La tendinopatia al tendine di Achille è una delle lesioni più frequenti negli sport da corsa. Il carico sarà un elemento chiave quando si tratta di un infortunio, come accade in altre strutture tendinee. Il sovraccarico, come pure un inadeguato adattamento del carico, mancanza di carico o vita sedentaria, saranno fattori di rischio da considerare in questo tipo di lesioni.

Il tendine di Achille, come gli altri tendini, ha le seguenti funzioni principali:

  • trasmissione di energia generata durante la contrazione muscolare.
  • e l'”effetto molla”; che è l’assorbimento di parte dell’energia prodotta quando si fanno i passi sul terreno e il rilascio di questa energia per iniziare una corsa efficiente ed efficace.

Anche se il tendine di Achille è uno dei tendini più voluminosi e potenti del corpo umano, è anche molto soggetto a lesioni.

Un’infiammazione al tendine d’Achille è un infortunio che può accadere a chiunque. E’ certamente più frequente negli atleti ma può avvenire semplicemente nella vita di tutti i giorni. Il tendine d’Achille è il più grande tendine nel nostro corpo

Tendinopatia del tendine d'Achille

Tendinopatia del tendine d’Achille

Tendinopatia al tendine di Achille, che cos’è e perché avviene

Il tendine d’Achille è il più lungo e uno dei più potenti del corpo. È la continuità tendinea dei tricipiti surali, formato dal polpaccio interno ed esterno e dal soleo. Si inserisce nel calcagno per la sua parte distale, situata leggermente laterale nell’inserzione e le sue fibre distribuite in modo diverso rispetto alla tipologia tendinea. Aiuta a sopportare il peso del corpo umano e lo stress aumenta notevolmente quando si corre, salta e balla. In questi casi, il tendine di Achille sopporta un peso da otto a dieci volte maggiore del corpo umano.

Generalmente, le tendinopatie del tendine Achille possono essere osservate in due luoghi diversi. Uno di questi è l’attacco osseo (entesopatia di Achille, che include non solo il danno al crossover dal tendine all’osso ma anche la disfunzione della cavità della borsa) e l’altro nel corpo del tendine, incluso il danno al paratenon e al corpo tendine stesso.

Cause

Alcune delle cause che portano a un infortunio al tendine d’Achille sono:

  • attività fisica troppo intensa o esagerata rispetto al livello di attività fisica a cui si è abituati
  • l’abitudine a portare tacchi alti, poichè questo tende a sollecitare continuamente il tendine
  • alcune conformazioni del piede: avere un piede piatto ad esempio causa una maggiore tensione sul tendine durante la camminata
  • alcuni farmaci possono essere tossici verso i tessuti tendinei
  • praticare attività con cambi repentini di ritmo, velocità e salti: ad esempio danza, calcio, pallacanestro…. o il velocista che scatta dai blocchi di partenza!
  • l’età e il sesso: sono maggiormente a rischio gli uomini di età superiore ai 30 anni

Cause di tendinopatia del tendine d’Achille

Come indicato all’inizio dell’articolo, una delle cause principali della lesione è l’inadeguato adattamento del carico. Un sovraccarico, così come la mancanza di carico, saranno fattori di rischio da tenere a mente. Ci sono diversi fattori intrinseci che dovremmo considerare che possono essere determinanti quando c’è un infortunio: un cattivo condizionamento generale dell’attività che il paziente deve svolgere a causa di una insufficiente funzione muscolare, perdita del controllo motorio, mancanza di elasticità, diminuzione dell’articolazione mobilità, ecc …

Ci sono anche altri fattori intrinseci come l’indice di massa corporea, alterazioni del profilo lipidico o diabete che possono aumentare il rischio di soffrire di una tendinopatia al tendine di Achille, così come alcuni fattori genetici che possono influenzare questa lesione.

Tendinopatia del Tendine d'Achille

Trattamento per la tendinite del tendine d’Achille

Il dolore è uno dei segni più chiari della tendinopatia tendinea di Achille, così come la perdita di funzionalità o disabilità funzionale. Questo dolore è un dolore locale dalle caratteristiche meccaniche, occasionalmente legato alla rigidità mattutina, che può migliorare o meno con l’attivazione del movimento a seconda della fase evolutiva della lesione.

Nel trattamento della tendinopatia di Achille è fondamentale eseguire una corretta diagnosi differenziale. I test ortopedici possono aiutarci, così come i test di imaging che dobbiamo correlare con i risultati della sintomatologia dei pazienti perché i cambiamenti strutturali saranno solo uno dei fattori di rischio associati all’insorgenza della lesione. Prima di iniziare il trattamento, dobbiamo seguire un ragionamento clinico corretto che stabilirà le varie fasi evolutive da seguire durante il trattamento.

Lo stadio evolutivo del paziente è essenziale, oltre a determinare la posizione della lesione insieme ai fattori intrinseci ed estrinseci che possono peggiorare la lesione. Se il paziente è nella fase reattiva, caratterizzata da dolore e impotenza funzionale, il nostro primo obiettivo dovrebbe essere la modulazione del carico e la diminuzione del dolore. Una volta superata questa fase e in base alla diagnosi di fisioterapia, possiamo applicare varie tecniche disponibili.

Generalmente, una tendinopatia si verifica con cambiamenti nella propria struttura tendinea, una perdita nella funzione muscolare e controllo motorio. Quando si parla di come affrontare i cambiamenti strutturali e metabolici del tendine, l’elettrolisi è uno strumento di particolare interesse. La tecnica di terapia elettrolitica percutanea è sicura, efficace e praticamente indolore. Inoltre, il tempo di recupero dei pazienti è significativamente ridotto, consentendo ai pazienti di tornare alla loro normale attività e di introdurre un programma di modulazione del carico in precedenza.

Prima, durante o dopo il trattamento di elettrolisi, l’esercizio terapeutico diventa essenziale. Esistono diversi tipi di esercizi che i professionisti possono consigliare in base alle esigenze dei loro pazienti. La premessa iniziale è la modulazione del carico, con velocità ridotta, aumento del carico gradualmente, per raggiungere uno stadio finale di stimoli ad alta intensità e una velocità focalizzata sull’attività regolare dei pazienti.

Dobbiamo ricordare che dobbiamo sempre visitare un professionista della salute che stabilisca il trattamento più adatto per questo tipo di lesioni ai tendini.