supportano l’arco) e la partecipazione alla terapia fisica, a seconda dell’eziologia della condizione. Tuttavia, a meno che il problema non sia causato da una deformità strutturale delle ossa, l’uso degli inserti non fa altro che mascherare il problema. Anche se questo può rivelarsi vantaggioso a breve termine, fare troppo affidamento sugli ortesi può portare ad altri problemi a lungo termine, come la meccanica alterata del ginocchio e dell’anca.

DOLORE AL TALLONE E FASCITE PLANTARE

Il dolore al tallone è stato spesso descritto e classificato come fascite plantare o sperone calcaneare (AOFAS 2019). In realtà, la maggior parte delle persone tende ad autodiagnosticare tutto il dolore al tallone come fascite plantare. Tuttavia, questa diagnosi può talvolta essere falsa perché, sebbene la fascia plantare possa effettivamente essere irritata, potrebbe essere la degenerazione dei tessuti o l’irritazione dei nervi vicino al tallone a causare il problema. Per questo motivo, questo articolo si concentrerà sul significato generale della fascite plantare (cioè irritazione della fascia plantare).

CAUSE E CARATTERISTICHE

Muth (2017) ha definito la fascite plantare semplicemente come irritazione o tensione della fascia plantare, una fascia di tessuto che corre lungo la parte inferiore del piede. I sintomi più comuni sono dolore vicino al tallone o dolore nell’arco del piede.

Le cause della fascite plantare possono variare dall’eccesso di peso all’eccesso di attività ai piedi eccessivamente pronati o eccessivamente supinati. Tra gli atleti, la condizione si trova più spesso nelle persone che svolgono attività di grande impatto come correre, saltare o ballare. Tuttavia, la cosa importante da ricordare è che, indipendentemente dalla causa principale, è un’eccessiva tensione sul tessuto che porta al dolore e al disagio.

TRATTAMENTI

Gutteck, Schilde & Delank (2019) hanno spiegato in modo più eloquente la fascite plantare come “multifattoriale in origine e. . . una reazione di sovraccarico meccanico a molteplici casi di microtrauma.

Una potenziale causa di sovraccarico della fascia plantare è la riduzione della gamma di movimento nella parte inferiore della gamba posteriore. Patel & DiGiovanni (2011) hanno scoperto che su 254 pazienti, 211 presentavano una limitata dorsiflessione della caviglia, 154 avevano una limitazione nel gastrocnemio e 66 avevano una limitazione sia nel gastrocnemio che nel soleo. Questi sono i risultati chiave, poiché indicano che identificare e migliorare la dorsiflessione della caviglia può essere il primo passo per ridurre il carico meccanico ripetitivo della fascia plantare.

VALUTAZIONI: DOVE INIZIA IL PROBLEMA?

Il piede è una delle aree più complesse del corpo, considerando quante ossa, articolazioni e muscoli ha il piede e quanti movimenti complessi può eseguire. Bowman (2017) spiega che ogni osso del piede – ce ne sono 26 – è in grado di muoversi individualmente su più piani. Pertanto, il calcolo del numero totale di movimenti richiede una calcolatrice piuttosto high-tech.

Per questo motivo, le valutazioni discusse qui sono più globali e hanno lo scopo di aiutare il professionista a identificare quei movimenti compensativi che sono i più strettamente correlati alla disfunzione o alla lesione della catena cinetica. Seguire la sequenza consente di escludere vari problemi e di approfondire il punto di origine della compensazione.

Nota: è molto importante che qualsiasi persona che avverta dolore al piede (o altrove) abbia una valutazione completa effettuata da un medico.

VALUTAZIONE ATTRAVERSO L’OVERHEAD SQUAT ASSESSMENT

Durante l’OHSA (Overhead Squat Assessment), un cliente dovrebbe essere in grado di (1) tenere i piedi rivolti in avanti con le ginocchia allineate con il secondo e il terzo dito; (2) mantenere l’allineamento quasi neutro nella caviglia e nell’articolazione subtalare (si prevede un certo appiattimento del piede durante la discesa in uno squat); e (3) mantenere linee parallele tra il busto e la tibia.

Le deviazioni in questi punti di controllo possono includere l’appiattimento e la rotazione dei piedi, le ginocchia che si muovono verso l’interno o il busto inclinato in avanti eccessivamente.

L’insieme più comune di compensazioni è l’appiattimento del piede e la comparsa, insieme al valgo del ginocchio associato, una combinazione altrimenti nota come sindrome da distorsione della pronazione.

Questo problema è il culmine esatto degli eventi discussi in precedenza nell’articolo, poiché la condizione è il risultato di un movimento compensatorio nell’articolazione subtalare, della rotazione interna obbligatoria della tibia, della rotazione interna e dell’adduzione del femore. Come notato, ciò porta spesso a movimenti del bacino e ulteriori problemi biomeccanici. Le compensazioni della sindrome da distorsione della pronazione sono strettamente associate ai dolori comuni del piede. L’appiattimento e la rotazione del piede possono sovraccaricare la fascia plantare, causando dolore alla parte centrale o al tallone.

