La fibromialgia è una malattia cronica o a lungo termine. È associata a dolore diffuso nei muscoli e nelle ossa, aree di debolezza e affaticamento generale. I sintomi come questi sono considerati soggettivi, nel senso che non possono essere determinati o misurati dai test. Poiché i sintomi sono soggettivi e non c’è una chiara causa nota, la fibromialgia è spesso mal diagnosticata.

La mancanza di test oggettivi e riproducibili per questo disturbo ha un ruolo nel parere di alcuni medici che mettono in discussione il disturbo del tutto. Anche se oggi è più ampiamente accettato nei circoli medici che in precedenza, alcuni medici e ricercatori non considerano la fibromialgia una condizione reale. 

I ricercatori sono sempre più vicini alla comprensione della fibromialgia, quindi la diffidenza che circonda la condizione sta scomparendo. In passato, molti medici temevano che le persone potessero usare questo dolore non rilevabile come scusa per cercare farmaci antidolorifici. I medici ora stanno scoprendo che i cambiamenti dello stile di vita possono essere migliori dei farmaci nel trattamento e nella gestione di questa condizione.

Più i medici iniziano ad accettare questa diagnosi, più è probabile che la comunità medica debba esplorare metodi efficaci per trattare la fibromialgia.

Quali sono i sintomi della fibromialgia?

La fibromialgia è spesso associata a zone di debolezza, che sono chiamate punti trigger o punti deboli. Sono punti sul tuo corpo dove anche una leggera pressione può causare dolore.

Oggi questi punti sono usati raramente per diagnosticare la fibromialgia. Invece, possono essere usati come un modo per i medici di restringere la lista delle possibili diagnosi. I medici usano una combinazione di altri sintomi coerenti – e possibilmente alcuni test medici – per aiutarsi a determinare una causa.

Il dolore causato da questi punti trigger può anche essere descritto come un dolore sordo costante che colpisce molte aree del tuo corpo. Se dovessi provare questo dolore per almeno tre mesi, i medici potrebbero considerare questo un sintomo di fibromialgia.

Le persone con questo disturbo possono anche sperimentare:

  • fatica
  • problemi a dormire
  • dormire per lunghi periodi senza sentirsi riposati
  • mal di testa
  • depressione
  • ansia
  • incapacità di concentrarsi o difficoltà a prestare attenzione
  • dolore o dolore acuto nell’addome inferiore

I sintomi possono essere il risultato di un’interpretazione errata del cervello e dei nervi o di una reazione eccessiva ai normali segnali del dolore. Ciò potrebbe essere dovuto a uno squilibrio chimico nel cervello.

Quali sono i punti trigger?

Una persona veniva diagnosticata con fibromialgia se aveva dolore e debolezza diffusa in almeno 11 dei 18 punti trigger noti. I medici controllano per vedere quanti di questi punti siano dolorosi premendoli con fermezza.

I punti trigger comuni si trovano:

  • dietro la testa
  • sopra le spalle
  • parte superiore del petto
  • fianchi
  • ginocchia
  • gomiti esterni

I punti trigger non sono più al centro della diagnosi per la fibromialgia. Invece, i medici possono fare una diagnosi se denunciate un dolore diffuso per più di tre mesi e non hanno nessuna condizione medica diagnosticabile che possa spiegare il dolore.

I trigger points sono molto comuni e possono verificarsi all'interno di qualsiasi muscolo del corpo

Che cosa causa la fibromialgia?

Ricercatori e medici non sanno cosa causa la fibromialgia. Tuttavia, grazie a decenni di ricerche, sono vicini alla comprensione di fattori che potrebbero funzionare insieme per causarla.

Questi fattori includono:

Infezioni: le malattie pregresse possono scatenare la fibromialgia o peggiorare i sintomi della condizione.

Genetica: la fibromialgia spesso si ripete nelle famiglie. Se hai un familiare con questa condizione, il tuo rischio di svilupparla è più alto. I ricercatori ritengono che alcune mutazioni genetiche possano avere un ruolo in questa condizione. Quei geni non sono stati ancora identificati.

Trauma: le persone che subiscono traumi fisici o emotivi possono sviluppare fibromialgia. La condizione è stata collegata al disturbo da stress post-traumatico.

Stress: come il trauma, lo stress può creare effetti a lungo termine che il corpo affronta per mesi e anni. Lo stress è stato collegato a disturbi ormonali che potrebbero contribuire alla fibromialgia.

I medici inoltre non comprendono appieno i fattori che inducono le persone a provare il dolore cronico diffuso associato alla condizione. Alcune teorie suggeriscono che potrebbe essere che il cervello abbassa la soglia del dolore. Ciò che una volta non era doloroso diventa molto doloroso nel tempo.

