Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’ipertensione arteriosa è responsabile di quasi il 13% delle morti nel mondo, oltre 7 milioni di morti all’anno. Infatti, l’aumento della pressione sanguigna è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari (inclusi ictus e malattia coronarica). L’ipertensione è caratterizzata da una pressione sistolica (quando il cuore si contrae) superiore a 140 mmHg e una pressione diastolica (quando il cuore si rilassa) superiore a 90 mmHg. Molti fattori influenzano la pressione sanguigna sistolica e diastolica, tra cui il volume del sangue, la compliance della parete arteriosa e la resistenza periferica.

L’attività fisica è raccomandata per la prevenzione, il trattamento e il controllo dell’ipertensione. Migliora varie funzioni cardiovascolari (inclusa la funzione endoteliale) che si traducono in un abbassamento della pressione sanguigna. Tuttavia, il tipo di esercizio e l’intensità ottimale non sono ancora chiaramente definiti. Negli ultimi anni l’allenamento ad intervalli ad alta intensità è diventato molto popolare, sia per migliorare le prestazioni atletiche che per la salute. Ma rispetto all’allenamento continuo di intensità moderata, quale impatto avrà sull’ipertensione?

Lo studio

Per rispondere a questa domanda, un team di ricercatori norvegesi ha confrontato gli effetti su diverse funzioni cardiovascolari dopo un allenamento ad intervallo ad alta intensità (HIIT) o un allenamento continuo a intensità moderata (MICT). Per questo, i ricercatori hanno reclutato 88 pazienti (39 donne e 49 uomini di 52,0 ± 7,8 anni e 15 persone di cui 8 donne successivamente abbandonate) affetti da ipertensione di stadio 1-2, definita come pressione sistolica compresa tra 140 e 179 mmHg e / o una pressione diastolica compresa tra 90 e 109 mmHg. Per 12 settimane, tre volte alla settimana, questi pazienti sono stati divisi in 3 gruppi:

  • Gruppo HIIT (n = 25): ad ogni sessione di allenamento, i pazienti si sono riscaldati per 10 minuti al 60% FC MAX e poi hanno eseguito intervalli di 4 x 4 minuti al 90-95% FC MAX camminando o correndo su un tapis roulant in salita con 3 minuti di recupero attivo tra ciascun intervallo al 60-70% FC MAX . La sessione si è conclusa con 3 minuti di raffreddamento. La sessione è durata 38 minuti.
  • Gruppo MICT (n = 23): ad ogni sessione di allenamento, i pazienti camminavano o corrono al 70% FC MAX per 47 minuti per eseguire l’allenamento isocalorico con il gruppo HIIT.
  • Gruppo di controllo (n = 25): questi pazienti hanno ricevuto le raccomandazioni standard per l’ipertensione, inclusa la pratica dell’attività fisica, ma senza alcuna supervisione.

La pressione sanguigna (pressione sistolica e diastolica) e la frequenza cardiaca sono state misurate prima e dopo le 12 settimane del protocollo per un giorno intero grazie a un dispositivo che le misurava ogni 15 minuti durante il giorno (tra le 6 e le 22) e tutte le 30 minuti durante la notte (tra le 22h e le 6h).

VO 2MAX e frequenza cardiaca massima (FC MAX ) sono stati valutati su un tapis roulant. E la funzione endoteliale è stata misurata come dilatazione flusso-mediata nell’arteria brachiale tramite ultrasuoni. La dilatazione indipendente dall’endotelio è stata misurata dopo somministrazione di 0,5 mg di nitroglicerina sotto la lingua. Sono stati eseguiti anche ecocardiografia e misurazione della resistenza periferica totale. Infine, anche la qualità della vita è stata valutata prima e dopo il protocollo.

Risultati e analisi

I risultati principali di questo studio mostrano che HIIT e MICT consentono una significativa riduzione della pressione sanguigna sistolica (12 vs 4,5 mmHg) e della pressione diastolica (8 vs 3,5 mmHg), ma la riduzione sistolica con HIIT era significativamente più alta ( Fig. 1 e 2 ). Nel gruppo HIIT, il 28% dei pazienti ha ottenuto una riduzione della pressione arteriosa sistolica superiore a 15 mmHg e il 36% dei pazienti ha avuto una riduzione di 5-15 mmHg. La pressione arteriosa sistolica di circa il 24% dei pazienti nel gruppo HIIT è tornata alla normalità (<130 mmHg). Nel gruppo MICT, solo 1 persona e nel gruppo Controllo, solo 1 persona ha ottenuto valori normali dopo il protocollo. Per confrontare, una meta-analisi con 10968 partecipanti ha mostrato che la riduzione dell’ipertensione utilizzando un singolo tipo di farmaco era da 7,3 a 9,3 mmHg.

Per quanto riguarda la dilatazione del flusso sanguigno, solo l’HIIT è migliorato (+ 4%) . La dilatazione indipendente dall’endotelio indotta dalla nitroglicerina non è cambiata, il che implica che HIIT ha migliorato la funzione endoteliale. La funzione endoteliale gioca un ruolo chiave nella vasodilatazione, che alla fine riduce la pressione sanguigna. Una meta-analisi di 5547 partecipanti ha mostrato che un aumento dell’1% della dilatazione del flusso sanguigno ha comportato una riduzione del 13% del rischio di eventi cardiovascolari.

Infine, VO 2MAX migliorò significativamente in entrambi i gruppi, ma significativamente più con HIIT rispetto a MICT (15 vs 5%, rispettivamente) . VO 2MAXriflette l’idoneità cardiovascolare e un aumento equivalente a 1 MET riduce il rischio di tutte le cause di mortalità del 13% nelle persone con ipertensione.

Applicazioni pratiche

Questo studio dimostra che l’HIIT con intervalli lunghi (4 x 4 minuti al 90% FC MAX ) riduce significativamente la pressione arteriosa sistolica (12 mmHg) e diastolica (8 mmHg) rispetto alla MICT (4,5 / 3,5 mmHg). E il livello di riduzione è simile ad alcuni farmaci prescritti per l’ipertensione. Inoltre, HIIT consente un miglioramento migliore di VO 2MAX . Infine, solo HIIT ha migliorato la funzione endoteliale che consente una migliore vasodilatazione delle arterie. Probabilmente sono questi miglioramenti (e molti altri) che possono ridurre la pressione sanguigna.

Riferimenti

  1. Molmen-Hansen HE, Stolen T, Tjonna AE, Aamot IL, Schjerve IE, Tyldum GA, Wisloff U, Ingul CB e Stoylen A. L’allenamento a intervalli aerobici riduce la pressione sanguigna e migliora la funzione miocardica nei pazienti ipertesi. Eur J Prev Cardiol 19 (2): 151-160, 2012.