Abstract

L’obiettivo di questo articolo è quello di dare validità ad un programma di lavoro di attività fisica, che ha permesso ad un paziente, affetto daT2DM, di togliere completamente la sua dose giornaliera di insulina. Tutto questo, grazie all’adozione di un corretto lifestyle, a una tassativa rilevazione dei valori di glucosio nel sangue (glicemia e HbA1c), aggiunta ad una dieta corretta e standardizzata e all’assistenza di un medico diabetologo e di un professionista in scienze motorie. L’articolo mette in evidenza la gravità di questa nuova epidemia con tutte le sue conseguenze e la necessità di porre un argine costruito sopra un muro solido, quale l’attività fisica, svolta da un professionista di scienze motorie in perfetta sintonia con il medico specialista, i quali possono adeguare programmi e prescrizioni alle caratteristiche ed esigenze individuali.

“La via dell’eccesso conduce al palazzo della saggezza” “William Blake”

È innegabile, ormai, che l’attività fisica è essenziale per prevenire, curare e tenere sotto controllo il T2DM (insulino resistente), anche se delle precauzioni devono essere prese per quei soggetti poco abituati a tale attività. Nel corso dei decenni c’è stato un aumento di popolazione, soprattutto nei paesi sviluppati, che ha manifestato T2DM, identificato come nuova epidemia che riguarda il mondo giovanile e quello degli anziani, tanto che avremo numeri imponenti nel 2050. Oggi, colpisce 246 milioni di persone e costituisce uno dei massimi problemi per la salute pubblica, con deterioramento della qualità della vita individuale e sociale e grandi costi sanitari; ci sono inoltre molte persone, in condizione di pre-diabete, che ignorano il loro status.
In alcuni centri, dov’è palese una certa sensibilità e solidarietà, si sono create associazioni di volontariato con personale medico e professionisti delle Scienze Motorie che sostengono e assistono tali pazienti nelle loro attività. Perciò, la prevenzione e il trattamento precoce, in tale contesto, sono necessarie e l’attività fisica aerobica, svolta con regolarità, d’intensità moderata o vigorosa, è una misura non farmacologica efficace per contrastare tale patologia, com’è stato dimostrato in numerosi studi.

Il professionista delle Scienze Motorie può fissare, insieme al soggetto interessato, dei traguardi da raggiungere, facendo un lavoro di coaching, sollecitando la motivazione interiore e promuovendo la capacità di cambiare la propria condizione. Il training aerobico generale e specifico può ridurre o sostituire farmaci antidiabetici, in particolare nel T2DM di recente insorgenza; in effetti, la pratica regolare associata a una dieta corretta e a un lifestyle ottimale, porta una riduzione dell’emoglobina glicata, una ridotta glicemia a digiuno, diminuisce la resistenza periferica all’insulina, uno dei maggiori meccanismi responsabili dell’iperglicemia, un aumento del volume massimo di ossigeno, una ridotta pressione sistolica, un equilibrato rapporto HDL/LDL,Immagine che raffigura il rapporto tra HDL e LDL riduce i livelli di trigliceridi, tipicamente elevati nel paziente affetto da T2DM, con significativo aumento dell’ mRNA messaggero dei perossisomi e della funzionalità muscolare, superando o attenuando perciò le complicanze.

Sono numerosi gli studi svolti da alti professionisti sulle popolazioni a rischio, come giovani e anziani. A tale riguardo è importante parlare di prevenzione e lottare per attuarla in senso reale, soprattutto per le complicanze che ne derivano e che costituiscono un grave problema di disagio per il paziente e un pesante onere per la sanità. L’attività fisica eseguita all’interno o all’aria aperta, a contatto con la natura, permette di vincere lo stress e le emozioni negative, sollecitando stimoli positivi e attivando, a livello biologico, dei meccanismi per vincere le situazioni debilitanti. Il training aerobico può regolare il profilo metabolico e ridurre i rischi cardiovascolari, induce un miglioramento della funzione endoteliale, la cui alterazione è uno dei principali meccanismi alla base dell’aterosclerosi, riduce il rischio della formazione di trombi, ha effetti positivi sul sistema fibrinolitico.

