Anche se non nella stessa abbondanza degli uomini, anche le donne producono l’ormone androgeno testosterone nelle ovaie e nelle ghiandole surrenali. Le donne ne hanno bisogno in piccole quantità come parte del mix di ormoni che mantengono stabile l’umore, i livelli di energia, il desiderio sessuale e le funzioni corporee senza intoppi.

Oltre a estrogeni e progesterone, un corpo femminile ha anche bisogno di testosterone, un ormone sessuale maschile. In condizioni normali, la sua concentrazione nelle donne è 10 volte inferiore rispetto agli uomini. Tuttavia, il livello di quest’ormone in una donna non è costante per tutta la vita.

Che impatto ha il testosterone sui corpi delle donne?

I livelli normali di testosterone hanno molteplici funzioni sulla salute generale delle donne:

Mantiene le ossa sane. La quantità corretta di testosterone supporta la crescita e la forza ossea, mentre troppo o troppo poco può danneggiarli. Secondo una recensione pubblicata nel novembre 2016 sulla rivista Clinical Interventions in Aging, gli studi dimostrano che sia il testosterone che l’estrogeno sono essenziali per la formazione dell’osso.

Promuove la salute cognitiva. Secondo le linee guida pubblicate nell’ottobre 2014 sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism , il testosterone ha un effetto neuroprotettivo nelle donne. Uno studio ha dimostrato che le donne in postmenopausa con malattia di Alzheimer presentavano livelli più bassi di testosterone ed estrogeni rispetto al gruppo di controllo. Un altro ha rilevato che livelli più elevati di testosterone nel plasma delle donne in premenopausa erano legati a prestazioni migliori nei compiti di relazioni matematiche e spaziali.

Mantiene il desiderio sessuale. Il testosterone è noto come ormone sessuale maschile, ma anche le donne hanno livelli di ormone nel loro sistema – proprio come gli uomini hanno invece bassi livelli di estrogeni nel loro. L’ormone è parte di ciò che favorisce desiderio, fantasia e pensieri sul sesso, e aiuta anche a fornire l’energia per il sesso nelle donne.

Cosa succede quando i livelli di testosterone di una donna sono bassi?

I livelli di questo ormone diminuiscono leggermente tra i 20 ei 40 anni nelle donne, ma non sembra esserci una riduzione brusca e profonda, simile a quella degli estrogeni, al momento della menopausa.

Tuttavia, alcune donne in postmenopausa sperimentano bassi livelli di testosterone che possono causare una diminuzione del desiderio sessuale. In alcune donne, hanno buon effetto “integrazioni” per migliorare la libido.

Bassi livelli di testosterone possono anche causare altri problemi di salute, affaticamento e un aumento del rischio di perdita ossea, osteoporosi e fratture.

Cosa succede quando i livelli di testosterone di una donna sono troppo alti?

Alti livelli di un tipo di androgeno noto come testosterone libero possono causare la sindrome dell’ovaia policistico (PCOS), una condizione che interferisce con i cicli mensili e la capacità dell’organismo di ovulare. Secondo il Dipartimento della Salute e dell’Ufficio del Servizio per la salute delle donne, circa il 10% delle donne in età fertile è affetto da questo problema di salute.

PCOS può causare i seguenti sintomi:

  • Periodi persi o ciclo mestruale irregolare. Il livello eccessivo di androgeni associato alla PCOS può causare cicli poco frequenti, irregolari o inesistenti.

  • Infertilità. Poiché le donne con PCOS non possono ovulare, hanno difficoltà a rimanere incinta.

  • Crescita eccessiva dei peli. Gli squilibri ormonali associati alla PCOS possono portare alla crescita dei peli su schiena, petto, stomaco, viso, pollici e dita dei piedi.

  • Cisti ovariche. Dal momento che gli ovuli non possono essere rilasciati dai follicoli ovarici delle donne con PCOS, i follicoli immaturi possono fondersi insieme per formare cisti ovariche grandi e dolorose .

  • Problemi alla pelle. Le donne con PCOS possono avere la pelle grassa, l’acne, chiazze scure della pelle o forfora (eczema del cuoio capelluto ).

  • Aborto spontaneo. In caso di gravidanza, le donne con PCOS hanno un rischiomaggiore di aborto .

Alti livelli di testosterone nelle donne, sia causato da PCOS o da un’altra condizione, possono causare gravi condizioni di salute, come insulino-resistenza, diabete, colesterolo alto, ipertensione e malattie cardiache.

Terapia con testosterone: quando dovrebbero prenderla in considerazione le donne?

Nelle loro linee guida più recenti, la Endocrine Society si è posta contro l’uso generale della terapia con testosterone in donne sane per il trattamento delle seguenti condizioni:

  • Infertilità

  • Disfunzione sessuale diversa dal disturbo da desiderio sessuale ipoattivo (HSDD)

  • Funzione cognitiva

  • Salute cardiovascolare

  • Sindromi metaboliche

  • Salute delle ossa

  • Benessere generale

Esistono prove scientifiche che supportano l’efficacia e la sicurezza a breve termine della terapia con testosterone per le donne in post-menopausa con disfunzione sessuale a causa di HSDD. Gli esperti suggeriscono una dose di prova dai tre a ai sei mesi di preparazioni non orali, come cerotti transdermici, gel o creme.

Se il medico prescrive una terapia in corso, i medici dovrebbero testare i livelli di testosterone ogni sei mesi per monitorare i segni di eccesso di androgeni. Se una donna non ha risposto al trattamento dopo i primi sei mesi di terapia, il trattamento deve essere interrotto.