Hilary Di Sibio

PERCORSO:

Hilary Di Sibio ha avuto da sempre una grande passione per la nutrizione e per lo sport che ha svolto per molti anni attraverso la danza che ha deciso di abbandonare abbastanza presto per intraprendere il percorso per diventare nutrizionista che era il suo obiettivo fin da subito.

Ha svolto quindi il percorso delle a laurea triennale in Scienze della Nutrizione Umana a Urbino e poi anche quello della laurea magistrale in alimentazione e nutrizione umana all’università di Milano. Proprio in questo periodo Hilary Di Sibio ha scelto di fare l’esperienza di un tirocinio al San Raffaele presso gli ambulatori di nutrizione clinica e dietologia che sarà un passaggio importante per la costruzione del suo profilo professionale.

Terminato il percorso universitario Hilary ha iniziato subito a lavorare a Milano in 7 diverse farmacie come biologa nutrizionista mettendola immediatamente a confrontarsi con moltissime situazioni diverse prima di iniziare a lavorare come libera professionista dividendosi tra periodi a Milano e altri in Calabria, sua terra di origine.

Giacomo Catalani:
“Quale è la tua visione in ambito alimentare?”

Hilary Di Sibio:

“Personalmente ritengo che l’aspetto fondamentale quando si sviluppa un piano alimentare sia quello dell’equilibrio, quindi per me è importante avere un ottimo bilanciamento negli apporti di origine vegetale e animale. Solitamente prediligo leggermente la parte vegetale parchè oggi le persone tendono a farne un uso spesso sporadico per motivi solitamente di abitudine.

Il mio approccio alla nutrizione è di tipo preventivo, credo che sia obiettivo principale di una sana alimentazione quello di prevenire più possibile tutte quelle patologie degenerative che oggi rappresentano un problema sempre maggiore a livello globale. In questo senso sono convinta che la dieta mediterranea sia la miglior base per ogni tipo di programma alimentare.

Altro aspetto che ritengo fondamentale è quello di essere consapevoli che l’obiettivo primario da raggiungere quando si instaura un rapporto con una persona sia quello, ancor prima di pensare a curarlo, di insegnargli la salute e indicargli la strada migliore per un cambiamento duraturo verso la salute e il benessere.”

Giacomo Catalani:
“Esistono secondo te principi validi per tutti o la personalizzazione è sempre necessaria?”

Hilary Di Sibio:

“La dieta personalizzata è sicuramente essenziale. Quando mi approccio a una persona la prima cosa che faccio è un anamnesi fisiologica e patologica ma subito dopo il mio interesse va alle sue abitudini, non solo quelle alimentari ma a quelle generali della vita quotidiana. Per riportare l’equilibrio è necessario partire proprio dalle abitudini e per questo io sono contraria a tutte le diete privative o che forzano l’alimentazione su pochi fattori.

L’equilibrio va costruito nel tempo e va ricercato a partire dalle abitudini per poter pensare di farlo diventare duraturo, che come dicevo anche prima deve essere il nostro obiettivo principale. Per questo la mia attenzione è fin da subito centrata non solo sui fabbisogni energetici ma anche sulla comprensione del quotidiano di una persona, quando fa colazione, come e quanto lavora, quando mangia e anche cosa gli piace mangiare. Su questi dati posso pensare di costruire un piano alimentare che possa portare risultati nel tempo.

Cerco sempre di dire ai miei clienti che per dimagrire non è necessario fare diete privative perché può bastare rivisitare ricette che già si utilizzano in una chiave più salutare per ottenere grandi risultati. Stessa cosa vale per l’approccio con cui seguire una dieta perché se è vero che una sera puoi aver previsto semplicemente uova, pane e insalata è altrettanto vero che con questi stessi ingredienti le possibilità sono tante per creare un pasto gustoso, basta non limitarsi.

Ci tengo a trasmettere alle persone la volontà e il gusto di cucinare e inventare sempre nuove soluzioni per rendere i propri pasti più buoni. Spesso cucinare può diventare un divertimento e di conseguenza seguire una dieta diventa molto meno difficile e anzi un motivo per sperimentare sempre nuove cose.”

Giacomo Catalani:
“Come ti presenti ai tuoi pazienti?”