La condizione iperglicemica nel sangue è responsabile di varie anomalie, quali retinopatia, neuropatia (sensitivo e motoria) declino vascolare con aggravamenti a livello circolatorio. Il T2DM risponde bene all’attività fisica perché l’esercizio facilita la permeabilità delle membrane al glucosio e induce una diminuzione della resistenza all’insulina. Il trasportatore GLUT-4 (che risente dell’azione dell’insulina) è responsabile dell’uptake del glucosio traslocando dai siti di stoccaggio intracellulare alla superfice cellulare per aiutare il glucosio a entrare. Detta risposta di sensibilità all’insulina è associata all’esercizio moderato e acuto e non è comunque una modifica a lungo periodo, poichè i benefici di uptake vengono meno nelle 48-72 ore successive.
E’ essenziale che i diabetici monitorino la propria glicemia al fine di evitare l’ipoglicemia, rischio oggettivo nella attività fisica, siccome il muscolo sotto sforzo aumenta la capacità di uptake del glucosio dal sangue, durante un esercizio prolungato.

test per monitorare la glicemia dei diabetici

fonte: www.nellattesa.it

Con un’adeguata informazione da parte del diabetologo sui vari sintomi (sudorazione, tachicardia) è possibile ovviare tutto ciò. Prima di stilare un programma è necessario, in equipe e con il personale medico, fare uno screening, considerare lo stadio di malattia del soggetto, eseguire un ECG, perfezionare un programma personalizzato di intervento che poi sarà controllato, rimodulato e coordinato in maniera flessibile alle esigenze e alle condizioni psicofisiche del soggetto.

È da tener presente che comunque in letteratura si trovano anche degli studi contrastanti, si sottolinea pertanto che in ogni caso c’è una situazione personale dovuta a un background diverso, alla genetica, alla situazione medica individuale. Da qui, una valutazione funzionale in sincronia con il medico può dare le esatte informazioni sullo stato del soggetto. Senza dubbio i livelli iniziali di monitoraggio del glucosio e di emoglobina glicata(HbA1c) devono essere eseguiti insieme allo stato di fitness del paziente. La glicemia va comunque rilevata prima e dopo esercizio fisico, sempre, a livello precauzionale. Oltre a intraprendere uno stile di vita corretto che può sembrare “rigido” all’inizio, ma che sarà gratificante in seguito, è importante l’introduzione di un’altra figura determinante quale la dietologo/a. Le prescrizioni e le informazioni del personale specializzato sono essenziali per una buona riuscita degli obiettivi da conseguire, anche perché il personale medico è utile per la salute mentale, per combattere gli stati d’ansia e il disagio sociale che può accompagnare il paziente diabetico.

Avete mai provato ad andare al ristorante con gli amici ed estrarre dalla tasca la penna per fare l’insulina? Può essere una sensazione di grande disagio. Secondo studi recenti, diverse variabili intervengono nel diabete, ma è stato dimostrato che il sostegno e la collaborazione della famiglia, l’interazione sociale hanno prodotto miglioramenti nel rapporto con la malattia, con la crescita della propria autostima e dello status di vita.

Un’ulteriore elemento di attenzione, potrebbe essere l’adozione di una dieta vegetariana che induce una maggiore sensibilità all’insulina a livello periferico. Prediligere una dieta ad alto contenuto di fibre porta senz’altro notevoli vantaggi e la programmazione del professionista va eseguita con cura. Naturalmente prima d’iniziare un programma di attività fisica (walking, ballo o qualunque esso sia) sarà necessario considerare: • stadio della malattia, • grado di obesità, • età • precedente stato di attività fisica, • background personale, • escludere controindicazioni o rischi, specialmente con una popolazione anziana.
Le attrezzature, per quanto possibile, dovranno essere personalizzabili. Talvolta con i primi miglioramenti c’è la richiesta di spostare i propri limiti e se questo è possibile, l’attrezzatura deve garantire comfort e tecnologia.

PROTOCOLLI

Sono vari i modi e i tempi per eseguire il training durante la settimana. Innanzitutto c’è da distinguere l’intensità che può essere, a seconda delle condizioni del soggetto, o moderata o vigorosa.

