In un editoriale pubblicato nell’attuale numero di Cardiology, i professori del Collegio di medicina Charles Schmidt presso la Florida Atlantic University hanno valutato la totalità delle prove e hanno concluso che l’attività fisica regolare può essere considerata un “proiettile magico” per combattere l’epidemia mondiale di obesità e malattie cardiovascolari.

attività fisica regolare

 

Le statistiche sull’attività fisica regolare negli Stati Uniti sono pessime; solo il 20 per cento degli americani (23 per cento degli uomini e il 18 per cento delle donne) si impegnano in attività fisica regolare e circa il 64 per cento non fa mai alcuna attività fisica. In Europa, le statistiche non sono molto migliori, con solo il 33 per cento che svolgono attività fisica con qualche regolarità, mentre il 42 per cento non fa mai attività fisica.

Se l’attività fisica regolare fosse una pillola, forse molte più persone la userebbero regolarmente“, ha affermato Charles H. Hennekens, MD, Dr.PH, coautore dell’articolo intitolato “Attività fisica regolare: un” pallottola magica “per le pandemie dell’obesità e della malattia cardiovascolare “.

L’aumento di peso, il sovrappeso o l’obesità in età media aumentano il rischio di malattie cardiovascolari tra cui attacchi cardiaci e ictus, nonché diabete di tipo 2, osteoartrosi e alcuni tumori comuni e fatali come il cancro del colon.

Gli autori sottolineano inoltre che l’attività fisica conferisce importanti effetti benefici oltre il peso corporeo che includono la pressione sanguigna, il colesterolo, il trigliceride, il diabete, gli attacchi cardiaci, i colpi, il cancro del colon e possibilmente anche i tumori del seno e della prostata così come l’artrite, l’umore, l’energia e la vita sessuale.

Quindi, con tutti questi grandi vantaggi, perché le persone non esercitano più regolarmente? Gli autori suggeriscono che forse il tempo e lo sforzo necessario per un’attività fisica regolare, accoppiati con la limitata conoscenza accurata dei suoi benefici immediati e a lungo termine, possono contribuire a stili di vita in gran parte sedentari. Questa ipotesi è supportata dai dati del sondaggio provenienti dall’Europa, dove il 42 per cento danno questo come motivo principale per il loro stile di vita sedentario.

Ci sono molte percezioni sul ruolo dell’attività fisica regolare, l’apporto calorico e le calorie bruciate durante l’esercizio fisico”, ha dichiarato Steven Lewis, Ph.D., coautore e professore presso il College of Medicine di FAU. “E, di conseguenza, la dieta a restrizione calorica è stata raccomandata come più pratica per il controllo del peso rispetto alla normale attività fisica, e questo è un grosso problema“.

A partire dagli anni ’30, gli americani e molti europei tendono a guadagnare da 1 a 3 chili di peso corporeo all’anno, e dai 55, molti sono tra i 30 e i 50 chili in sovrappeso. Questo aumento di peso tipico è anche segnato da un aumento della massa dei tessuti adiposi e la perdita di massa corporea magra che accompagna uno stile di vita inattivo.

La maggior parte delle persone ha grandi difficoltà nel raggiungere e mantenere la perdita di peso solo limitando l’assunzione di calorie“, ha affermato Hennekens. “Di conseguenza, i moderni stili di vita inattivi sembrano essere importanti almeno quanto la dieta nel problema dell’obesità“.

Gli autori notano che la camminata veloce per soli 20 minuti al giorno brucia circa 700 calorie alla settimana, comporta un rischio ridotto del 30-40% della malattia coronarica e può essere eseguito anche dagli anziani. Sottolineano che l’attività fisica regolare dovrebbe anche includere esercizi di resistenza come i pesi, che possono anche essere eseguiti in sicurezza dagli anziani e dai pazienti con insufficienza cardiaca.

La manutenzione o l’aumento della massa corporea magra derivata dai pesi e promuove un aumento delle calorie che la gente brucia a riposo, che aggiunge un significativo contributo supplementare al controllo del peso corporeo.

I vantaggi generali che derivano dall’allenamento di resistenza per gli adulti di età media e più anziana sono molti, tra cui la prevenzione o la limitazione della sarcopenia legata all’età, una migliore manutenzione della forza muscolare e un minore rischio di fratture ossee, fisiologiche dell’osteoporosi “, ha detto Lewis.

attività fisica regolare

La mancanza di attività fisica è la causa principale per il 22 per cento delle malattie coronariche, il 22 per cento del cancro del colon, il 18 per cento delle fratture osteoporotiche, il 12 per cento del diabete e l’ipertensione e il 5 per cento del cancro al seno. Inoltre, l’inattività fisica è la causa principale per circa il 2,4 per cento delle spese sanitarie statunitensi o circa 24 miliardi di dollari l’anno.

I medici e i loro pazienti devono essere consapevoli del ruolo fondamentale dell’attività fisica regolare nel migliorare la qualità e la quantità della vita“, ha affermato Hennekens. “Esiste anche la necessità di aumentare la consapevolezza dell’importanza dall’allenamento di resistenza come un valido ausilio di un’attività aerobica regolare come la camminata veloce e, infine, c’è una terribile esigenza di educare i pazienti sull’importanza dell’attività fisica regolare per il controllo del peso “.

Infine, gli autori prendono chiedono attenzione sul fatto che la malattia cardiovascolare è oggi l’assassino leader in tutto il mondo e un problema principale nei paesi in via di sviluppo, dove sta aumentando l’obesità e diminuendo i livelli di attività fisica.


Origine:
Materiali forniti da Florida Atlantic University. Originario scritto da Gisele Galoustian. Nota: il contenuto può essere modificato per stile e lunghezza.

Riferimenti:
Steven F. Lewis, Charles H. Hennekens. Attività fisica regolare: un ‘pallottola magica’ per le pandemie dell’obesità e della malattia cardiovascolare. Cardiologia, 2016; 134 (3): 360 DOI: 10.1159 / 000444785