Per prima cosa la chinesiologia non va confusa con la kinesiologia, che presenta la stessa forma fonetica, ma con una grafia differente. L’etimologia risulta la stessa per entrambe e fa riferimento ai termini greci “kinésis“, nel senso di movimento, e “logos“, nel senso di studio (con il significato dunque di “studio del movimento”), ma mentre la kinesiologia opera nell’ambito delle discipline terapeutiche alternative, la chinesiologia opera nel campo delle scienze motorie.

La quantità di confusione sul termine kinesiologia ha creato ambiguità e poca chiarezza per anni e continuerà a farlo. Prendiamo un momento per mettere le cose in chiaro.

Cos’è la Chinesiologia

Il termine chinesiologia è una parola che significa lo studio del movimento del corpo. Questo è un argomento che può essere studiato nelle principali università di tutto il mondo, imparando la bio-meccanica e i meccanismi fisici del movimento del corpo.

La chinesiologia, nota anche come cinetica umana, è la scienza del movimento umano. Si concentra su come il corpo funziona e si muove. Un approccio chinesiologico applica principi medici scientifici e basati sull’evidenza verso l’analisi, la conservazione e la valorizzazione del movimento umano in tutti gli ambienti e le popolazioni.

I chinesiologi valutano il movimento, le prestazioni e la funzione umana applicando le scienze della biomeccanica, dell’anatomia, della fisiologia e dell’apprendimento motorio. I chinesiologi sono coinvolti nella riabilitazione, nella prevenzione e nella gestione dei disturbi per mantenere, riabilitare o migliorare il movimento, la funzione o le prestazioni nelle aree dello sport, della ricreazione, del lavoro e dell’esercizio. Forniscono inoltre servizi di consulenza, conducono ricerche e sviluppano politiche relative alla riabilitazione, alle prestazioni motorie umane, all’ergonomia e alla salute e sicurezza sul lavoro.

La chinesiologia (indicata spesso anche come cinesiologia) è una scienza che tratta lo studio del movimento umano in tutte le sue forme. I campi di applicazione e le potenzialità sono molto ampi:

  • educativo (educazione fisica nelle scuole, anche per portatori di handicap),
  • preventivo (posturale, per la terza età, per la degenerazione fisiologica articolare, dell’osteopenia e della sarcopenia, ottimizzazione dei gesti tipici del fitness),
  • formativo e/o conservativo (cinesiterapia per le patologie vertebrali adolescenziali),
  • ricreativo (ginnastica con musica, animazione, giochi, ecc.),
  • sportivo (preparazione ed ottimizzazione del gesto atletico, allenamento specifico, ecc.),
  • rieducativo (recupero funzionale, algie, ecc.).

È da sottolineare l’importanza della chinesiologia nel campo delle attività educative, in quanto la stretta associazione tra maturazione organica ed esperienza motoria, o meglio neuromotoria, crea le condizioni affinché si creino le migliori condizioni per uno sviluppo psicomotorio ottimale nei bambini, potenziandone le risorse.

Il Chinesiologo è una figura professionale che non può prescindere da un curriculum di studio adatto alla professione che svolge e deve essere qualificato e competente.

Per diventare Chinesiologo è necessario aver conseguito la Laurea in Scienze Motorie e Sportive; da gennaio 2013 la professione di Chinesiologo è stata inserita nell’elenco delle professioni organizzate e i professionisti possono unirsi in associazioni di categoria in modo da poter dimostrare ai propri pazienti di possedere i requisiti minimi (ovvero possono accedere alle certificazioni di qualità a norma UNI).

Seguire periodicamente dei corsi di aggiornamento è fondamentale per ogni chinesiologo. Oltre al curriculum di studio, per scegliere un Chinesiologo competente è fondamentale tener conto anche di:

  • esperienza professionale;
  • tirocini;
  • conseguimento di riconoscimenti da istituti accreditati;
  • produzione di articoli o libri (sul movimento, sull’anatomia del corpo umano, sulla postura, sulla ginnastica correttiva, ect.);
  • collaborazioni di vario genere con istituti pubblici o privati.

Cos’è la Kinesiologia Applicata

Il termine Kinesiologia Applicata è una cosa completamente diversa. Questo termine fu creato dal compianto Dr. George Goodheart, un chiropratico americano negli anni ’60. È un termine per descrivere una tecnica di utilizzo di specifici test muscolari come valutazione neurologica della funzione del corpo. Un medico o un professionista può utilizzare questo sistema di feedback per ottenere una diagnosi dello squilibrio funzionale e decidere al meglio il trattamento appropriato per quello specifico squilibrio del corpo.