L'intensità dell'attività fisica per i diabetici va modulata

fonte: http://www.amatigota.it/

Ci sono opinioni contrastanti ed è vero che ancora sono necessarie ricerche per capire se è possibile una standardizzazione di base e comprendere gli effetti sullo stato infiammatorio e inoltre, sarà necessaria una corretta definizione del tipo, durata e intensità d’allenamento, consigliato al fine di ottimizzare i benefici dell’esercizio per i diversi pazienti diabetici di tipo 2. I più però e la maggior parte delle agenzie, ritengono che l’attività fisica sia un trattamento efficace per il diabete insulino resistente con conseguente stabilizzazione della glicemia, una riduzione del 20-30% della dose giornaliera di insulina, normalizzazione dell’emoglobina glicata e miglioramenti nella composizione corporea. In letteratura troviamo dei protocolli non specifici che prevedono un lavoro che va da 150 minuti la settimana a intensità moderata a 90 minuti di esercizio vigoroso, distribuito su 3 giorni la settimana, vale a dire una volta ogni 2 giorni, rivolgendosi a tutti i principali gruppi muscolari.
Un altro protocollo indica un lavoro aerobico di 30 minuti al giorno, per i pazienti obesi è consigliabile un esercizio quotidiano aerobico e di forza. Anche se è previsto un tempo di recupero, le stesse persone che si sottopongono ad attività fisica potrebbero aver necessità di fermarsi a recuperare per non assommare carico sopra carico, che non porta a muovere i valori glicemici. E nel giorno di recupero, se si abbina al training aerobico una corretta alimentazione, gli stessi valori glicemici non si alterano.

Un richiamo va fatto al monitoraggio continuo dei valori glicemici prima e dopo il training. Un feedback positivo è trovarsi insieme a controllare la glicemia, 2 ore dopo i pasti, che gratifica in modo “onorevole” il paziente, stimolandolo ad impegnarsi oggettivamente e psicologicamente sempre di più e recuperandolo dal punto di vista psicosociale. Alcuni studi indicano la durata dei benefici fino a 48 ore dopo il training altri dalle 24-72 ore sulla sensibilità periferica dell’insulina. La flessibilità è raccomandata per aumentare la gamma di movimento e si spera di ridurre il rischio di lesione. Tutto ciò ci porta a un “remake” dello status iniziale. L’esercizio fisico programmato è coadiuvante alla terapia farmacologica, a uno stile di vita ristrutturato e positivo e in alcuni casi può essere un vero e proprio farmaco nel T2DM. Un rischio che si può correre è quello di fare da soli e imbattersi in inconvenienti come può essere l’ipoglicemia, ma la giusta informazione e la capacità di riconoscerne i sintomi garantisce la corretta condizione e soprattutto l’esperto in scienze motorie deve essere ben coadiuvato dagli altri professionisti. Un programma di 7 giorni ha prodotto piccoli ma significativi guadagni nell’ indice Matsuda (sensibilità all’insulina) e miglioramenti nel flusso sanguigno con risposte emodinamiche favorevoli.

CONCLUSIONI

Con questo lavoro abbiamo riferito l’esperienza di un soggetto diabetico che è riuscito a togliere la sua dose giornaliera d’insulina con la pratica settimanale di esercizio fisico, abbinata a una dieta alimentare corretta e sotto monitoraggio individuale continuo, sempre assistito dal diabetologo. L’importanza del professionista delle Scienze Motorie è saper prescrivere i programmi più adatti, saper rimodulare il feedback quando è necessario, fornire un’ adeguata assistenza di coaching, aiutando il soggetto nei momenti di difficoltà, compito impegnativo perché ci sono situazioni serie come l’ipoglicemia.

L’importante è non sostituirsi al diabetologo e apportare il proprio contributo con estrema professionalità.

Piramide per le attività motorie di un diabetico

fonte: www.giorgiopasetto.it

Il ruolo del professionista delle Scienze Motorie dev’essere chiaro, ciò è indispensabile per un’efficiente indicazione sui programmi, dove conoscenze, come la fisiologia, la biochimica, l’espressione genica sono basilari per una corretta riuscita nel compito. Non c’è una standardizzazione per questa prescrizione e la letteratura lo descrive; ognuno fa storia a sé e dipende da ciò che si è e come si è in quel momento, ma i dati di fatto rimangono per cui si apre senz’altro una nuova frontiera nella ricerca, dove il ruolo del dottore in Scienze Motorie, può essere determinante nel fornire un importante supporto ed assistere la persona nel percorso verso la salute.

