L’uso più noto degli approcci al “Growth Mindset”, “mentalità della crescita” è stato con i contesti educativi, con Carol Dweck, professoressa di psicologia a Stanford, che ha condotto la maggior parte della sua ricerca nei contesti educativi. Attraverso questa ricerca Dweck ha più volte rilevato che gli studenti con una mentalità della crescita cercano situazioni difficili e rispondono al fallimento aumentando il loro sforzo e trovando strategie efficaci per superare la sfida. Gli individui che prendono questo approccio e quindi maturano la convinzione che si può migliorare, porta a risultati che rendono più probabile che si dovrà migliorare (Dweck & Leggett, 1988),

All’interno di questo articolo forniremo una panoramica di ciò che è un mindset di crescita, come può passare dall’istruzione allo sport giovanile e alcuni suggerimenti per applicare le idee di mentalità della crescita che abbiamo delineato.

Intelligenza fissa vs Mentalità della crescita

Cosa possiamo dire della nostra intelligenza? Ognuno di noi ha una sua “teoria dell’intelligenza”, cioè un insieme di idee sul funzionamento della nostra intelligenza e di quella delle altre persone. Carol Dweck ha individuato, dopo studi decennali (Dweck, 2012), due mindset verso cui (sebbene con ovvie sfumature intermedie) sono orientate le persone.

Da un lato troviamo coloro che sono orientati a ritenere l’intelligenza come un tratto fisso (fixed mindset): secondo queste persone, siamo nati con una certa quantità di intelligenza e possiamo fare poco per modificarla.

Dall’altro lato troviamo invece coloro che ritengono di poter accrescere in modo significativo la propria intelligenza con lo studio, l’impegno, l’esperienza, gli sforzi, la pratica deliberata, il porsi in situazioni sfidanti (hanno cioè un growth mindset, dall’inglese growth che significa appunto crescita).

Il mindset ha notevoli implicazioni nella nostra vita e nel successo scolastico e sportivo.

Chi ritiene che l’intelligenza sia un tratto fisso, avrà come obiettivo quello di apparire intelligente (ed eventualmente nascondere il fatto di non esserlo), esattamente come una persona bassa avrà l’obiettivo di apparire alta.

Qual è la mentalità della crescita?

La visione che hai di te stesso può determinare tutto. Se guardiamo alla convinzione che le tue qualità di base siano immutabili, è probabile che tu prenda un approccio mentale fisso alle sfide. Ciò significa che vuoi dimostrarti sicuro delle tue convinzioni e quindi non abbracciare le sfide o imparare da errori o battute d’arresto.

Al contrario, la mentalità della crescita si basa sulla convinzione che le vostre qualità di base siano cose che potete coltivare attraverso i vostri sforzi. Cambiare le tue convinzioni con questo approccio di mentalità della crescita può avere un forte impatto e creare una passione per l’apprendimento e il miglioramento. “Perché sprecare tempo dimostrando più e più volte quanto sei bravo, quando potresti migliorare” (Dweck, 2006).

Di seguito vengono raccolti comunque alcuni consigli per genitori e insegnanti, che possono favorirlo.

  • Insegnare esplicitamente che il cervello è in grado di crescere (ci sono evidente neuroscientifiche), creare nuove connessioni, imparare tramite l’impegno e gli errori;
  • Dire “bravo” non sempre è la scelta giusta (Moè et al., 2007): è meglio lodare il processo (“ti sei impegnata molto”) e l’impegno (“devi aver lavorato duramente per ottenere questo risultato!”) più che la persona (“sei bravissimo!”) e l’intelligenza (“sei un genio!”, “hai un dono di natura!”)
  • In generale, è bene modificare il proprio linguaggio per mandare messaggi di “growth mindset” piuttosto che di fixed mindset. Queste frasi possono risultare artificiose, e infatti non vanno recitate: il primo passo per stimolare il growth mindset negli altri è quello di acquisirlo. Alcuni esempi:
    • Non sono capace → C’è qualcosa che devo ancora imparare per riuscirci
    • È troppo difficile → Richiederà molto impegno
    • Dev’essere molto intelligente → Voglio imparare a fare come lei
    • Sono portato per questo → Come posso continuare a migliorare?
  • Non celebrare il fatto di riuscire a fare qualcosa velocemente e senza sforzi. Per chi ha un fixed mindset, è segno di intelligenza, ma in verità è meglio sottolineare che in quel caso il compito era “troppo facile” e dunque non ha permesso di imparare.
  • Celebrare gli errori (sia i loro che i nostri) senza demonizzarli, ma anzi, vedendoli come opportunità per imparare.
  • Fornire problemi autentici e aperti, non noiosi, risolvibili con più strategie, di cui discutere insieme.

