Tutto, dalla fisiologia al colore degli occhi, è determinato da influenze genetiche. Ma quali sono le influenze genetiche sulla nutrizione? Cosa determina l’abilità atletica? E quali sono i limiti delle prestazioni sportive umane?

Ci fu un tempo in cui nessuno pensava che un umano potesse percorrere un miglio in quattro minuti, ma nel 1954, Roger Bannister fece proprio questo, e presto ne seguirono molti altri. Oggi, migliaia di atleti completano ultra-maratone, Ironman Triathlon e gare di 24 ore e record atletici vengono regolarmente superati. C’è qualche limite?

Quali fattori limitano le prestazioni umane nello sport? Molti fisiologi concordano sul fatto che alcuni di questi fattori includano elementi quali nutrizione,  motivazione, ambiente e progressi nelle attrezzature ( scarpe da corsa , costumi da bagno, sci, biciclette) che consentono tutti miglioramenti significativi nelle  prestazioni atletiche .

Ma dopo aver tenuto conto di questi progressi ambientali, molti fisiologi sembrano ritenere che i limiti delle prestazioni sportive possano avere a che fare con la nostra genetica, in particolare i geni che regolano la nostra resistenza cardiovascolare e il tipo di fibra muscolare.

La nutrizione personalizzata è qualcosa che è stata portata all’attenzione molto di più negli ultimi anni. I requisiti nutrizionali variano a seconda dell’età e del sesso.

Influenze genetiche sulla nutrizione

Indubbiamente, esiste una significativa componente genetica dell’impatto della nutrizione sulla salute e la capacità di adattarsi all’allenamento e all’esercizio fisico. Non sorprende che i media abbiano un forte interesse in questo. Numerose aziende offrono test genetici che forniscono informazioni sul tuo genoma e sui vari esiti relativi alla salute.

Progressi tecnologici per determinare le influenze genetiche

Il Progetto genoma umano e i progressi nelle tecnologie di sequenziamento del DNA hanno rivoluzionato l’identificazione dei disturbi genetici. Lo sviluppo continuo di progressi tecnologici ha radicalmente cambiato i test genetici da un’impresa costosa e onerosa a una che è rapida, meno costosa e che serve a molti scopi.

La capacità del sequenziamento di prossima generazione ha stabilito la diagnosi di centinaia di disordini genetici. La disponibilità di informazioni genomiche ha portato a chiedersi se c’è un beneficio clinico nel sequenziamento dei genomi di persone che non cercano diagnosi (cioè persone generalmente sane) per fornire spunti anticipatori per la loro assistenza sanitaria.

Questi metodi sono stati criticati perché ci sono poche prove su cui basare conclusioni e consigli. Abbiamo visto queste tecniche offerte agli atleti per esaminare i problemi di prestazioni, ma non ci sono praticamente studi in questo settore, quindi è difficile trarre conclusioni con fiducia.

I test genetici possono prevedere le prestazioni atletiche?

Sembrerebbe che il buon senso stabilisca che “la pratica rende perfetti”, ma è l’unica cosa che influisce sul fatto che qualcuno sia bravo in uno sport in particolare? Puoi essere ” nato buono “?

Negli ultimi anni, c’è stato un aumento significativo nell’uso del test del DNA tra squadre sportive, allenatori e atleti. È un argomento ampiamente controverso, ma da un punto di vista scientifico l’idea di accedere alle informazioni genetiche per prevedere le capacità sportive è una prospettiva eccitante.

Ognuno di noi ha una struttura di DNA individuale, distinta e immutabile che ci influenza in modi molto diversi. Alcuni di noi sono bravi a correre, alcuni di noi non sono in grado di elaborare il glutine e alcuni di noi subiscono incredibili postumi di una sbornia dalla più piccola goccia di alcol. Tuttavia, avere il DNA giusto non aiuta necessariamente quando si tratta di vivere la propria vita o migliorare le proprie capacità. Comprende il tuo DNA e il modo in cui influisce su di te, consentendo ai migliori atleti di capitalizzare sulle loro predisposizioni genetiche e, a loro volta, sviluppare le loro capacità fisiche.

Ma cosa succede se non hai i mezzi finanziari per testare i tuoi geni?

Un modo gratuito per valutare e migliorare la tua abilità atletica è di adattare l’allenamento alla forma fisica attuale, o al somatotipo.

Un somatotipo è un altro termine per “tipo di corpo” e secondo la formula di Heath-Carter, ci sono tre somatotipi chiaramente definiti chiamati Ectomorfo, Endomoro e Mesomorfo. Sebbene ci siano tre tipi definibili, le persone sono quasi sempre una combinazione dei tre. Inoltre, le persone possono allenare spesso i loro corpi rendendo possibile la transizione avanti e indietro tra i diversi tipi.

La nutrigenomica

La nutrigenomica esamina le relazioni tra ciò che mangiamo, il nostro rischio e la risposta alle malattie. Per fornire ad un atleta una consulenza significativa basata su test genetici, è necessario comprendere le interazioni di esercizio genico-nutritivo note come nutrigenomica, ma gli studi in quest’area sono molto limitati.

La nutrigenomica è una linea di ricerca impegnativa a causa dei rigorosi controlli necessari su tutti gli aspetti di un intervento, delle ampie dimensioni del campione richieste (c’è l’aspettativa di una piccola dimensione dell’effetto) e degli alti costi di ricerca.

Nutrizione sportiva personalizzata

I progressi nella nutrizione sportiva personalizzata possono verificarsi solo se ci impegniamo in una ricerca umana attentamente pianificata e ben eseguita in futuro. Diamo un’occhiata a un esempio. Le attuali raccomandazioni per l’assunzione di carboidrati sono comprese tra 0 e 90 g all’ora di esercizio, a seconda degli obiettivi, del livello dell’atleta e della durata dell’esercizio. Questa è una gamma molto ampia.

Alimentazione di carboidrati

Dagli studi di ricerca, sappiamo che esiste una relazione dose-risposta durante l’esercizio prolungato (ad esempio, 60 g / h si tradurrebbe in una prestazione migliore di 30 g / h). È possibile che le influenze genetiche determinino le risposte delle persone all’alimentazione dei carboidrati.

Alcune persone potrebbero beneficiarne più degli altri, ma questa è pura speculazione perché non ci sono dati per supportare questa ipotesi. Potremmo teorizzare quali geni potrebbero essere responsabili di possibili differenze nella risposta alla stessa alimentazione di carboidrati. Negli studi, tuttavia, le risposte sono state abbastanza simili e anche se esistessero differenze genetiche sarebbero piccole.

Le differenze nelle prestazioni degli esercizi aerobici con assunzioni di carboidrati di 30 g / h rispetto a 90 g / h sarebbero di diverse grandezze superiori alle influenze genetiche. Pertanto, è giusto concludere che, almeno in questo esempio, gli altri fattori probabilmente supererebbero di gran lunga l’influenza di una componente genetica.

Caffeina

C’è un’eccezione, tuttavia, che è la sensibilità alla caffeina. È chiaro che le risposte alla caffeina differiscono tra individui e si scopre che questo si riferisce a determinati geni. CYP1A2 è un gene che regola la degradazione della caffeina e determina la velocità con cui una persona metabolizza la caffeina.

La sensibilità alla caffeina è determinata principalmente dal gene ADORA2A (questo è discusso in dettaglio in Sport Nutrition, 3a edizione) . Misurare questi geni ti darà un’idea di come una persona risponde alla caffeina. Questo esempio, tuttavia, è unico e non abbiamo molti altri singoli geni che predicono risultati rilevanti per gli atleti che sono correlati alle prestazioni.