Di tutte le lesioni che possono insidiare i corridori, la sindrome da frizione della bandelletta ileotibiale (ITBFS) è di gran lunga una delle più comuni e frustranti. Uno scenario tipico della Sindrome Ileotibiale è in un atleta relativamente alle prime armi che, proprio quando si sta veramente abituando all’allenamento su base regolare, inizia a provare dolore al ginocchio laterale durante una corsa. Il dolore diventa grave e costringe alla cessazione dell’attività.

Il giorno dopo il dolore è sparito. Tuttavia, ogni volta che l’atleta tenta di correre di nuovo, il dolore ritorna. Scoraggiato, l’atleta è tenuto a rinunciare. E in troppi casi, questo è esattamente ciò che accade. Fortunatamente, con un po’ di intuizioni e misure preventive, la Sindrome Ileotibiale può essere un’esperienza che non tutti hanno bisogno di avere. Meglio ancora, quando la Sindrome Ileotibiale diventa un problema, ci sono soluzioni.

Questo articolo riguarda l’anatomia dell’ITB, molte delle teorie proposte sul perché si sviluppa la Sindrome Ileotibiale, misure che possono essere intraprese per prevenirla e opzioni di trattamento una volta che il problema ha messo radici.

Il sintomo principale della Sindrome Ileotibiale è un forte dolore all’esterno del ginocchio

La bandelletta ileotibiale

La bandelletta ileotibiale (ITB) è una banda densa e fibrosa che origina dall’osso pelvico e passa lungo il terzo esterno della coscia. A livello dell’anca, le fibre muscolari del grande gluteo (GM) e del Tensor fascia lata (TFL) si fondono con l’ITB. Mentre l’ITB continua lungo la parte esterna della gamba e si avvicina all’articolazione del ginocchio, passa sopra una protuberanza sull’aspetto esterno del femore (femore), l’epicondilo femorale laterale (LFE). Un sottile strato di tessuto adiposo si trova tra l’ITT e l’LFE.

La Sindrome Ileotibiale

La Sindrome Ileotibiale affligge più comunemente i corridori, anche se i ciclisti potrebbero provarla. Il sintomo principale della Sindrome Ileotibiale è un forte dolore all’esterno del ginocchio che può irradiarsi nella parte esterna della coscia o nel polpaccio. Anche il dolore è localizzato lungo il ginocchio laterale, può anche includere l’anca. Il dolore peggiora con la corsa in discesa, peggiora con l’attività dopo un inizio senza dolore ed è più pronunciato poco dopo che il piede entra in contatto con la superficie del terreno. La maggior parte delle persone avverte dolore solo durante le attività; tuttavia, il dolore con il camminare è comune mentre la sindrome progredisce.

La teoria più comunemente accettata su come si sviluppa la Sindrome Ileotibiale presuppone che l’ITB scivoli avanti e indietro sul LFE in quanto il ginocchio è piegato oltre un certo punto (circa 20 gradi) e poi raddrizzato di nuovo. Si ipotizzano vari fattori biomeccanici per aumentare questo attrito, compresi i deboli abduttori dell’anca (i muscoli responsabili della trazione delle gambe), un ITB stretto, l’angolo del ginocchio e il modo in cui il piede colpisce il terreno.

Il sintomo principale della Sindrome Ileotibiale è un forte dolore all’esterno del ginocchio

Sintomi della Sindrome Ileotibiale

I sintomi dell’ITBS nei corridori di solito iniziano con il dolore che si sviluppa durante una corsa che si attenua poco dopo il termine della corsa. Il dolore continua ad apparire ad ogni corsa che progredisce verso un dolore più costante mentre si cammina o sale o scende le scale. I sintomi tipici riscontrati sono:

  • Dolore al ginocchio e all’anca laterali (esterni)
  • Gonfiore sull’anca (maggiore trocantere) e ginocchio esterno
  • Rigidità che corre lungo il fianco della coscia

Rischio di contrarre la Sindrome Ileotibiale

Il rischio che una persona contratta la sindrome della fascia ileotibiale possa aumentare con qualsiasi condizione o attività che possa causare un eccessivo sfregamento della banda IT, come ad esempio:

  • Aumentare rapidamente la distanza di allenamento o l’intensità
  • Esecuzione di squat durante il sollevamento dei pesi
  • Posizione inadeguata quando si pedala in bicicletta (ad es. Posizione del tacchetto, altezza della sella o posizione errata)
  • Calzatura inadeguata durante la corsa
  • Correre su una superficie inclinata o in discesa
  • Squilibri muscolari (es. Abduttore dell’anca debole, quadricipiti più sviluppati dei muscoli posteriori della coscia)
  • Gravidanza
  • Problemi alla struttura del piede (piedi piatti, pronazione), un’andatura goffa (cioè gambe con arco, ginocchia battenti) o lunghezze anormali delle gambe
  • Praticare sport da campo con frequenti movimenti di arresto (es. Tennis, pallamano)

Prevenzione

Prevenire la Sindrome Ileotibiale non è facile. Fortunatamente, seguendo alcune semplici misure preventive, è possibile avere una carriera sana senza mai dover affrontarla.