Bibliografia

  1. Evidence-based risk assessment and recommendations for physical activity clearance:

diabetes mellitus and related comorbidities1. Michael C. Riddell and Jamie Burr School of

Kinesiology and Health Science, Muscle Health Research Centre, Physical Activity and

Chronic. Disease Unit, York University, 4700 Keele Street, Toronto, ON M3J 1P3, Canada.

Published at 29 July 2011

  1. An overview of the contribution of fatness and fitness factors, and the role of exercise, in the

formation of health status for individuals who are overweight. James E Clark Journal of

Diabetes & Metabolic Disorders 2012, 11:19

  1. Strength training versus aerobic interval training to modify risk factors of metabolic

syndrome. Dorth Stensvold,1 Arnt Erik Tjønna,1 Eli-Anne Skaug,1,2 Stian Aspenes,1

Tomas Stølen,1 Ulrik Wisløff,1and Stig Arild Slørdahl1. Submitted 3 September 2009;

accepted in final form 15 January 2010

  1. The Relationship between perceived social support from family and diabetes control among

patients with diabetes type 1 and type 2. Azar Tol1, Abdolvahab Baghbanian2, Abass

Rahimi3, Davoud Shojaeizadeh4, Bahram Mohebbi5, Fereshteh Majlessi*6. Journal of

Diabetes and Metabolic Disorders; 2011; Vol 10, pp 1- 8.

  1. Epidemiological evidence for the role of physical activity in reducing risk of type 2 diabetes

and cardiovascular disease. Shari S. Bassuk1 and JoAnn E. Manson1,2 1Division of

Preventive Medicine, Department of Medicine, Brigham and Women’s Hospital, Harvard

Medical School, and 2Department of Epidemiology, Harvard School of Public Health,

Boston, Massachusetts

  1. Physical Activity/Exercise and Type 2/Diabetes. A consensus statement from the American

Diabetes Association. RONALD J. SIGAL, MD, MPH GLEN P. KENNY, PHD DAVID H.

WASSERMAN, PHD CARMEN CASTANEDA-SCEPPA, MD,

PHD5RUSSELD.WHITE,MD

  1. Seven days of aerobic exercise training improves conduit artery blood flow following

glucose ingestion in patients with type 2 diabetes. Catherine R. Mikus,1 Seth T. Fairfax,2

Jessica L. Libla,1 Leryn J. Boyle,1 Lauro C. Vianna,2 Douglas J. Oberlin,1 Grace M.

Uptergrove,3,5 Shekhar H. Deo,2 Areum Kim,2 Jill A. Kanaley,1 Paul J. Fadel,2,4 and John

  1. Thyfault1,3,5. Submitted 20 April 2011; accepted in final form 5 July 2011
  2. Optimizing the therapeutic benefits of exercise in Type 2 diabetes. Stephan F. E. Praet and

Luc J. C. van Loon Department of Movement Sciences, Nutrition and Toxicology Research

Institute Maastricht (NUTRIM), Maastricht University Maastricht, The Netherlands. J Appl

Physiol 103: 1113–1120, 2007.First published July 26, 2007;

  1. Multicomponent, home-based resistance training for obese adults with type 2 diabetes: a

randomized controlled trial. R C Plotnikoff, N Eves, M Jung, R J Sigal, R Padwal and N

Karunamuni. International Journal of Obesity 34, 1733-1741 (December 2010).

  1. Vegetarian diet-induced increase in linoleic acid in serum phospholipids is associated with

improved insulin sensitivity in subjects with type 2 diabetes. H Kahleova1, M Matoulek2, M

Bratova1, H Malinska1, L Kazdova1, M Hill3 and T Pelikanova1. Received 4 September

2012; Revised 12 April 2013; Accepted 15 April 2013.

  1. Avoiding hypoglycemia: a key to success for glucose-lowering therapy in type 2 diabetes.

Department of Clinical Sciences, Lund, Faculty of Medicine, Lund University, Lund,

Sweden. bo.ahren@med.lu.se. Epub 2013 Apr 24

  1. Modified minimal model for effect of physical exercise on insulin sensitivity and glucose

effectiveness in type 2 diabetes and healthy human. Laboratory for Theoretical and

Computational Physics, Physics Department, Faculty of Mathematical and Natural Sciences,

Bogor Agricultural University (IPB), Jalan Meranti, Building Wing S, 2nd Floor, Kampus

IPB Darmaga, Bogor, 16680, Indonesia, aguskartono70@yahoo.com. 2013 Apr 11.