Hilary Di Sibio:

“La miglior cosa è utilizzare lo slogan del mio sito che è “Dimagrire con gusto”. Come dicevo prima sono convinta che possiamo ottenere risultati eccezionali anche solamente con l’utilizzo di ricette fatte in ottica di salute e per questo sul mio sito ne propongo davvero tantissime.

Credo che uno dei compiti principali di noi professionisti sia quello di fare tanta informazione nutrizionale, di insegnare alle persone come nutrirsi e abbattere tutte quelle convinzioni sbagliate che contraddistinguono il pensiero sulla nutrizione di molta gente, per esempio quella sull’efficacia delle diete privative o della necessitò di fare uso di alimenti cosiddetti light.

Per esempio credo che dovremo spiegare sempre meglio a leggere le etichette nutrizionali e come selezionare al meglio i prodotti in base alle proprie esigenze perché sicuramente al supermercato si trovano fette biscottati integrali di vario genere ma di certo non sono uguali. Girando il packaging e sapendo leggere le etichette si può scoprire per esempio che tipo di grassi sono stati usati in quel prodotto e magari accorgersi che non c’è il tanto famoso olio di palma ma sono indicati olii idrogenati generici che a parer mio sono peggiori perché non ne conosciamo la provenienza.”

Giacomo Catalani:
“Come è nato e sviluppato il tuo progetto di workout?”

Hilary Di Sibio:

“C’è stato un periodo della mia vita in cui, a causa dei continui spostamenti e del lavoro, il tempo che solitamente dedicavo per andare in palestra è iniziato a mancare. Io sono sempre stata abituata a fare attività sportiva e mi sono accorta che questa mancanza stava incidendo negativamente sul mio benessere psicofisico.

Ho iniziato quindi a informarmi sull’allenamento funzionale, ho fatto corsi e approfondito in maniera autodidatta e dopo poco ho capito che era possibile ritagliarsi del tempo a casa per allenarsi e contribuire con questo al mio benessere insieme all’alimentazione. Contemporaneamente mi sono accorta che la stessa esigenza che avevo io l’avevano anche moltissimi dei miei pazienti quindi ho pensato di dover fare qualcosa.

Insieme ad un bravissimo Personal Trainer di Milano ho prima trovato un programma di allenamento adatto alle mie esigenze e su questa base abbiamo poi costruito una programma che potesse essere utile per una più ampia fascia di persone e abbiamo inserito tutto in un’ebook. Il programma consiste in 3 sessioni a settimana da 30/40 minuti che coinvolge tutti i distretti corporei e una sessione di cardio fitness da fare nel fine settimana quando il tempo è maggiore.

Questo progetto si chiama HDiSibio Workout Program e sarà disponibile molto presto sul mio sito, a partire credo da Gennaio.”

Altri Articoli

Gli ultimi articoli nel mondo delle Scienze Motorie
Modello di prestazione Modello di prestazione

Individuazione delle esigenze funzionali attraverso l’analisi del modello di prestazione: «l’operatore può rifarsi a quello che viene definito come metodica modello di prestazio... ...

immunonutrizione L’immunonutrizione chiave della longevità

Non si tratta solo di seguire una dieta o di assumere un integratore, l’immunonutrizione è una orchestrazione più complessa della risposta ormonale e genetica.

...
antropometria e bioimpedenziometria Antropometria e bioimpedenziometria

La valutazione Antropometrica e quella bioimpedenziometrica rappresentano ad oggi due tecniche “low cost” facilmente utilizzabili e anche trasportabili, attraverso le quali è imp... ...

potenziamento esercizio funzionale Potenziamento nell’Esercizio Funzionale

Cometti individua negli esercizi di forza e potenziamento muscolare delle dinamiche vicine a quelle di gesti più complessi, come quelli sport specifici.

...
chinesiologia della caviglia Chinesiologia e funzionalità della caviglia

La caviglia è un segmento del corpo che interviene in tantissimi movimenti della vita quotidiana e sportiva. Una articolazione molto particolare, perché da un punto di vista anatomi... ...

Camminare veloce in gravidanza Camminata veloce in gravidanza pro e contro

Le tre scuse più utilizzate dalle gestanti per rimanere sedentarie sono mancanza di tempo, fatica, mancanza di energie e disconfort fisico.

...