Paolo Evangelista

PERCORSO:
Paolo Evangelista già durante gli studi di Scienze Motorie era un buon giocatore di Football Americano, nel quale ha raggiunto la serie A, ed era un grande appassionato di break dance. In quel periodo, come molti suoi colleghi studenti, lavorava in palestra per mantenersi gli studi, facendo assistenza in sala pesi. La svolta avviene quando un giorno l’insegnante di aerobica della palestra fu assente e il proprietario chiese proprio a Paolo di sostituirlo, vista la sua attitudine dovuta alla passione per la danza. Da quella prima lezione arrivata casualmente è nata per Paolo Evangelista una grandissima passione per l’insegnamento di gruppo che lo hanno portato a diventare uno dei principali protagonisti italiani delle discipline legate al “groups exercises”.

Giacomo Catalani:
“Come nasce l’approccio positivo che ti contraddistingue?”

Paolo Evangelista:
“Credo che sia importante tentare di costruire qualcosa sempre partendo dalla positività. Ne faccio in primis un discorso sociale: qualsiasi cosa si faccia è bello farla se sei in mezzo a persone che stanno bene, quindi cerco di riportare questa riflessione in quello che faccio sempre.

Sono convinto che tutti coloro che lavorano nel mondo delle Scienze Motorie svolgano un lavoro importantissimo per la qualità della vita delle persone perché il vero benessere sta nell’equilibrio psicofisico e invece troppo spesso viene sottovalutato l’aspetto fisico, quello che ti permette di avere un rapporto migliore con te stesso e con gli altri.

Non ho dubbi che l’ottimismo e la positività siano l’unico modo possibile per ottenere dei risultati, non conosco persone che siano riuscite a ottenere ciò che volevano, che siano contraddistinte da un approccio alla vita, che non sia positivo e ottimista. Essere ottimista non significa pensare che tutto vada sempre bene, significa osservare la realtà sempre in maniera costruttiva.”

Giacomo Catalani:
“Cos’è Effectifit?”

Paolo Evangelista:
“EffectiFit è un’attività di gruppo personalizzata in base al morfotipo e alla qualità del movimento di ogni partecipante. Credo sia una nuova interessante interpretazione dell’esercizio fisico. Il percorso che propongo con il corso permette alle persone di allenarsi in gruppo, ma con degli esercizi personalizzati in base alle proprie esigenze.

L’allenamento Effectifit prevede l’alternarsi di fasi cardio in gruppo a delle fasi di esercizi isotonici, basati sul morfotipo e alla qualità del movimento di ogni partecipante. Ognuno di noi ha delle caratteristiche morfologiche che ci rendono differenti gli uni dagli altri, quindi perchè allenarsi tutti allo stesso modo?”

Giacomo Catalani:
“Come è nato Effectifit?”

Paolo Evangelista:
“Dopo aver letto un articolo del Dottor Spattini sulle differenze morfologiche legate sia all’allenamento che agli approcci alimentari nella mia mente si è accesa una lampadina che ha fatto emergere una domanda tanto semplice quanto destabilizzante per uno come me che si era sempre occupato di attività di gruppo: ma se siamo tutti differenti, perché nel group exercise ci alleniamo tutti allo stesso modo?

Quello stesso giorno iniziai a documentarmi il più possibile sui morfotipi e la settimana seguente diedi il via alla sperimentazione della nuova disciplina, ancora senza un nome e un format ben preciso. Dopo aver perfezionato tutto il format con il mio team di sviluppo, a settembre dello scorso anno abbiamo iniziato a creare il nostro network. In poco tempo, soprattutto grazie al passaparola agevolato dal grande successo riscosso dai nostri programmi, il network è diventato in breve tempo piuttosto ampio e oggi stiamo collaborando con 28 centri in tutta Italia

In un istante il mondo del group fitness mi sembrò vecchio, nonostante le sue intramontabili e straordinarie qualità, come la motivazione prodotta dal gruppo, il contenuto ludico e la possibilità di mettere in moto un’unica “macchina da sudore”. In quel momento mi resi conto che nell’attività di gruppo tutti svolgono lo stesso esercizio nello stesso momento, senza alcuna personalizzazione e attenzione specifica da parte dell’istruttore.”

Giacomo Catalani:
“Qual è l’aspetto che più di altri sta determinando il successo di Effectifit?”

Paolo Evangelista:
“Sicuramente la possibilità che diamo alle persone di poter lavorare divertendosi, sapendo di avere a disposizione personal trainer che struttureranno i programmi in maniera personalizzata è ciò che rende Effectifit un corso di grande successo, in grado di aumentare da subito l’interesse verso i club ma soprattutto di fidelizzare la clientela in modo significativo.

Sappiamo tutti quanto contano le percentuali di turnover delle palestre e in questo senso i risultati che stiamo ottenendo con le nostre proposte sono davvero eccellenti. Il nostro obiettivo è di collaborare con i club in maniera sempre più importante. Stiamo infatti sperimentando in alcuni club  “boutique” delle soluzioni che portino il tasso di fidelizzazione vicino al 70% che è il massimo che si può ottenere.”

Visualizza il Profilo Professionale sul Registro Professionisti Scienze Motorie
Sito Professionale di Paolo Evangelista

Altri Articoli

Gli ultimi articoli nel mondo delle Scienze Motorie
sovrallenamento Sovrallenamento: cause ed effetti
Definizione della sindrome da sovrallenamento La sindrome da sovrallenamento, abbreviata anche con la sigla “OTS” (overtraining syndrome) è una risposta “maladattativa” dell’organismo a... Read more » ...
Rigidità articolare dell’anca
L’anca è l’articolazione tramite quale l’arto inferiore si congiunge al cingolo pelvico o bacino. È detta anche articolazione coxo-femorale poiché la testa del... Read more » ...
metodo emom Strategia di allenamento al femminile: metodo Emom
La sigla Emom in inglese significa “every minute on the minute”, tradotto “ogni minuto al minuto”. Questa strategia di allenamento si presenta come... Read more » ...
forza settore giovanile calcistico La forza nel settore giovanile calcistico
Allenare la forza nei giovani atleti? I dibattiti al riguardo, nel corso degli ultimi anni, sono stati molto frequenti. È bene propendere per... Read more » ...
Scoliosi e respirazione diaframmatica
La scoliosi è una curva tridimensionale anomala del rachide caratterizzata da un movimento di torsione vertebrale e una riduzione delle curve sagittali. È... Read more » ...
biomeccanica bluff Il grande bluff della Biomeccanica – Parte 2
In un precedente articolo abbiamo esaminato gli errori concettuali che portano ad usare in maniera errata il termine Biomeccanica. In questo articolo analizziamo... Read more » ...