  1. Insulin sensitivity not modulated 24 to 78 h after acute resistance exercise in type 2 diabetes

patients. Discipline of Exercise Sciences, School of Medical Sciences and Health

Innovations Research Institute, RMIT University, Melbourne, Australia.

brett.gordon@rmit.edu.au. Epub 2013 Jan 21.

  1. Regular Physical Exercise as a Strategy to Improve Antioxidant and Anti-Inflammatory

Status: Benefits in Type 2 Diabetes Mellitus. Edite Teixeira de Lemos, 1 , 2 Jorge Oliveira,

2 , 3 João Páscoa Pinheiro, 4 and Flávio Reis 1 ,*. Oxid Med Cell Longev. 2012: 741545.

Published online 2012 August 13. doi: 10

  1. Regular physical exercise training assists in preventing type 2 diabetes development: focus

on its antioxidant and anti-inflammatory properties. Teixeira-Lemos E, Nunes S, Teixeira F,

Reis F. Laboratory of Pharmacology and Experimental Therapeutics, IBILI, Medicine

Faculty, University of Coimbra, Portugal.

  1. Physical activity-induced improvements in markers of insulin resistance in overweight and

obese children and adolescents. Tompkins CL, Moran K, Preedom S, Brock DW.

Department of Rehabilitation and Movement Sciences, University of Vermont, 106 Carrigan

Drive, 310D Rowell, Burlington, VT 05405-0068, USA. Connie.Tompkins@uvm.edu.2011

May

  1. Exercise and type 2 diabetes: the American College of Sports Medicine and the American

Diabetes Association: joint position statement. Colberg SR, Sigal RJ, Fernhall B,

Regensteiner JG, Blissmer BJ, Rubin RR, Chasan-Taber L, Albright AL, Braun B;

American College of Sports Medicine; American Diabetes Association. 2010 Dec;

  1. Metabolic and cardiovascular effects of physical activity, exercise and fitness in patients

with type 2 diabetes. Universität Leipzig, Department für Innere Medizin, Klinik für

Endokrinologie und Nephrologie, Leipzig, Germany. bluma@medizin.uni-leipzig.de.

2010 May

  1. Exercise, fitness, and cardiovascular disease risk in type 2 diabetes and the metabolic

syndrome. Interdisciplinary Graduate Program in Nutritional Sciences, Department of

Epidemiology, University of Washington, Box 353410, Seattle, WA 98195, USA.

duncag@u.washington.edu. . 2006 Feb

  1. Effects of exercise and lifestyle modification on fitness, insulin resistance, skeletal muscle

oxidative phosphorylation and intramyocellular lipid content in obese children and

adolescents. McCormack SE, McCarthy MA, Harrington SG, Farilla L, Hrovat MI, Systrom

DM, Thomas BJ, Torriani M, McInnis K, Grinspoon SK, Fleischman A. Pediatr Obes. 2013

Jun 25. Program in Nutritional Metabolism and Neuroendocrine Unit, Massachusetts

General Hospital and Harvard Medical School, Boston, Massachusetts, USA; Division of

Endocrinology, Children’s Hospital Boston and Harvard Medical School, Boston,

Massachusetts, USA; Division of Endocrinology and Diabetes, Children’s Hospital of

Philadelphia, Philadelphia, Pennsylvania, USA.

  1. Exercise and Type 2 Diabetes Mellitus: Changes in Tissue-Specific Fat Distribution and

Cardiac Function. Jonker JT, de Mol P, de Vries ST, Widya RL, Hammer S, van Schinkel

LD, van der Meer RW, Gans RO, Webb AG, Kan HE, de Koning EJ, Bilo HJ, Lamb HJ.

2013 Jun 25.

  1. Mol Cell Endocrinol. 2013 Jun 20. pii: S0303-7207(13)00256-6.

doi10.1016/j.mce.2013.06.018. The role of weight loss and exercise in correcting skeletal

muscle mitochondrial abnormalities in obesity, diabetes and aging.Division of

Endocrinology and Metabolism, Department of Medicine, School of Medicine, University

of Pittsburgh, Pittsburgh, PA, United States.