Calzature adeguate
Indossare scarpe da corsa adeguate e di supporto, cambiate a intervalli regolari. Una scarpa da corsa perde circa il 50 percento della sua capacità di assorbimento degli urti dopo circa 300 miglia. Mantenere le scarpe troppo a lungo aumenta il rischio di Sindrome Ileotibiale e altre lesioni.

Rafforzare gli abduttori dell’anca
Incorporare specifici esercizi di rafforzamento per i glutei può essere una misura preventiva importante.

Aumentare il volume corrente e il ritmo in modo misurato
Fare troppo, troppo presto è un modo sicuro per incorrere in lesioni da corsa tra cui ITFS. Il volume dovrebbe aumentare non più del 5-10 percento a settimana e le tirature più lunghe dovrebbero essere fatte a un ritmo più lento rispetto alle tirature più brevi.

Scelta della superficie di corsa
Esecuzione su superfici in calcestruzzo o curvate aumenta la probabilità di Sindrome Ileotibiale. Questi dovrebbero essere evitati.

Il sintomo principale della Sindrome Ileotibiale è un forte dolore all’esterno del ginocchio

Trattamento

Una volta che la Sindrome Ileotibiale si presenta, ci sono misure che possono essere prese per trattare il problema. Prima di tutto, se la diagnosi è in questione, è necessaria una visita al proprio medico. Altre lesioni possono a volte imitare la Sindrome Ileotibiale e devono essere distinte per essere trattate correttamente.

Si può pensare che il trattamento dell’ITFS sia in due fasi: acuta e cronica.

Lo stadio acuto della terapia è mirato a ridurre l’infiammazione all’interno e intorno all’ITB. Ciò ridurrà il dolore e qualsiasi gonfiore associato. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’ibuprofene e il naprossene sono molto utili a questo riguardo. Questi farmaci dovrebbero essere evitati da quelli con una storia di problemi ai reni o ulcera peptica, ma altrimenti sono considerati abbastanza sicuri.

L’applicazione di ghiaccio sulla zona interessata può anche fornire alcuni effetti anti-infiammatori e fornire sollievo ai sintomi. L’elemento finale della fase acuta è una cessazione completa della corsa fino al momento in cui l’attività può essere intrapresa senza dolore (di solito da una a due settimane).

La fase cronica del trattamento è volta ad alleviare quei fattori che hanno portato al problema in primo luogo. Questo include tutte le misure preventive elencate sopra. Inoltre, è possibile tentare di allungare la bandelletta IT a livello della fascia lenta del Tensore a livello dell’anca, l’unico punto in cui la bandelletta IT è suscettibile di allungarsi.

Un esempio di un tratto specifico per questo scopo è descritto qui:

  • In piedi, incrocia il piede destro davanti al piede sinistro.
  • Piegati in avanti sui fianchi per quanto è comodo.
  • Raggiungere con entrambe le braccia a destra e spingere i fianchi verso sinistra.
  • Dovresti sentire un allungamento sopra l’anca sinistra se lo stai facendo correttamente.
  • Invertire le gambe e le direzioni per allungare il TFL a destra.

In quasi tutti i casi, ITFSF viene autolimitata e non più di un doloroso inconveniente. Tuttavia, se non trattata, la Sindrome Ileotibiale potrebbe diventare cronica e più grave, influenzando le attività quotidiane. Nei casi peggiori, la chirurgia può diventare un’opzione con l’escissione del sacco borsale che si sovrappone all’LFE sotto l’ITB. Questo trattamento è riservato ai casi più gravi sebbene, per fortuna, sia stato riscontrato solo molto raramente.

Con un tempestivo riconoscimento e trattamento, la Sindrome Ileotibiale non deve essere il motivo per smettere di correre. Meglio ancora, dando un po’ di attenzione a misure preventive, non è necessario nemmeno sperimentarla mai.