Francesca Cheber

PERCORSO:
Laureata in scienza e tecnica dello sport presso l’università di Roma, vince una borsa di studio e inizia a lavorare con la società professionistica di calcio SK Sturm Graz. A Trieste ha cominciato a seguire alcuni atleti che hanno partecipato al campionato International Tennis Federation Juniores. A Roma, ha svolto il ruolo di preparatrice nel settore giovanile della SS Lazio Nuoto; a Graz, della GakDive.

Ha collaborato per anni con la Triestina Nuoto, allenando la maggior parte degli atleti della Nazionale Italiana giovanile e seguito tuffatrici senior di rilievo nazionale e internazionale.

Giacomo:
“Quanto è stata importante la tua esperienza in Austria?”
Francesca Cheber:

“Molto perché mi ha permesso di poter spaziare dagli under 8 all’accademia, quindi under 18, e ho potuto collaborare con tantissime professionalità. È stata un’esperienza importante anche perché mi hanno messo a mio agio e hanno sempre voluto un mio supporto: come preparatore dei portieri per la parte acrobatica, la parte di preparazione fisica che era orientata soprattutto sulla parte atletica, quindi sul lavoro del contatto dei piedi e tutti dei lavori che puntavano il miglioramento della corsa.

Già spaziare in tantissime fasce d’età, vedere tantissimo, seguirli in ritiro o durante tornei internazionali mi è servito moltissimo per costruirmi un’esperienza molto ampia.”

Giacomo:
“Come hai lavorato su te stessa in questi anni?”
Francesca Cheber:

“Ho cercato dai maestri per poter lavorare a livello personale perché mi rendevo conto che avevo un ruolo importante, stavo insegnando un qualcosa e c’era un qualcuno dall’altra parte che mi guardava e che stava prendendo da me e quindi si attivavano i famosi neuroni specchio. I neuroni specchio non sono solo importanti per l’azione motorie che poi decideremo di fare ma anche per l’empatia che andiamo a creare con l’altra persona.

La grandissima Montessori diceva che i bambini imparano da chi amano e proprio su questo ho sempre pensato che dovevo essere un buon esempio concreto.”

Giacomo:
“Chi si avvicina a te e come gestisci la tua attività?”
Francesca Cheber:

“Il mio è un mix di clienti tra donne e uomini di diverse età. Ho anche dei clienti che sono degli atleti che continuano ad allenarsi in maniera seria anche nel dilettantismo che però hanno piacere e voglia di star bene. In base al cliente che ho davanti ovviamente si intraprende una certa tipologia di percorso.”

Giacomo:
“Come stanno andando le cose?”
Francesca Cheber:

“Stiamo ancora lavorando alla crescita, è un lavoro step by step però già nel poter vivere del mio lavoro lo trovo un grande obiettivo perché non è una cosa assolutamente scontata in ambito sportivo perché c’è tantissima concorrenza e quindi già avere da guadagnarsi con questo che poi io amo è una gran figata.”

Altri Articoli

Gli ultimi articoli nel mondo delle Scienze Motorie
attività fisica adattata nei soggetti parkinsoniani Attività fisica adattata nei soggetti parkinsoniani

Il morbo di Parkinson è una malattia neurodegenerativa che provoca disfunzioni motorie e cognitive. Tale patologia è il risultato di un danno alla via nigrostriatale dopaminergico d... ...

Corso Personal Trainer ATS Corso Personal Trainer per diventare PT Professionista
Selezionare un percorso per conseguire il Diploma Personal Trainer Professionista, è una scelta importante per il proprio futuro personale e lavorativo. Lo studio... Read more » ...
Tennis - Senso Buzz App Il mondo del Tennis parla di SensoBuzz e Salvatore Buzzelli

Salvatore Buzzelli, Ricercatore nel campo della metodologia di allenamento e preparazione atletica nel tennis, Preparatore Fisico e Autore di «Tennis – La nuova scienza della P... ...

Frank-Casillo-Dimagrimento-Veloce -51 kg in 8 mesi – DIMAGRIMENTO. Frank Casillo parla con i Risultati.
Precisiamo subito che -51kg si riferisce ai kg di massa grassa eliminata e analizzata con bioimpedenziometro. Il soggetto ha poi acquisito 10kg di... Read more » ...
La funzione del controllo visivo in presenza di distrattori percettivi

Analisi dei tempi di reazione in una riconfigurazione del fuoco attentivo in presenza di distrattori percettivi rapportata ad una funzionalità nello sport.

...
Campi di applicazione della Coppettazione

La coppettazione è un’antichissima tecnica terapeutica che nasce all’interno di un contesto che fa riferimento alla medicina popolare ed in particolar modo che affonda le sue rad... ...