  1. Postgrad Med. 2013 May;125(3):191-204. doi: 10.3810/pgm.2013.05.2668.Value and utility

of self-monitoring of blood glucose in non-insulin-treated patients with type 2 diabetes

mellitus. Texas Diabetes and Endocrinology, Austin, TX. tblevins@texasdiabetes.com.

  1. Impact of a self-care education programme on patients with type 2 diabetes in primary care

in the Basque Country. Gamboa Moreno E, Sánchez Perez A, Vrotsou K, Arbonies Ortiz JC,

Del Campo Pena E, Ochoa de Retana Garcia L, Angeles Rua Portu M, Piñera Elorriaga K,

Zenarutzabeitia Pikatza A, Urquiza Bengoa MN, Sanz Echave R, Méndez Sampedro T, Oses

Portu A, Gorostidi Fano L, Aguirre Sorondo MB, Rotaeche Del Campo R; Osakidetza

Active Patient Research Group. 2013 May 2

  1. Intensive weight loss intervention in older individuals: results from the action for health in

diabetes type 2 diabetes mellitus trial. Espeland MA, Rejeski WJ, West DS, Bray GA, Clark

JM, Peters AL, Chen H, Johnson KC, Horton ES, Hazuda HP; Action for Health in Diabetes

Research Group. 2013 May 13.

  1. Type 2 diabetes: an epidemic in children.Wilson V. Centre for Nursing and Healthcare

Research, University of Greenwich. drvwilson@gmail.com. 2013 Mar

  1. Effects of exercise training on quality of life, symptoms of depression, symptoms of anxiety

and emotional well-being in type 2 diabetes mellitus: a systematic review. van der Heijden

MM, van Dooren FE, Pop VJ, Pouwer F. Department of Medical and Clinical Psychology,

Center of Research on Psychology in Somatic Diseases, Tilburg University, PO Box 90153,

5000 LE Tilburg, the Netherlands. Epub 2013 Mar 23.

  1. Physical activity advice only or structured exercise training and association with HbA1c

levels in type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis. Umpierre D, Ribeiro PA,

Kramer CK, Leitão CB, Zucatti AT, Azevedo MJ, Gross JL, Ribeiro JP, Schaan

BD.Exercise Pathophysiology Research Laboratory, Hospital de Clínicas de Porto Alegre,

Porto Alegre, Brazil. 2011 May 4

  1. Volume of supervised exercise training impacts glycaemic control in patients with type 2

diabetes: a systematic review with meta-regression analysis. Umpierre D, Ribeiro PA,

Schaan BD, Ribeiro JP. Exercise Pathophysiology Research Laboratory, Hospital de

Clínicas de Porto Alegre, Rua Ramiro Barcelos 2350, Centro de Pesquisa Clínica-LaFiex,

Porto Alegre, RS, Brazil. daniel.umpierre@gmail.com. 2013 Feb

  1. Design of a family-based lifestyle intervention for youth with type 2 diabetes: the TODAY

study. J Obes (Lond). Author manuscript; available in PMC 2010 February 16. Published in

final edited form as: Int J Obes (Lond). 2010 February; 34(2): 217. Published online 2009

October 13. doi: 10.1038/ijo.2009.195

  1. Exercise prescription in the treatment of type 2 diabetes mellitus : current practices, existing

guidelines and future directions.O’Hagan C, De Vito G, Boreham CA. Academy of Sport

and Physical Activity, Sheffield Hallam University, Collegiate Crescent, Sheffield, S10

2BP, UK. c.ohagan@shu.ac.uk. 2013 Jan

  1. Diabetes em movimento(r) – community-based exercise program for patients with type 2

diabetes.Mendes R, Sousa N, Reis VM, Themudo Barata JL. Research Center in Sports,

Health Sciences and Human Development, University of Trás-os-Montes e Alto Douro, Vila

Real, Portugal. 2013 Jul;

  1. Nine months of combined training improves ex vivo skeletal muscle metabolism in

individuals with type 2 diabetes. Sparks LM, Johannsen NM, Church TS, Earnest CP,

Moonen-Kornips E, Moro C, Hesselink MK, Smith SR, Schrauwen P. Epub 2013 Mar 5.