Se un cliente dimostra di avere la sindrome da distorsione della pronazione o una qualsiasi delle compensazioni delineate nel paragrafo precedente, il passo successivo è tentare di isolare da dove proviene il problema: caviglia o anca.

VALUTAZIONE SQUAT CON TALLONI ALZATI

Accovacciarsi con i talloni sollevati elimina i muscoli del polpaccio e l’articolazione della caviglia  ponendo la caviglia in flessione plantare. Se le compensazioni scompaiono durante questa versione dello squat, la causa principale della compensazione (sia che si tratti di un appiattimento eccessivo del piede o di un’eccessiva inclinazione in avanti) è il complesso del piede e della caviglia.

Quando i polpacci sono corti e limitano la dorsiflessione ottimale, durante uno squat è molto comune che i piedi si appiattiscano o si sporgano o che la persona si inclini in avanti. Quindi, rimuovendo il muscolo teso dall’equazione, le compensazioni di solito spariscono.

È importante riconoscere che l’elevazione dei talloni viene utilizzata solo durante la valutazione e non dovrebbe essere la correzione per questa condizione. Invece, dovrebbe essere sviluppato e implementato un programma incentrato su piede e caviglia.

Tuttavia, se la compensazione rimane, allora il problema sta originando da qualche parte più in alto nella catena cinetica, molto probabilmente nei fianchi o nel bacino.

VALUTAZIONE DELLO SQUAT A GAMBA SINGOLA

Se un cliente non ha compensato durante lo squat a due gambe, si consiglia quindi uno squat a gamba singola. La maggiore stabilizzazione richiesta da questa mossa esporrà spesso le compensazioni sottostanti.

Quelli da cercare durante uno squat a una gamba sono l’appiattimento del piede e il ginocchio che si muove verso l’interno (a sinistra). Se si notano una o entrambe queste compensazioni, l’individuo può eseguire lo squat a gamba singola con il tallone elevato, ma solo se c’è abbastanza equilibrio di base per completare la mossa in sicurezza, poiché è come accovacciarsi in una scarpa con tacco alto.

Se la modifica corregge la compensazione, la causa della compensazione è ai piedi e alla caviglia. Se la modifica non corregge la compensazione, può essere utile il programma di esempio per l’anca (sotto).

CONCLUSIONI

In conclusione, sebbene il piede sia un’area complessa del corpo, seguire una semplice logica di valutazione può aiutare a identificare le cause profonde delle compensazioni che potrebbero portare a dolori e altre disfunzioni se non affrontate. Nel rivedere questo articolo, i professionisti del fitness dovrebbero iniziare a riconoscere i numerosi schemi compensativi che possono derivare o causare disfunzione del piede e della caviglia.


Riferimenti

AOFAS (American Orthopaedic Foot & Ankle Society). 2019. Conditions. Accessed Apr. 14, 2019: legacy.aofas.org/footcaremd/conditions/Pages/conditions.aspx.

Barton, C.J., et al. 2012. Gluteal muscle activity and patellofemoral pain syndrome: A systematic review. British Journal of Sports Medicine, 47 (4), 207–14.

Bowman, K. 2017. Move Your DNA: Restore Your Health Through Natural Movement: Expanded Edition (2nd ed.). Sequim, WA: Propriometrics Press.

Gutteck, N., Schilde, S., & Delank, K.S. 2019. Pain on the plantar surface of the foot. Deutsches Ärzteblatt International, 116 (6), 83–88.

Khamis, S., et al. 2015. The relationship between foot and pelvic alignment while standing. Journal of Human Kinetics, 46, 85–97.

Lee, C-M., Jeong, E-H., & Freivalds, A. 2001. Biomechanical effects of wearing high-heeled shoes. International Journal of Industrial Ergonomics, 28 (6), 321–26.

Mika, A., Clark, B.C., & Oleksy, L. 2013. The influence of high and low heeled shoes on EMG timing characteristics of the lumbar and hip extensor complex during trunk forward flexion and return task. Manual Therapy, 18 (6), 506–11.

Muth, C.C. 2017. Plantar fasciitis. JAMA, 318 (4), 400.

NASM (National Academy of Sports Medicine.) 2014. NASM Essentials of Corrective Exercise Training (1st rev. ed.). Burlington, MA: Jones & Bartlett Learning.

Patel, A., & DiGiovanni, B. 2011. Association between plantar fasciitis and isolated contracture of the gastrocnemius. Foot & Ankle International: SAGE Journals, 32 (1), 5–8.

Pita-Fernandez, S., et al. 2017. Flat foot in a random population and its impact on quality of life and functionality. Journal of Clinical & Diagnostic Research, 11 (4), LC22–27.

Powers, C.M. 2003. The influence of altered lower-extremity kinematics on patellofemoral joint dysfunction: A theoretical perspective. Journal of Orthopaedic & Sports Physical Therapy, 33 (11), 639–46.

Rothbart, B.A., & Estabrook, L. 1988. Excessive pronation: A major biomechanical determinant in the development of chondromalacia and pelvic lists. Journal of Manipulative & Physiological Therapeutics, 11 (5), 373–79.

 

Articolo tratto da: www.nasm.com