La lesione addominale è abbastanza comune negli atleti e nelle popolazioni attive perché questo gruppo di muscoli è costantemente impegnato a mantenere il CORE dell’atleta in modo che l’atleta possa eseguire abilità usando le sue estremità e / o il corpo totale. I muscoli addominali forti e sani migliorano le prestazioni di un atleta, tuttavia, se lesioni questi muscoli l’atleta avrà difficoltà significative nel tentativo di eseguire quasi la totalità delle attività.

I muscoli dell’addome sono stratificati, da profondi a superficiali, inclusi gli addominali trasversali (le fibre attraversano l’addome), gli obliqui interni ed esterni (le fibre scorrono in direzioni diagonali opposte) e il retto addominale (le fibre corrono su e giù). Ognuno ha una funzione legata alla sua struttura.

Il muscolo più profondo, l’addominale trasversale costringe a tenere in posizione il contenuto addominale e ad aiutare con l’espirazione forzata, la tosse, la risata e lo starnuto. Le fibre diagonali degli obliqui interni ed esterni sono progettate per assistere nella rotazione del tronco, nella flessione laterale (movimento laterale) e quando lavorano in coppia, la flessione del tronco.

Il gruppo muscolare più superficiale è il retto dell’addome. Questo è l’insieme di muscoli che si vanno su e giù per l’addome e possono essere visti in atleti che hanno un grasso corporeo basso (noto anche come il tanto desiderato “six pack”). Il retto addominale è principalmente responsabile della flessione del tronco, ma può anche aiutare in altri movimenti del tronco.

Cos’è la lesione addominale? 

Una tensione è una lesione a un muscolo. Una lesione può variare in gravità da un lieve allungamento a una rottura completa. In uno sforzo muscolare addominale, uno qualsiasi dei quattro muscoli può essere ferito causando estremo disagio con qualsiasi movimento del tronco, nonché con tosse, risate, respiro profondo o starnuti. 

Quali sono le classificazioni della lesione addominale? 

Uno stiramento lieve di un muscolo viene diagnosticato come una lesione addominale di primo grado e può provocare dolore localizzato, lieve gonfiore e dolore con movimento, tosse, risate, respiro profondo o starnuti.

Una lesione più grave di un muscolo addominale è una lesione parziale (secondo grado). A seconda della quantità di fibre strappate, questo tipo di lesione potrebbe essere abbastanza debilitante per l’atleta. L’atleta può avvertire un improvviso dolore addominale, marcata debolezza, gonfiore localizzato e scolorimento. Qualsiasi movimento dell’atleta può essere doloroso.

Un affaticamento muscolare di terzo grado è la lesione più grave e viene diagnosticata come rottura completa del muscolo sia al momento dell’inserimento, dell’origine o della sezione mediana. Insieme ai sintomi di un affaticamento muscolare di secondo grado, l’atleta può anche manifestare i sintomi di shock inclusi nausea, vomito, pelle pallida, sudorazione eccessiva, difficoltà di respirazione e battito cardiaco superficiale e rapido.

Gli atleti sospettati di aver subito uno strappo muscolare a rottura completa dovrebbero essere immediatamente rimossi dall’attività e forniti di cure mediche di emergenza fino all’arrivo dei servizi di emergenza. L’atleta deve essere tenuto fermo mentre viene applicata una sacca di ghiaccio alla ferita. I segni vitali dell’atleta (polso, respirazione, pressione arteriosa) devono essere controllati fino all’arrivo degli aiuti.

Come viene diagnosticato un ceppo addominale? 

Una lesione addominale è facilmente diagnosticata da un professionista di medicina sportiva con l’utilizzo di un’accurata storia medica e una valutazione clinica completa. La palpazione del sito della lesione combinata con i test dei muscoli addominali può fornire informazioni sufficienti per determinare la gravità della lesione muscolare e il muscolo specifico ferito. 

Chi subisce una lesione addominale? 

Gli atleti più sensibili alla lesione addominale sono quelli negli sport che richiedono forti movimenti rotatori o movimenti di flessione / iperestensione. Di solito lesioni acute (traumatiche) vengono osservate negli atleti negli sport di baseball, softball, basket, ginnastica e atletica leggera.

Cosa causa la lesione addominale?

Le cause più comuni delle lesioni addominali sono la torsione improvvisa o l’iperestensione improvvisa della colonna vertebrale (cioè, come si vede durante i movimenti di ginnastica dinamica) (Anderson, MK, Hall, SJ, e Martin, M., 2005).

Se la forza del movimento è più forte di quanto le fibre dei muscoli possano resistere, il muscolo inizierà ad allungarsi. Se la forza continua, le fibre potrebbero iniziare a strapparsi. La forza continua potrebbe causare una rottura completa all’interno del muscolo o tra il muscolo e il suo attaccamento fasciale.

Cosa posso fare per prevenire uno stiramento addominale? 

Gli atleti possono prevenire gli stiramenti addominali mantenendo la flessibilità del tronco e aumentando la forza dei loro muscoli centrali. La cosa buona è che molti programmi sportivi includono già esercizi di allenamento della forza come parte del loro programma di condizionamento.

Se gli atleti sono coinvolti in programmi che non incorporano l’allenamento di base, una grande varietà di questi tipi di esercizi viene utilizzata da personal trainer, fisioterapisti e istruttori atletici certificati. Questi professionisti possono essere consultati per esercizi aggiuntivi o avanzati per rafforzare i muscoli del CORE.