La Kinesiologia applicata è un metodo di diagnosi che utilizza il test muscolare manuale per determinare lo stato del corpo. Questa tecnica può determinare quali stress causano il problema corporeo, quali stress stanno causando attualmente disagi e cosa è necessario per consentire al corpo di raggiungere rapidamente una migliore salute. La kinesiologia applicata, nota anche come “neurologia funzionale”, può effettivamente dare la priorità a quali stress sono attualmente più critici, testando i gruppi muscolari e specifici muscoli nel corpo, i sistemi strutturali, chimici ed emotivi / elettromagnetici.

Il Dr. George Goodheart fondò la Kinesiologia Applicata nel 1964. Notò una correlazione diretta tra distorsione posturale e modelli muscolari deboli. Trattando il muscolo debole, usando metodi diversi, il muscolo tornerebbe alla normale funzione e la postura migliorerebbe. Da quel momento la Kinesiologia Applicata si è espansa fino a diventare la tecnica che è oggi, utilizzata in maniera sempre più ampia.

Dall’origine della kinesiologia applicata sono stati creati oltre 80 altri metodi di “kinesiologia”. Inoltre, l’uso della prova muscolare generale è stato ampliato. Il comune denominatore in tutti questi metodi è un approccio interdisciplinare all’assistenza sanitaria che riunisce gli elementi centrali delle terapie complementari, creando un approccio più unificato alla diagnosi e al trattamento delle malattie funzionali.

La Kinesiologia Applicata utilizza misure di valutazione funzionale come la postura e l’analisi dell’andatura, il test muscolare manuale come valutazione neurologica funzionale, gamma di movimento, palpazione statica e analisi del movimento. Queste valutazioni vengono utilizzate in combinazione con metodi standard di diagnosi, quali anamnesi clinica, risultati dell’esame fisico, test di laboratorio e strumentazione per sviluppare un’impressione clinica delle condizioni fisiologiche uniche di ciascun paziente, compresa un’impressione dello stato fisiologico funzionale del paziente. Se appropriato, questa impressione clinica viene utilizzata come guida per l’applicazione di terapie fisiologiche conservative.

La Kinesiologia Applicata è un sistema diagnostico sicuro e non invasivo che utilizza il test muscolare come strumento per valutare la funzione neurologica. Solo i medici e gli operatori sanitari che sono regolati dagli enti autorizzati possono essere certificati per includere la Kinesiologia Applicata nella loro assistenza al paziente. La metodologia si concentra principalmente sulla funzione neuromuscolare in relazione ai sistemi di regolazione strutturale, chimica e neurologica del corpo. Il test muscolare valuta l’impatto del sistema nervoso sulla salute del paziente, aiutando i professionisti di Kinesiologia Applicata a cercare la fonte di disfunzione nell’equilibrio del sistema sensoriale con il sistema motorio.

Cosa fa un kinesiologo?

La premessa di base della kinesiologia è che il corpo umano ha la sua propria energia di guarigione e sta già facendo del suo meglio per prendersi cura di se stesso, ma a volte ha bisogno di un piccolo aiuto per raggiungere questo stato. La kinesiologia, quindi, può essere intesa come un sistema di assistenza sanitaria naturale che combina il monitoraggio muscolare con i principi della medicina cinese per valutare l’energia e la funzione del corpo. Il kinesiologo consente questo processo applicando una gamma di tecniche di guarigione delicate ma potenti per migliorare la salute, il benessere e la vitalità.

I kinesiologi sfruttano energie che altre tecniche non valutano. Guardano oltre i sintomi e non diagnosticano o curano le malattie e non si limitano a trattare i disturbi, dal momento che il bilanciamento energetico può avvicinare una persona al raggiungimento di qualsiasi obiettivo di sua scelta, nello sport, nelle relazioni, nell’apprendimento o nella gestione della vita in generale. I Kinesiologi si preoccupano degli squilibri nell’energia del corpo e, a questo proposito, hanno stretti legami con il concetto di agopuntura del flusso di energia. Un kinesiologo riconosce che ci sono flussi di energia all’interno del corpo che si riferiscono non solo ai muscoli ma a tutti i tessuti e gli organi che fanno diventare il corpo un essere vivente.