Un’altra teoria suggerisce che i nervi e i recettori nel corpo diventano più sensibili alla stimolazione. Ciò significa che possono reagire in modo eccessivo ai segnali di dolore e causare dolore inutile o esagerato.

Quali sono i fattori di rischio per la fibromialgia?

Sebbene le cause non siano chiare, le riacutizzazioni della fibromialgia possono essere il risultato di stress, traumi fisici o una malattia sistemica non correlata come l’influenza. Si ritiene che il cervello e il sistema nervoso possano interpretare in modo errato o reagire in modo eccessivo ai normali segnali del dolore. Questa interpretazione errata potrebbe essere dovuta a uno squilibrio nei prodotti chimici del cervello.

Altri fattori di rischio per la fibromialgia includono:

  • Sesso: secondo la NIAMS, le donne rappresentano tra l’80 e il 90% di tutti i casi di fibromialgia. La ragione di questo non è nota.
  • Storia familiare: se hai una storia familiare della condizione, potresti avere un rischio maggiore di svilupparla.
  • Malattia: Sebbene la fibromialgia non sia una forma di artrite, avere una malattia reumatica come il lupus o l’artrite reumatoide può anche aumentare il rischio.

Come viene diagnosticata la fibromialgia?

Le linee guida aggiornate raccomandano che venga fatta una diagnosi se si manifesta un dolore persistente e diffuso per tre mesi o più. Ciò include anche il dolore che non ha cause identificabili correlate ad altre condizioni.

Non esiste un test di laboratorio in grado di rilevare la fibromialgia. Invece, possono essere utilizzati esami del sangue per escludere altre potenziali cause di dolore cronico.

Quali farmaci sono usati per trattare la fibromialgia?

L’obiettivo del trattamento della fibromialgia è di gestire il dolore e migliorare la qualità della vita. Questo è spesso realizzato attraverso un duplice approccio di cura di sé e farmaci.

I farmaci comuni per la fibromialgia includono:

Antidolorifici: il medico può raccomandare antidolorifici da banco, come l’ibuprofene (Advil) o il paracetamolo (Tylenol). Le versioni di prescrizione, come tramadol (Ultram), possono essere utilizzate in casi estremi. Sono usati con parsimonia per ridurre il rischio di effetti collaterali e dipendenza.

Antidepressivi: gli antidepressivi, come duloxetina (Cymbalta) e milnacipran (Savella), sono talvolta usati per trattare l’ansia o la depressione associata alla fibromialgia. Questi medicinali possono anche aiutare a migliorare la qualità del sonno.

Farmaci anti-influenzali: Gabapentin (Neurontin) è stato progettato per trattare l’epilessia, ma può aiutare a ridurre i sintomi nelle persone con fibromialgia. 

Esistono trattamenti naturali e alternativi per la fibromialgia?

Oltre ai farmaci, un piano di auto-cura può aiutarti a far fronte ai sintomi della fibromialgia. Cambiamenti nello stile di vita e rimedi alternativi per la fibromialgia possono ridurre il dolore e farti sentire meglio nel complesso. Molti di questi trattamenti alternativi si concentrano sull’abbassamento dello stress e sulla riduzione del dolore. Puoi usare la maggior parte da solo o insieme ai trattamenti medici convenzionali.

È importante notare che la maggior parte dei trattamenti alternativi per la fibromialgia non sono stati studiati a fondo. La ricerca fino ad oggi non riesce a sostenere la loro efficacia. Molte segnalazioni di successo con trattamento alternativo sono aneddotiche.

Questi trattamenti includono:

  • Fisioterapia
  • agopuntura
  • meditazione
  • yoga
  • esercizio regolare
  • dormire abbastanza di notte
  • terapia di massaggio
  • una dieta equilibrata e sana

La terapia può potenzialmente ridurre lo stress che scatena i sintomi e la depressione spesso associati a questo disturbo. La terapia di gruppo è spesso l’opzione più economica e ti dà l’opportunità di incontrare altri che stanno affrontando gli stessi problemi. La terapia individuale è disponibile anche se si preferisce l’aiuto individuale. Chiedi al tuo medico raccomandazioni specifiche.

Quali sono le raccomandazioni dietetiche per le persone con fibromialgia?

Nessuna dieta specifica è stata identificata per le persone con fibromialgia. Alcune persone riferiscono di sentirsi meglio seguendo un programma dietetico o evitando certi cibi, ma la ricerca non supporta nulla di definito.

Se ti è stata diagnosticata la fibromialgia, cerca di seguire una dieta sana ed equilibrata nel complesso. Una corretta alimentazione può aiutare il tuo corpo a rimanere sano e fornire un costante apporto di energia. Se la tua dieta non è equilibrata e non stai mangiando correttamente, i tuoi sintomi potrebbero peggiorare.

