La Memoria Muscolare nel Tennis

Di:   ScienzeMotorie  |  4 Maggio 2018

Ciò che solitamente chiamiamo “Memoria Muscolare” è la capacità, acquisita attraverso la ripetizione frequente e costante di sequenze ed azioni, di eseguire le medesime azioni in maniera automatica riducendo al minimo il bisogno di essere vigili all’azione.

Le straordinarie capacità della nostra mente permettono tutto questo perchè nel tempo ha ottimizzato la capacità di adattarsi ed imparare nuovi schemi, modificando la struttura stessa del cervello, creando nuovi percorsi neurali per ogni concetto e procedura acquisita.

È importantissimo sottolineare che il nostro cervello non è in grado di discernere tra pratica giusta o sbagliata ma acquisirà a prescindere lo schema se ripetuto. Se esegui l’esercizio in maniera errata e continuerai a farlo per un numero importante di volte, acquisirai il movimento in maniera scorretta e difficilmente sarai poi in grado di modificarlo senza sforzi enormi.

La Memoria Muscolare nel Tennis

LEGGI DI MEMORIA MUSCOLARE

Regola 1 – I tuoi colpi sono dovuti alla memoria muscolare.

La memoria muscolare sta eseguendo una specifica azione motoria specifica senza sforzo cosciente.

Regola 2 – La memoria muscolare è il risultato di cambiamenti permanenti nel cervello, nervi e muscoli.

I tuoi muscoli “memorizzano” a causa di cambiamenti nei circuiti neurali coinvolgendo cervello, nervi e muscoli. Questo ti fa fare “Così” durante una partita. Tecnicamente, questo è chiamato “memoria procedurale”. Principalmente coinvolge la conservazione delle abilità motorie create dalla ripetizione. Tutte le reti neurali funzionano insieme senza intoppi ricreare il complesso movimento motorio senza coscienza pensiero o attenzione. Una volta formate, queste connessioni persistono. Sono permanenti. Un esempio semplice sarebbe guidare una bicicletta.

Regola 3 – I cambiamenti permanenti avvengono attraverso la ripetizione in un periodo di tempo concentrato.

La ripetizione per un periodo di tempo concentrato, come si applica ai colpi del tennis, sono sessioni di 45-90 minuti da 3 a 4 volte a settimana per un periodo di 3 settimane. Il tempo di pratica deve essere concentrato perché il passare del tempo erode rapidamente il processo neurochimico. Qualsiasi abilità ottenuta durante una sessione di allenamento è persa entro 2 o 3 giorni se non rinforzata. Inoltre, il tempo di pratica deve durare almeno 3 settimane per i cambiamenti permanenti che si verificano in relazione alla memoria muscolare. Un esempio: 3 settimane è il solito periodo di tempo per la riabilitazione ospedaliera dopo un ictus significativo o un incidente cerebrale. Cioè, questo è il periodo di tempo minimo per permettere al cervello di creare e produrre nuove e durature connessioni

Regola 4 – Ripetere i colpi in maniera corretta determina  i colpi giusti durante una partita

Per allenarti a eseguire i colpi giusti, quelli che vincono punti, la maggior parte dei colpi di pratica devono essere buoni. Dimenticare i risultati immediati è importante. Eseguire ripetutamente colpi buoni è il modo per ottenere risultati importanti – quelli che fanno la differenza nelle tue partite. Quelli che rimangono con te nel tempo. Ad esempio, uno allievo colpisce 250 dritti durante una sessione di allenamento. I primi 25 sono colpiti male mentre si riscalda. I 200 seguenti sono colpiti in modo mediocre con l’idea di migliorare quel colpo “così così”. Quindi 25 sono colpiti bene perché è migliorato. Uno quindi tende a iniziare a lavorare a un altro colpo. Ma cosa hai insegnato a fare alla memoria muscolare? Il risultato è che hai allenato la tua memoria motoria a colpire male, o rinforzato il tuo mediocre colpo “così così” il 90% delle volte.

Non c’è da stupirsi se uno finisce per colpire come sempre il giorno dopo. Per fare un buon lavoro nella memoria muscolare, devi colpire almeno diverse centinaia di colpi dopo aver iniziato a colpire bene. La Scienza supporta questo. Joiner e Smith (2008, 2949) notano, “dopo aver raggiunto un alto livello di prestazioni durante un periodo iniziale di allenamento, la formazione aggiuntiva che ha scarso effetto sulle prestazioni può portare a sostanziali miglioramenti nella conservazione a lungo termine dei risultati ottenuti“.

Pertanto, i risultati positivi sono il risultato della memoria muscolare sviluppata eseguendo i colpi correttamente più e più volte fino al momento in cui si verificano cambiamenti permanenti. La memoria muscolare si verifica per acquisizione, quindi consolidamento.

L’acquisizione è il processo di prima padronanza dell’abilità. Si impara all’interno di una sessione, o al massimo da 2 a 3 sessioni. È a breve termine. Sbiadisce in pochi giorni, a meno che non sia rinforzata. Il consolidamento è quando l’abilità viene sviluppata, padroneggiata e mantenuta grazie a molta ripetizione in un periodo di tempo concentrato

La Memoria Muscolare nel Tennis

Regola 5: l’apprendimento di diversi modelli back to back può far dimenticare quello iniziale.

