Molti di noi hanno familiarità con il termine affaticamento; soprattutto per quanto riguarda l’esercizio. Comprendiamo come ci si sente e le conseguenze che ha su come riusciamo a fare attività. Vi è una notevole quantità di letteratura scientifica sull’affaticamento a causa dell’esercizio e, sebbene spesso discussa, si sa molto sui meccanismi dell’affaticamento.  L’affaticamento mentale, tuttavia, è un’area della scienza dello sport di cui si conosce molto meno, ma sta guadagnando sempre maggiore attenzione. L’affaticamento mentale è definito come uno stato psicobiologico causato da periodi prolungati di impegnativa attività cognitiva (1, 3); indicato da un aumento dei sentimenti soggettivi di affaticamento mentale, riduzione delle prestazioni cognitive e cambiamenti fisiologici, a seguito di compiti cognitivi prolungati e stimolanti (7).

“Svuotato”

Un atleta può descrivere sentirsi sia affaticato fisicamente che mentalmente “svuotato”. In alternativa, un atleta può ritenere di essersi adeguatamente ripreso dal punto di vista fisico, tuttavia a causa di stress, viaggi o carico cognitivo, può sentirsi non recuperato mentalmente.

L’affaticamento mentale ha dimostrato di compromettere aspetti della prestazione fisica e la partecipazione allo sport di squadra d’élite può essere particolarmente impegnativa dal punto di vista cognitivo (7). Tuttavia, nonostante gli atleti d’élite e professionisti che li circonda percepiscano che la fatica mentale ha un impatto negativo, alcune ricerche hanno suggerito che gli atleti d’élite possono essere più resistenti alla fatica mentale a causa dell’esperienza e / o dell’allenamento (5).

L’affaticamento mentale può influenzare le prestazioni fisiche

Molti atleti sono esposti a carichi cognitivi ed emotivi significativi (ad es. Social media, sponsorizzazione, selezione, problemi di lesioni), nonché a scarso sonno, viaggi a lungo raggio e carichi di allenamento elevati. È ragionevole suggerire che la gestione dell’affaticamento mentale è importante per gli atleti e anche per le persone che combinano lunghe ore di lavoro e carichi di allenamento elevati. Alcune ricerche suggeriscono che l’affaticamento mentale ha il potenziale di influenzare negativamente le prestazioni non solo attraverso una riduzione delle prestazioni fisiche, ma anche a causa di cambiamenti nella tecnica, nel processo decisionale, nell’esecuzione tattica e di abilità (7).

Meccanismo

L’influenza negativa sulle prestazioni fisiche è stata in gran parte attribuita a una maggiore percezione dello sforzo; proposto di essere il risultato dell’accumulo di adenosina e della riduzione delle concentrazioni di dopamina nel cervello (4). Tuttavia, gli esatti meccanismi responsabili dell’affaticamento mentale devono ancora essere confermati con creatina, glucosio e vari altri neurotrasmettitori, che probabilmente avranno un ruolo (6, 8).

Monitoraggio

Molti allenatori descrivono come viene ridotta la qualità dell’allenamento quando, ad esempio, gli atleti sono sottoposti a esami o periodi di stress elevati. Il monitoraggio di questi risultati attraverso una valutazione dell’affaticamento mentale può essere importante durante la periodizzazione e la pianificazione dell’allenamento.

Una semplice scala analogica visiva (VAS) può fornire agli allenatori e al personale una maggiore comprensione del grado di affaticamento mentale che un atleta sta vivendo. Questo può essere semplice come la figura in basso, una linea orizzontale di 100 mm ancorata da “nessuno” (0) a “massima” (100). In pratica, tuttavia, si consiglia una valutazione simultanea dell’affaticamento fisico percepito, insieme a raccomandazioni per fornire una definizione chiara e specifica di affaticamento mentale e familiarizzazione per garantire agli atleti la piena comprensione della terminologia e dello scopo della valutazione.

L'affaticamento mentale è un'area della scienza dello sport di cui si conosce molto meno, ma sta guadagnando sempre maggiore attenzione

Poiché la ricerca sull’affaticamento mentale è minima, sappiamo molto poco sui meccanismi sottostanti di questo tipo di affaticamento e anche su come recuperare al meglio quando affaticati mentalmente. Come minimo, è probabilmente importante considerare come livelli elevati di affaticamento mentale possano influenzare le prestazioni e iniziare a misurarla e gestirla in modo più efficace.

Ci sono soluzioni nutrizionali?

Alcuni suggerimenti basati sulla nutrizione per ridurre acutamente l’affaticamento mentale dalla letteratura includono: caffeina, sciacquatura con caffeina-maltodestrina, integrazione di creatina e somministrazione di glucosio, tuttavia questi devono ancora essere testati negli studi di ricerca sugli atleti (7).

Il monitoraggio del sonno e l’educazione per migliorare il sonno, la gestione dei programmi di viaggio, la riduzione al minimo dell’uso di smartphone (2) e giochi per computer, nonché la sperimentazione di strategie di rilassamento possono essere modi utili per recuperare da alti livelli di affaticamento mentale e, in definitiva, migliorare le prestazioni.


Riferimenti:

  1. Desmond P and Hancock P. Active and passive fatigue states. In: Stress, workload, and fatigue edited by Hancock P. Mahwah, NJ, US: Lawrence Erlbaum Associates Publishers, 2001, p. 455-465.
  2. Greco G, Tambolini R, Ambruosi P, and Fischetti F. Negative effects of smartphone use on physical and technical performance of young footballers. Journal of Physical Education and Sport 17: 2495-2501, 2017.
  3. Job R and Dalziel J. Defining fatigue as a condition of the organism and distinguishing it from habituation, adaptation, and boredom. In: Stress, workload, and fatigue edited by Hancock PA. Mahwah, NJ, US: Lawrence Erlbaum Associates Publishers, 2001.
  4. Martin K, Meeusen R, Thompson KG, Keegan R, and Rattray B. Mental fatigue impairs endurance performance: A physiological explanation. Sports medicine (Auckland, NZ): 1-11, 2018.
  5. Martin K, Staiano W, Menaspa P, Hennessey T, Marcora S, Keegan R, Thompson KG, Martin D, Halson S, and Rattray B. Superior Inhibitory Control and Resistance to Mental Fatigue in Professional Road Cyclists. PloS one 11: e0159907, 2016.
  6. Meeusen R and Roelands B. Fatigue: Is it all neurochemistry? European Journal of Sport Science: 1-10, 2017.
  7. Russell S, Jenkins D, Smith M, Halson S, and Kelly V. The application of mental fatigue research to elite team sport performance: New perspectives. J Sci Med Sport 22: 723-728, 2019.
  8. Van Cutsem J, Roelands B, Pluym B, Tassigno B, Verschueren J, De Pauw K, and Meeusen R. Can Creatine Combat the Mental Fatigue-associated Decrease in Visuomotor Skills? Medicine and science in sports and exercise, 2019.