Per aumentare la difficoltà di questo esercizio, l’atleta può estendere un ginocchio sollevando il piede da terra mentre si trova nella posizione del ponte. La chiave è che l’atleta mantenga una posizione pelvica neutra con i fianchi diritti e non ruotata durante questo esercizio. L’atleta può alternare le gambe o tenere la gamba estesa per un conto di cinque o dieci prima di rimettere il piede sul terreno.

Qual è il trattamento per una lesione addominale? 

Il trattamento immediato di una lesione addominale comporta  l’uso del protocollo PRICE  – La sigla P.R.I.C.E. sta per Protection (Protezione), Relax (Riposo), Ice (Ghiaccio), Compression (Compressione), Elevation (Elevazione), tutte componenti che applicate contemporaneamente tendono alla riduzione dell’algia e dell’edema.

Il riposo è un altro componente del principio PRICE, ma è un po’ più difficile con una lesione addominale. Lesioni alle braccia o alle gambe possono essere facilmente protette e riposate tramite l’uso di stampelle, imbracature o bretelle. Tuttavia, steccare il tronco del corpo non è un compito così facile.

Per proteggere e riposare i muscoli addominali, l’atleta può aver bisogno di limitare le sue attività per alcuni giorni fino a quando il dolore non diminuisce. Per aiutare l’atleta a sostenere l’area ferita, l’atleta può scegliere di indossare una fascia elastica di supporto. La fascia elastica serve anche per aggiungere compressione all’area riducendo al minimo qualsiasi gonfiore

Dopo che il dolore inizia a placarsi, l’atleta può iniziare un lieve allungamento dell’area lesionata insieme a contrazioni isometriche per iniziare a rafforzare e guarire il tessuto ferito. Lo stretching dovrebbe procedere lentamente ed essere eseguito con attenzione in modo da non causare alcun dolore.

Il dolore è un indicatore che l’atleta ha superato la capacità del tessuto danneggiato di allungarsi. Lo stretching troppo precoce durante la riabilitazione di un affaticamento muscolare può provocare ricadute sul tessuto danneggiato e rovinare i progressi dell’atleta. Il nuovo tessuto di collagene può essere strappato dal suo attacco e riavviare il processo di sanguinamento e gonfiore.

Esercizi muscolari isometrici possono essere eseguiti in modo sicuro all’inizio del processo di riabilitazione perché sono progettati per contrarre un muscolo senza consentire alcun movimento delle articolazioni associate. Uno di questi esercizi è quello di avere l’atleta sdraiato sulla sua schiena e piegare le ginocchia appoggiando i piedi a terra. L’atleta quindi spinge la sua schiena contro il terreno mentre contemporaneamente contrae tutti i muscoli addominali. L’atleta può mantenere la contrazione per 10 secondi e ripetere 10 volte.

Mentre il muscolo continua a guarire e la gamma di movimento dell’atleta migliora, l’atleta può progredire in esercizi concentrici di muscoli per il proprio CORE. Esercizi concentrici sono esercizi in cui il muscolo si contrae causando un accorciamento del muscolo e il movimento delle articolazioni adiacenti.

I movimenti per migliorare i punti di forza di tutti i gruppi muscolari addominali dovrebbero includere i movimenti di flessione del tronco, rotazione e flessione laterale (curvatura laterale). Ogni esercizio dovrebbe essere fatto per mirare a specifici gruppi muscolari.

Anche se una volta erano molto popolare per rafforzare il retto addominale, i sit-up non sono il miglior esercizio per rafforzare gli addominali.  Un esercizio efficace è un crunch modificato. L’atleta giace sul pavimento con le ginocchia piegate e i piedi posizionati alle spalle. L’atleta contrae i suoi addominali e poi solleva il suo mento verso il soffitto, concentrandosi sullo spostamento del torace dal pavimento. 

Gli obliqui interni ed esterni possono essere “lavorati” usando lo stesso esercizio di cui sopra, ma aggiungendo un componente rotazionale ad ogni sollevamento. L’atleta può alternare le rotazioni a sinistra e a destra con ogni crunch modificato. Questo componente rotazionale prende di mira le fibre diagonali degli obliqui interni ed esterni.

Esercizi core tradizionali possono anche essere eseguiti per rafforzare i muscoli addominali. Se disponibili, gli esercizi di base possono anche essere eseguiti utilizzando una palla terapeutica o un rotolo di schiuma.

Recupero – Tornare allo sport

Una volta che l’atleta ha una completa gamma di movimento del suo tronco senza dolore (flessione, estensione, rotazione e flessione laterale) e una buona resistenza, l’atleta è pronto a progredire in esercizi funzionali specifici per lo sport. Questi esercizi dovrebbero includere una graduale progressione delle abilità richieste nello sport dell’atleta.


Riferimenti

  • Anderson, M.K., Hall, S.J., & Martin, M. (2005). Foundations of Athletic Training: Prevention, Assessment, and Management. (3rd Ed.). Lippincott Williams & Wilkins: Philadelphia, PA.
  • Arnheim, D.D. & Prentice, W.E. (2000). Principles of Athletic Training. (10th Ed.). McGraw Hill: Boston, MA.