L’allenamento musicale produce miglioramenti duraturi del meccanismo cognitivo che aiuta le persone ad essere più attente e ad avere meno probabilità di essere distratte da stimoli irrilevanti mentre svolgono compiti impegnativi.

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Heliyon, pubblicato da Elsevier, i musicisti dimostrano un maggiore controllo esecutivo dell’attenzione (un componente principale del sistema attenzionale) rispetto ai non-musicisti. In particolare, più anni di formazione hanno i musicisti, più efficienti sono nel controllare la loro attenzione.

Il nostro studio ha studiato gli effetti di un allenamento musicale sistematico sui componenti principali del sistema attenzionale: i nostri risultati dimostrano una maggiore capacità di controllo attenzionale inibitorio nei musicisti rispetto ai non-musicisti.I musicisti professionisti sono in grado di rispondere in modo più rapido e preciso e concentrarsi su ciò che è importante per svolgere un compito e filtrare in modo più efficace gli stimoli incongruenti e irrilevanti rispetto ai non musicisti. Inoltre i vantaggi sono migliorati con l’aumento degli anni di formazione “, ha spiegato il ricercatore capo, Paulo Barraza, PhD, Centro per la ricerca avanzata nell’educazione, Università del Cile, Santiago, Cile.

Il sistema attenzionale consiste di tre sottosistemi mediati da reti neurali anatomicamente distinte:

  • allerta
  • orientazione
  • reti di controllo esecutivo.

La funzione di avviso è associata al mantenimento degli stati di disponibilità all’azione. La funzione di orientamento è legata alla selezione delle informazioni sensoriali e al cambiamento dell’attenzione focalizzata. La funzione di controllo esecutivo è coinvolta sia nella soppressione di stimoli irrilevanti, che distrattivi e nel controllo dell’attenzione dall’alto verso il basso.

Le scoperte dello studio hanno anche dimostrato una correlazione tra le reti di allerta e di orientamento nei musicisti rispetto ai non-musicisti, forse riflettendo una relazione funzionale tra queste reti attenzionali derivate dalla pratica deliberata della musica.

I ricercatori hanno registrato le risposte comportamentali di 18 pianisti professionisti e un gruppo abbinato di 18 adulti professionisti non musicisti che si sono impegnati in un test di reti attentive. Il gruppo di musicisti consisteva di studenti di conservatorio a tempo pieno o laureati in conservatorio dei Conservatori dell’Università del Cile, Universidad Mayor de Chile e Universidad Austral de Chile, con una media di oltre 12 anni di pratica. I “non musicisti” erano studenti universitari o laureati che non avevano avuto lezioni di musica formale e non potevano suonare o leggere musica.

L'allenamento musicale sistematico porta a cambiamenti nel cervello che si correlano con il potenziamento di alcune specifiche abilità musicali.

I partecipanti hanno visualizzato e fornito un feedback immediato sulle variazioni di immagine presentate rapidamente per testare l’efficienza del loro comportamento reattivo. I punteggi medi delle reti di avviso, orientamento ed esecutivo per il gruppo di musicisti erano 43,84 millisecondi (ms), 43,70 ms e 53,83 ms; per il gruppo di non musicisti i punteggi medi sono stati 41.98 ms, 51.56 ms e 87.19 ms, rispettivamente. I punteggi più alti mostrano un controllo attenzionale inibitorio meno efficace.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’allenamento musicale sistematico porta a cambiamenti nel cervello che si correlano con il potenziamento di alcune specifiche abilità musicali. Tuttavia, l’allenamento musicale non solo migliora la percezione uditiva musicale, ma sembra anche avere un impatto sull’elaborazione di abilità cognitive extra-musicali (ad esempio, memoria di lavoro).

Le nostre scoperte sulla relazione tra allenamento musicale e miglioramento delle abilità attentive potrebbero essere utili in ambito clinico o educativo, ad esempio nel rafforzare la capacità degli individui con ADHD (Deficit di Attenzione/Iperattività) di gestire le distrazioni o lo sviluppo di programmi scolastici incoraggiando lo sviluppo di abilità cognitive attraverso il Pratica della musica intenzionale La ricerca longitudinale futura dovrebbe indirizzare direttamente queste interpretazioni “, ha osservato il co-investigatore David Medina, BMEd, Dipartimento di Musica, Università Metropolitana di Scienze dell’Educazione, Santiago, Cile.


Riferimenti:

  1. David Medina, Paulo Barraza. Efficiency of attentional networks in musicians and non-musiciansHeliyon, 2019; 5 (3): e01315 DOI: 1016/j.heliyon.2019.e01315