Gli insegnanti predicono il successo quanto gli esami

Di:   ScienzeMotorie  |  1 Gennaio 1970

Gli insegnanti

Una nuova ricerca del King’s College di Londra rivela che le valutazioni degli insegnanti sono altrettanto affidabili degli esami standardizzati nella previsione del successo scolastico.

I ricercatori dicono che le loro scoperte, pubblicate sul Journal of Child Psychology and Psychiatry, si chiedono se i benefici degli esami standardizzati superino i costi per la loro gestione.

Le valutazioni degli insegnanti sono risultate correlate fortemente con i punteggi degli esami in inglese, matematica e scienze nelle di 7-14 anni, con entrambe le misure ugualmente efficaci nel prevedere il successivo successo degli esami. Le valutazioni degli insegnanti hanno previsto circa il 90% delle differenze tra gli alunni nella valutazione degli esami a livello di GCSE e A.

Il ricercatore co-conduttore Dr Kaili Rimfeld, dell’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (IoPPN), ha dichiarato: “Abbiamo dimostrato per la prima volta che le valutazioni degli insegnanti prevedono i risultati GCSE e A-level tanto quanto i precedenti punteggi degli esami. Il fatto che i punteggi dei test siano correlati in modo così elevato con le valutazioni degli insegnanti solleva domande sul valore della cultura sperimentale che caratterizza l’istruzione obbligatoria nel Regno Unito “.

La ricercatrice co-conduttrice Dr Margherita Malanchini, del IoPPN e dell’Università del Texas ad Austin, ha dichiarato: “Mentre i test possono stimolare sia gli alunni che gli insegnanti a concentrare i loro sforzi, gli esami standardizzati ad alto rischio possono spostare l’esperienza educativa dall’apprendimento al rendimento degli esami. Per questi motivi, suggeriamo che le valutazioni degli insegnanti potrebbero essere ancora considerate  per monitorare i progressi, anziché i punteggi degli esami, in particolare durante gli anni scolastici precedenti. “

La ricerca precedente ha esaminato come i punteggi degli esami o le valutazioni degli insegnanti predicono il successo scolastico, ma non ne confrontano i due. I ricercatori sono stati in grado di effettuare il confronto collegando i dati di oltre 5.000 coppie gemelle nel Twins Early Development Study (TEDS) con valutazioni degli insegnanti e punteggi degli esami nel National Pupil Database.

La precedente ricerca del King’s College di Londra ha stabilito che i fattori genetici sono la principale influenza sui risultati degli esami per GCSE e A-levels. Utilizzando i dati di TEDS, i ricercatori hanno mostrato una forte correlazione tra le valutazioni degli insegnanti e i punteggi degli esami, confermando che entrambe le misure stavano identificando le stesse criticità e misurando in gran parte la stessa abilità.

Gli insegnanti nel Regno Unito sono tenuti a valutare i loro alunni fino all’età di 14 anni e i bambini fanno esami standardizzati durante l’istruzione scolastica, compresi i SATS all’età di 7 e 11 anni, i GCSE all’età di 16 anni e i livelli A all’età di 18 anni.

Il Dr. Rimfeld ha dichiarato: “Non stiamo discutendo contro i test in generale, né che gli insegnanti dovrebbero aumentare i loro carichi di lavoro aggiungendo ulteriori valutazioni. Al contrario, abbiamo dimostrato che gli attuali metodi di valutazione degli insegnanti sono potenti fattori predittivi di successo, consentendo alle scuole di ridurre i test e monitorare ancora i progressi in modo efficace.

Il dott. Malanchini ha dichiarato: “I nostri risultati dovrebbero aiutare il dibattito sui test durante l’istruzione primaria e secondaria. Affidarsi agli insegnanti per implementare il curriculum e monitorare i progressi potrebbe giovare al benessere degli alunni e degli insegnanti e contribuire a riportare la gioia in classe.

Ricerche precedenti hanno suggerito che gli esami ad alto rischio possono avere un impatto sul morale degli insegnanti e sul benessere degli alunni e sulla salute mentale. I ricercatori stanno ora cercando di studiare i legami tra le esperienze scolastiche e la salute mentale tra i giovani.


Riferimenti:

  1. Kaili Rimfeld, Margherita Malanchini, Laurie J. Hannigan, Philip S. Dale, Rebecca Allen, Sara A. Hart, Robert Plomin. Teacher assessments during compulsory education are as reliable, stable and heritable as standardized test scoresJournal of Child Psychology and Psychiatry, 2019; DOI: 1111/jcpp.13070