Camminata veloce in gravidanza pro e contro

Di:   Scienze Motorie  |  10 Giugno 2021

Le tre scuse più utilizzate dalle gestanti per rimanere sedentarie sono mancanza di tempo, fatica, mancanza di energie e disconfort fisico.

La camminata in gravidanza a passo sostenuto può ritenersi un buon espediente?

Solo il 14-23% delle donne in gravidanza effettua esercizio fisico con livelli sufficienti. Il secondo trimestre è in generale il più attivo e la sedentarietà aumenta in correlazione dell’avvicinarsi al parto.

C’è una correlazione evidente tra camminata a passo sostenuto e riduzione di:

  • Glicemia;
  • Diabete mellito gestazionale (riduzione del 20%);
  • Preeclampsia (riduzione del 30%);
  • Aumento di peso eccessivo durante la gravidanza (riduzione del 29-44%);
  • Mantenimento del peso eccessivo dopo la gravidanza;
  • Depressione;
  • Altre complicazioni legate alla gravidanza.

parto mamma

Caute correlazioni

Per lo sviluppo del feto ci sono caute correlazioni tra camminata a passo sostenuto e:

  • 14-39% riduzione rischio macrosomia;
  • Riduzione del rischio di nascita sottopeso;
  • Miglior metabolismo e sistema immunitario;
  • Riduzione di rischio di nascita prematura?
  • Riduzione rischio ipoglicemia, anomalie congenite.

Nessuna correlazione tra camminata e rischio di parto cesareo.

Conclusioni

Se non ci sono controindicazioni la donna sana deve essere incentivata a praticare la camminata a passo sostenuto durante tutto il periodo della gravidanza.

La camminata può prevenire la maggior parte delle condizioni avverse legate alla gravidanza e migliorare la condizione di salute del bambino.

Lezione SportScience.com
Camminata veloce in gravidanza pro e contro

Puoi trovare questi contenuti e molto altro, accedendo a SportScience.com
CLICCA QUI per Maggiori Informazioni