  1. Metabolic effects of aerobic training and resistance training in type 2 diabetic subjects: a

randomized controlled trial (the RAED2 study). Bacchi E, Negri C, Zanolin ME, Milanese

C, Faccioli N, Trombetta M, Zoppini G, Cevese A, Bonadonna RC, Schena F, Bonora E,

Lanza M, Moghetti P. Department of Medicine, University of Verona, Verona, Italy. Epub

2012 Feb 16.

  1. Two weekly sessions of combined aerobic and resistance exercise are sufficient to provide

beneficial effects in subjects with Type 2 diabetes mellitus and metabolic syndrome. Fatone

C, Guescini M, Balducci S, Battistoni S, Settequattrini A, Pippi R, Stocchi L, Mantuano M,

Stocchi V, De Feo P. . Epub 2010 Feb 5.

  1. Physical activity, a key factor to quality of life in type 2 diabetic patients. Zanuso S,

Balducci S, Jimenez A.Department of Motor Science, University of Padua, Padua, Italy.

szanuso@gmail.com. . 2009 Sep;25

  1. Effects of aerobic exercise, resistance exercise or both, on patient-reported health status and

well-being in type 2 diabetes mellitus: a randomised trial. Reid RD, Tulloch HE, Sigal RJ,

Kenny GP, Fortier M, McDonnell L, Wells GA, Boulé NG, Phillips P, Coyle D. University

of Ottawa Heart Institute, 40 Ruskin Street, Ottawa, ON, Canada. breid@ottawaheart.ca.

Epub 2009 Dec 13.

  1. Diabetes: Exercise and type 2 diabetes mellitus—good for body and mind? Niels Jessen &

Laurie J. Goodyear. June 2010

  1. Diabetes: Exercise benefits in type 2 diabetes mellitus. Noël C. Barengo & Jaakko

Tuomilehto November 2012

  1. Resistance to type 2 diabetes mellitus: a matter of hormesis? Hubert Kolb & Décio L.

Eizirik March 2012

  1. Vegetarian diet-induced increase in linoleic acid in serum phospholipids is associated with

improved insulin sensitivity in subjects with type 2 diabetes. H Kahleova1, M Matoulek2, M

Bratova1, H Malinska1, L Kazdova1, M Hill3 and T Pelikanova1 1Diabetes Centre,

Institute for Clinical and Experimental Medicine, Prague, Czech Republic 2Charles

University, First Faculty of Medicine, Prague, Czech Republic. 3Institute of Endocrinology,

Prague, Czech Republic. Received 4 September 2012; Revised 12 April 2013; Accepted 15

April 2013

  1. Fitness, nighttime blood pressure and vascular ageing in type 2 diabetes Vasilios Kotsis and

Stella Stabouli. July 2011

  1. Effects of exercise and lifestyle modification on fitness, insulin resistance, skeletal muscle

oxidative phosphorylation and intramyocellular lipid content in obese children and

adolescents. McCormack SE, McCarthy MA, Harrington SG, Farilla L, Hrovat MI, Systrom

DM, Thomas BJ, Torriani M, McInnis K, Grinspoon SK, Fleischman A. 2013 Jun 25

  1. Low-intensity exercise reduces the prevalence of hyperglycemia in type 2 diabetes. Manders

RJ, Van Dijk JW, van Loon LJ. Department of Human Movement Sciences. NUTRIM

School for Nutrition, Toxicology and Metabolism, Maastricht University Medical Centre+,

Maastricht, The Netherlands. R.Manders@HB.unimaas.nl. 2010 Feb.

  1. Exercise and 24-h glycemic control: equal effects for all type 2 diabetes patients? Van Dijk

JW, Manders RJ, Canfora EE, Mechelen WV, Hartgens F, Stehouwer CD, Van Loon LJ.

Department of Human Movement Sciences, NUTRIM School for Nutrition, Toxicology and

Metabolism, Maastricht University Medical Centre+, Maastricht, The Netherlands.

2013Apr.

  1. Both resistance- and endurance-type exercise reduce the prevalence of hyperglycaemia in

individuals with impaired glucose tolerance and in insulin-treated and non-insulin-treated

type 2 diabetic patients. van Dijk JW, Manders RJ, Tummers K, Bonomi AG, Stehouwer

CD, Hartgens F, van Loon LJ. Department of Human Movement Sciences, NUTRIM

School for Nutrition, Toxicology and Metabolism, Maastricht University Medical Centre+,

PO Box 616, 6200 MD Maastricht, the Netherlands. 2012 May.

