Antonio Squillante

PERCORSO:
Antonio Squillante è nato e cresciuto a Padova, in Italia. Si è laureato con lode presso l’Università San Raffaele – Roma, Italia – con un dottorato in Scienze motorie. Antonio è un allenatore di forza e condizionamento con più di dieci anni di esperienza con atleti delle scuole superiori, collegiali e professionisti a livello nazionale e internazionale. Ha allenato Javelin USA alle prove olimpiche di Eugen, Oregon e Team USA ai Mondiali IAAF di Perth, in Australia.

Antonio ha un interesse illimitato nel campo della biomeccanica sportiva, conducendo ricerche accademiche e presentandosi ad eventi nazionali e internazionali come membro della National Strength and Conditioning Association (NSCA), della Australian Strength and Conditioning Association (ASCA) e della International Sports Società di biomeccanica (ISBS). È uno specialista certificato in resistenza e condizionamento (NSCA-CSCS), sollevamento pesi USA e allenatore certificato USA di atletica leggera di livello 2.

Antonio ha una vasta esperienza in atletica leggera come velocista e lanciatore di giavellotto. Ha anche giocato a football americano della divisione I ed è attualmente un powerlifter riconosciuto a livello nazionale (USAPL).

Giacomo:
“Cosa rende l’Università americana più innovativa rispetto a quella italiana?”

Antonio Squillante:
“Diciamo che ci sono più fattori, non soltanto uno. Prima di tutto lo sport è costruito dentro l’università a livello di prestazione sportiva quindi le maggiori squadre o quelle che hanno più followers sono le squadre che appartengono alle università: scuole di football, di calcio, di basket…

C’è un sistema economico che supporta lo sport e per migliore lo sport parte di quei fondi vanno nella ricerca quindi hai da una parte più soldi da investire quindi più potenzialità di ricerca e dall’altra parte hai più soggetti su cui fare ricerca perché hai atleti di livello praticamente professionistico a disposizione da mattina a sera, hai squadre maschili, squadre femminili e sport di forza, di potenza, di resistenza, hai soggetti e soldi per la ricerca.”

Giacomo:
“Cosa ti ha stimolato a diventare quello che sei oggi?”

Antonio Squillante:
“Uno degli stimoli più grandi all’inizio della mia carriera a livello generale, in termini di educazione, è sicuramente stato il Dott. Spattini che avete anche voi intervistato. Quando l’ho conosciuto è stato il primo impatto che ho avuto con un professionista nel settore quindi con qualcuno che venisse da una forte formazione accademica ma anche una forte componente pratica a livello nutrizionista, dietista e preparatore atletico.

Avevo appena cominciato scienze motorie, avevo 19 anni circa, e sono rimasto affascinato da come lui potesse prescrive una dieta e di punto in bianco citarti dieci articoli pubblicati su dieci riviste diverse per giustificare quello che faceva. È un esempio di quello che in America chiamano evidence based practice. Fare medicina o preparazione atletica basata sulla ricerca.”

Giacomo:
“Quali sono le peculiarità di allenare nel football americano?”

Antonio Squillante:
“La cosa migliore a livello di preparazione atletica nel football americano è il modo in cui combaciano allenamento della forza con l’aumento della potenza all’interno del microciclo quindi all’interno della settimana. Quello penso che sia un concetto abbastanza inesplorato in Italia in Europa.

Nel football americano ci sono almeno 9/12 partite a campionato. Ciò significa ogni giorno sollevamento pesi la mattina, allenamento in campo e la necessità di trovare un compromesso tra fatica e prestazione ha fatto sì che abbia sviluppato un approccio molto più razionale su come utilizzare il tempo in maniera migliore.

Quando vengono in sala pesi non ho più la seduta di potenziamento muscolare, la seduta di allenamento della forza o la seduta di forza esplosiva.
Hanno tutto combinato in un’unica seduta e adattano volume e intensità per farci entrare tutto.”

Visualizza il Profilo Professionale sul Registro Professionisti Scienze Motorie

Altri Articoli

Gli ultimi articoli nel mondo delle Scienze Motorie
La teoria yin-yang
Nell’approccio alla metodica della coppettazione non è possibile non incontrarsi con la teoria yin-yang. Essa rappresenta il principio primo e ultimo di tutte... Read more » ...
Differenze tra allenamenti con alti e bassi carichi
Sebbene gli allenamenti con alti e bassi carichi, quando modulati nelle velocità esecutive per favorire l’occlusione vascolare, producano uguali o similari adattamenti ipertrofici,... Read more » ...
velocity-based training Velocity-based training
L’allenamento di forza e potenza è fondamentale per lo sviluppo della performance in ogni disciplina, compreso il calcio, in cui sono richiesti gesti... Read more » ...
Le proteine contrattili
Il muscolo scheletrico, sottoposto al controllo volontario che troviamo classificato come facente parte dell’apparato locomotore, è costituito da una serie di unità dette... Read more » ...
sistema somatosensoriale Sistema somatosensoriale
Il sistema somatosensoriale trasporta input sensoriali quali: pressione, temperatura, dolore e postura. Esso si suddivide in esterocettivo, propriocettivo ed enterocettivo. Il sistema esterocettivo... Read more » ...
Valutazione del somatotipo
La valutazione del somatotipo è una tecnica che trova le sue radici in antiche e suggestive ideologie, riconducibili alle teorie tipologiche della personalità... Read more » ...