I kinesiologi applicano i test muscolari per identificare e correggere i blocchi energetici all’interno del corpo; è un sistema di feedback naturale che riceve informazioni attraverso le vie nervose e il sistema dei meridiani del cervello e del corpo. Questo sistema di feedback muscolare fornisce accesso immediato alle informazioni olistiche contenute nel cervello. Un test muscolare che risulta debole può quindi essere un indicatore che lo stress sta avendo un effetto fortemente negativo da qualche parte nel sistema. Accedendo al bio-sistema attraverso questo strumento di monitoraggio muscolare, i kinesiologi possono diventare abbastanza specifici e ottenere rapidamente le risposte giuste.

Alcuni obiettivi di lavoro di un kinesiologo:

  • Aiutare le persone a far fronte a lesioni fisiche
  • Applicare varie tecniche di guarigione per alleviare i disturbi muscolari
  • Lavorare per gestire, riabilitare e prevenire i disturbi che impediscono il movimento
  • Monitorare i pazienti per assicurarsi che il loro programma produca gli effetti desiderati
  • Sviluppare un movimento muscolare adeguato per evitare lesioni
  • Può lavorare per migliorare le capacità di apprendimento motorio in pazienti affetti da paralisi cerebrale, autismo e altri problemi motori e neurologici
  • Può promuovere posture ergonomiche del corpo sul posto di lavoro e aiutare a selezionare delle attrezzature adeguate

Il professionista è in grado di identificare i muscoli con debolezza neurologica e quindi determina metodi che restituiscono il muscolo alla forza normale. La differenza tra un muscolo “debole” e un muscolo “forte” è un processo neurologico; non è solo un’indicazione che la persona ha bisogno di allenamento. Valutando tutti gli aspetti della salute con i test muscolari, emerge una vera immagine del problema generale. Pertanto, la Kinesiologia applicata aiuta una serie di persone che vanno dai malati cronici che desiderano ottenere una salute migliore agli atleti di livello mondiale che cercano prestazioni ottimali.

La Kinesiologia Applicata comprende la “triade della salute”. Questa teoria afferma che tutti i problemi hanno componenti strutturali, chimici ed elettromagnetici / emotivi. Con il test muscolare manuale, il medico può valutare tutti e tre gli aspetti di un singolo problema. Quando ogni aspetto di un problema viene affrontato correttamente, il corpo può guarire nel migliore dei modi.

La Kinesiologia Applicata è più della capacità di testare i muscoli; è anche la capacità di valutare le cause sottostanti neurologicamente in modo da poter identificare il miglior trattamento. Oggi la Kinesiologia Applicata esiste è un vero metodo olistico per valutare e dare priorità agli stress del corpo. Esiste una differenza significativa tra i professionisti che sono adeguatamente formati e quelli che non lo sono. Operatori non adeguatamente formati possono commettere errori significativi nella valutazione dei test. Se sei interessato a ricevere aiuto da uno specialista in Kinesiologia Applicata, come in qualsiasi specialità, dovresti rivolgerti a un operatore certificato in un istituto accreditato per assicurarti un trattamento adeguato.

Benefici

La Kinesiologia Applicata non è progettata per la medicina di crisi. Ad esempio, un professionista in Kinesiologia Applicata non può curare il cancro, l’artrite, il diabete, le malattie cardiache o le infezioni. Questa tecnica è progettata per essere parte di un approccio olistico alla medicina preventiva. Gli obiettivi della Kinesiologia Applicata sono:

  • ripristinare la normale funzione nervosa,
  • raggiungere le normali funzioni endocrine, immunitarie, digestive e di altri organi interni,
  • intervenire precocemente nei processi degenerativi per prevenire o ritardare le condizioni patologiche
  • ripristinare l’equilibrio posturale, correggere la deambulazione (deambulazione) e migliorare la gamma di movimento.

Precauzioni

Poiché l’interpretazione dei test muscolari è sia complessa che soggettiva, dovrebbe essere eseguita solo da un professionista sanitario qualificato e formato a cercare sintomi “subclinici” (quelli che non sono ancora diventati un problema grave). Kinesiologia, di per sé, è più di una tecnica diagnostica e non dovrebbe essere pensata come una cura per qualsiasi problema particolare.

La pratica della kinesiologia applicata richiede che sia usata in combinazione con altri metodi diagnostici standard da professionisti formati nella diagnosi clinica. Pertanto, l’uso della kinesiologia applicata o delle sue procedure di valutazione dei componenti è appropriato solo ai soggetti autorizzati ad eseguire tali procedure. I kinesiologi applicati sono spesso chiropratici, ma possono anche essere naturopati, medici, infermieri e altri operatori sanitari.