Dall’educazione allo sport giovanile

A causa del suo valore all’interno degli ambienti educativi, c’è la possibilità che l’idea di mentalità fissa e di crescita si trasferisca in altri ambienti in cui gli individui mirano a sviluppare e migliorare, ad esempio, lo sport giovanile.

La ricerca sullo sport giovanile ha dimostrato che gli individui hanno sviluppato una mentalità fissa quando sono stati elogiati per il loro “talento” o risultati. I bambini che hanno spesso queste esperienze di elogio per il loro talento spesso si ritrovano in situazioni in cui hanno scelto opzioni più semplici e si arrendono prima dei bambini che sono stati elogiati per il loro impegno (Dweck, 2006).

Se guardiamo in modo più specifico a questo, la lode può avere un enorme impatto sulla mentalità motivazionale dell’individuo. Lodare le prestazioni vincenti potrebbe rendere felice e orgoglioso un giovane atleta per un pò, ma quando perde, la loro fiducia può aumentare a spirale perché non ricevono lo stesso livello di approvazione da parte di un allenatore o di un genitore. Da un approccio mentale fisso l’individuo può vedere la sconfitta come un’indicazione che manca di talento e quindi non può superare questa sfida o simili sfide in futuro (Vealey, Chase e Cooley, 2018).

Anche se i giovani atleti dovrebbero essere riconosciuti per le loro realizzazioni, dovrebbero essere evitate le lodi eccessive e il focus sui risultati in quanto può portare a pressioni a continuare a ripetere i risultati (così come la mentalità fissa descritta sopra). Pensa a questo, invece di dire:

“Modo di essere un vincitore”

Potresti dire:

“Il tuo allenamento su … si è visto davvero oggi – ottimo lavoro”.

(Knight, Harwood and Gould, 2018, pg102)

Gli allenatori possono aiutare i giovani atleti a sviluppare una mentalità della crescita:

  • Spiegando che gli errori fanno parte dell’apprendimento, del miglioramento e dello sviluppo
  • Usando esempi di atleti migliori che hanno affrontato battute d’arresto e le hanno superate
  • Aiutandoli a sviluppare un errore rituale per accettare e superare gli errori e concentrarsi sulla parte successiva della loro performance.
  • Debriefing dopo una competizione per discutere i risultati positivi delle prestazioni e utilizzare gli errori per creare un’esperienza di apprendimento e obiettivi per miglioramenti.

Alcuni suggerimenti per aiutarti con la mentalità della crescita

Dweck (2006) ha alcuni esercizi per aiutarti.

  • Non pensare mai a te stesso come talentuoso, dotato o intelligente. Descrivi te stesso come uno studente per tutta la vita, intellettualmente curioso e motivato a crescere.
  • Identifica le aree in cui vorresti crescere.
  • Come puoi raggiungere il tuo io ideale?
  • Quali potenziali aree di miglioramento sono sotto il tuo controllo?
  • Come risponderesti a battute d’arresto e insuccessi?

È importante avere pazienza con te stesso. Incontrerai molte sfide e battute d’arresto come un giovane atleta e non importa quanto duramente ci provi, potrebbe volerci molto tempo prima di vedere i risultati che speri. Ma ricorda che non vedrai mai quei risultati se ti arrendi. Adotta una mentalità della crescita permanente e ne vedrai i benefici.