In altre parole, un’abilità appena praticata viene facilmente dispersa. È instabile. Pertanto, quando aggiungi la pratica un’altra attività motoria subito dopo aver appreso la prima, questa crea “interferenza”. Questo complica il miglioramento precedentemente verificato.

In uno studio, gli autori hanno concluso che quando l’apprendimento di un compito motorio fu seguito immediatamente dall’apprendimento di una seconda abilità motoria diversa, i “soggetti” non sono stati in grado di beneficiare del loro precedente addestramento “(BrashersKrug, Shadmehr, & Bizzi, 1996).

Un altro studio rileva “Interferenze con l’apprendimento motorio si verificano quando vengono praticati più compiti in sequenza o con brevi periodi intermedi”(Chapman, Vicenzino, Blanch, & Hodges, 2007, p. 504, 513).

Questo significa che i benefici tratto dal precedente sforzo formativo sono stati sprecati. Questo fatto biologico è confermato con forza da più studi. Per fare un esempio, se alleni il tuo dritto e subito dopo ti concentri sul tuo rovescio, la scienza suggerisce che il miglioramento a breve termine nel tuo diritto è transitorio e andrà perso in termini di tempo di conservazione. In conculsione, hai appena perso tutto il tempo trascorso ad allenare il tuo diritto relativamente alla creazione di memoria muscolare.

Regola 6: Una volta che la memoria muscolare è a posto, “dimentica” lentamente, ma non del tutto

Questo è il motivo per cui qualcuno che giocava a tennis al liceo o all’università gioca ancora bene se prende la racchetta in mano dopo 20 anni. La memoria muscolare è permanente. Quel sentiero non va via. Per migliorare quindi, quello che devi fare è creare nuovi percorsi e farli diventare i tuoi preferiti. Lo fai allenandoti ripetutamente su quelli. L’uso frequente trasforma il nuovo percorso in percorso preferito.

Regola 7: Il miglioramento temporaneo che si verifica durante la pratica o le partite non dovrebbero essere considerate apprendimento, ma piuttosto un effetto transitorio della prestazione.

Come notato in precedenza, la creazione della memoria muscolare ha molti processi dinamici. Dopo una singola (o anche poche) sessione o partita, il miglioramento acquisito inizia ad andare via rapidamente, iniziando già da 24 a 48 ore dopo la pratica. Quando pratichi solo una volta, c’è quindi poca memoria muscolare da costruire 3-4 giorni dopo. La chimica del cervello è in costante sviluppo e decostruzione tutto il tempo.

La memoria a breve termine (acquisizione) si erode rapidamente. Per Vaswani & Shadmehr (2013), la memoria muscolare “acquisita durante l’allenamento decade immediatamente e automaticamente “. Diventa memoria a lungo termine (memoria muscolare) solo con una frequente ripetizione in un periodo di tempo concentrato. Il miglioramento temporaneo delle prestazioni è una cosa eccellente se c’è nei 2-3 giorni prima di una partita, ma se vuoi davvero che il tuo gioco migliori ad un livello superiore permanentemente, devi lavorare alla costruzione della memoria muscolare.

Il miglioramento delle prestazioni temporanee è a effetto transitorio – un breve rinforzo sui percorsi attuali. È acquisizione, non consolidamento. Non stabilisce nuovi percorsi migliorati. Invece rafforza il tuo solito gioco, o la tua precedente sessione di prove, quindi non aspettarti molto di più.

CONCLUSIONE

Le migliori idee sono quelle che ti aiutano a fare scelte migliori e prendere azioni più sagge Il libro va in Muscle Memory Teoria e pratica – perché dovrebbe funzionare e come è fatto. La scienza suggerisce che c’è un modo diverso, un modo migliore per allenare il tuo memoria muscolare. Allontanati dall’allenamento tradizionale e prova qualcosa di diverso. Riesaminare la scienza e incorporarla con la vostra conoscenza ed esperienza, modificate e inventate qualcosa di utile


RIFERIMENTI

  • Brashers-Krug T., Shadmehr R., & Bizzi E. (1996, July 18). Consolidation in human motor memory. Nature, 382, 252– 255.
  • Chapman, A. R., Vicenzino, B., Blanch, P., Hodges, P. W. (2007, June 5). Leg muscle recruitment during cycling is less developed in triathletes than cyclists despite matched cycling training loads. Experimental Brain Research, 181(3):503-18. doi: 10.1007/s00221-007-0949-5
  • Joiner, W. M., & Smith, M. A. (2008, November). Long-term retention explained by a model of short-term learning in the adaptive control of reaching. Journal of Neurology, 100(5): 2948-2955.
  • Vaswani, P. A., & Shadmehr, R., (2013, May 1). Decay of Motor Memories in the Absence of Error. Journal of Neuroscience, 33(18), 7700-7709; doi: 10.1523/JNEUROSCI.0124-13.2013
  • Smith, A. D. (2017). Muscle Memory and Imagery: Better Tennis. Amazon Books/CreateSpace