Strategie dietetiche da tenere a mente:

  • Mangiare frutta e verdura
  • Bere molta acqua.
  • Mangia più verdure che carne.
  • Riduci l’assunzione di zucchero.
  • Fai attività fisica regolare nel miglior modo possibile.
  • Perdere peso o mantenere un peso sano.

Potresti scoprire che certi cibi peggiorano i tuoi sintomi o che ti senti peggio dopo aver mangiato frequentemente un certo cibo. Se è così, è una buona idea creare un diario alimentare in cui puoi tenere traccia di ciò che stai mangiando e di come ti senti dopo il pasto.

Poiché i sintomi sono soggettivi e non c'è una chiara causa nota, la fibromialgia è spesso mal diagnosticata.

Esiste una cura per la fibromialgia?

Non esiste una cura per la fibromialgia. Invece, il trattamento si concentra sulla riduzione dei sintomi e sul miglioramento della qualità della vita. Questo è spesso ottenuto attraverso l’uso di farmaci, strategie di auto-cura e cambiamenti nello stile di vita.

Per trovare una cura, i ricercatori devono capire che cosa causa alle persone lo sviluppo di questa condizione. Questo rimane poco chiaro. La ricerca ha identificato tre aree che possono contribuire allo sviluppo della fibromialgia: genetica, malattia e trauma. Una miscela di fattori di rischio genetici e stile di vita può anche causare una persona a sviluppare la condizione.

Fibromialgia e disabilità: conosci i fatti

La fibromialgia è una delle condizioni più comuni per le persone che fanno domanda per l’elenco delle persone con disabilità. È possibile ottenere benefici di invalidità se si soffre di fibromialgia, anche se questo processo potrebbe richiedere del tempo.

La fibromialgia è considerata una sindrome reumatica non tipica poiché la sua causa è ancora sconosciuta. A livello internazionale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha inserito la fibromialgia nell’elenco delle patologie dolorose croniche invalidanti. Anche in Europa è dichiarata come patologia invalidante.

In Italia, la fibromialgia non è presente nelle linee guida dell’Inps per il riconoscimento dell’invalidità. In rari casi, però, alcune commissioni mediche Asl, come l’Asl di Varese, ne hanno riconosciuta l’invalidità.

Per beneficiare dei benefici di invalidità a causa della fibromialgia, è necessario:

Essere diagnosticati: i vostri medici hanno testato e escluso ogni altra possibile condizione che potrebbe spiegare i sintomi.

Esperienza di forti dolori: i sintomi sono debilitanti. Ti impediscono di svolgere compiti quotidiani.

Avere i sintomi per un lungo periodo di tempo: la condizione ha avuto un impatto sulla tua vita per almeno un anno.

Non essere in grado di condurre una vita normale: dovrai dimostrare che i tuoi sintomi ti impediscono di impegnarti in normali attività lavorative.

Durante il processo di richiesta per disabilità, devi dimostrare che la condizione ti impedisce di tornare al lavoro. Devi anche dimostrare che non sei in grado di tornare a uno dei tuoi lavori precedenti o eseguire qualsiasi tipo di lavoro a causa delle tue condizioni. Per questo motivo, probabilmente dovrai fornire un’intera storia di lavoro e di occupazione.

Qualora il verdetto della commissione medica sia negativo, è possibile fare ricorso. È necessario munirsi del verbale sanitario con un accertamento tecnico preventivo e chiedere al giudice la nomina di un consulente tecnico d’ufficio, allegando la documentazione medica necessaria. Questo ricorso ha avuto esito positivo, ad esempio, nel 2017 quando il tribunale di Termini Imerese ha riconosciuto l’invalidità ad un’artigiana di Castelbuono con fibromialgia.

Fatti e statistiche sulla fibromialgia

La fibromialgia è una condizione cronica che provoca dolore diffuso, affaticamento, difficoltà a dormire e depressione. La fibromialgia non ha una cura e i ricercatori non capiscono cosa lo causa. Il trattamento si concentra su farmaci che possono alleviare i sintomi e lo stile di vita e trattamenti alternativi che aiutano ad alleviare i sintomi.

Più di 5 milioni di europei di età superiore ai 18 anni sono stati diagnosticati con questa condizione. Tra l’80 e il 90 per cento delle persone cui viene diagnosticata la condizione sono donne. Uomini e bambini possono anche essere diagnosticati con il disturbo. La maggior parte delle persone viene diagnosticata durante la mezza età.

La fibromialgia è cronica. La maggior parte delle persone diagnosticate con questa condizione sperimenteranno i loro sintomi per il resto della loro vita. Tuttavia, alcune persone possono sperimentare periodi in cui il loro dolore e la fatica non sono così male.