  1. Exercise therapy in type 2 diabetes: is daily exercise required to optimize glycemic control?

van Dijk JW, Tummers K, Stehouwer CD, Hartgens F, van Loon LJ. Department of Human

Movement Sciences, NUTRIM School for Nutrition, Toxicology and Metabolism,

Maastricht University Medical Centre+, Maastricht, the Netherlands. 2012 May

  1. The Influence of Hyperglycemia on the Therapeutic Effect of Exercise on Glycemic Control

in Patients With Type 2 Diabetes Mellitus. Thomas P. J. Solomon, PhD1,2; Steven K.

Malin, PhD3; Kristian Karstoft, MD1,2; Jacob M. Haus, PhD4; John P. Kirwan, Phd.

Published online July 1, 2013.

  1. Type 2 diabetes: an epidemic in children. Wilson V. Centre for Nursing and Healthcare

Research, University of Greenwich. drvwilson@gmail.com. 2013 Mar

  1. Exercise prescription in the treatment of type 2 diabetes mellitus : current practices, existing

guidelines and future directions. O’Hagan C, De Vito G, Boreham CA. Academy of Sport

and Physical Activity, Sheffield Hallam University, Collegiate Crescent, Sheffield, S10

2BP, UK. c.ohagan@shu.ac.uk. 2013 Jan.

  1. Exercise intervention in New Zealand Polynesian peoples with type 2 diabetes: Cultural

considerations and clinical trial recommendations. Sukala WR, Page RA, Rowlands DS, Lys

I, Krebs JD, Leikis MJ, Cheema BS. Institute of Food, Nutrition & Human Health, Massey

University, Wellington, New Zealand ; School of Health and Human Sciences, Southern

Cross University, Lismore, Australia. Epub 2012 Sep 9.

  1. Exercise prescription in the treatment of type 2 diabetes mellitus : current practices, existing

guidelines and future directions. O’Hagan C, De Vito G, Boreham CA. Academy of Sport

and Physical Activity, Sheffield Hallam University, Collegiate Crescent, Sheffield, S10

2BP, UK. c.ohagan@shu.ac.uk. 2013 Jan

  1. Physical activity and exercise for rehabilitation of type 2 diabetes. Geidl W, Pfeifer K.

Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg, Institut für Sportwissenschaft und

Sport, Abteilung Bewegung und Gesundheit, Erlangen. wolfgang.geidl@sport.unierlangen.de.

2011 Aug

  1. Physical activity advice only or structured exercise training and association with HbA1c

levels in type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis. Umpierre D, Ribeiro PA,

Kramer CK, Leitão CB, Zucatti AT, Azevedo MJ, Gross JL, Ribeiro JP, Schaan BD.

Exercise Pathophysiology Research Laboratory, Hospital de Clínicas de Porto Alegre, Porto

Alegre, Brazil. 2011 May 4

  1. Volume of supervised exercise training impacts glycaemic control in patients with type 2

diabetes: a systematic review with meta-regression analysis. Umpierre D, Ribeiro PA,

Schaan BD, Ribeiro JP. Exercise Pathophysiology Research Laboratory, Hospital de

Clínicas de Porto Alegre, Rua Ramiro Barcelos 2350, Centro de Pesquisa Clínica-LaFiex,

Porto Alegre, RS, Brazil. daniel.umpierre@gmail.com. 2013 Feb

  1. Glycaemic control is improved by 7 days of aerobic exercise training in patients with type 2

diabetes. Mikus CR, Oberlin DJ, Libla J, Boyle LJ, Thyfault JP. Department of Nutrition

and Exercise Physiology, 10A McKee, University of Missouri, Columbia, MO, 65211,

USA. Epub 2012 Feb 4.

Testi:

Dagli abissi allo spazio. (Ferretti-Capelli Aprile 2008)

Fisiologia umana (Sherwood L.2010)

Fondamenti di biochimica dell’esercizio fisico (Houston M.E. 2008)

Fisiologia dell’esercizio fisico e dello sport (Costill D.L. & Willmore J.H. 2005)