Nicoletta Tinti

FORMAZIONE:
Nicoletta Tinti, atleta di ginnastica ritmica, ha partecipato alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996, cofondatrice della Compagnia InOltre, ingegnere civile
PERCORSO:
Atleta di ginnastica ritmica, ha partecipato alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996, perchè e come ci si prepara durante 4 anni di allenamenti estenuanti per 5 minuti di gara. Oggi cofondatrice della Compagnia InOltre, Nicoletta non si è mai fermata e continua a stupire il mondo.

Nicoletta Tinti ha iniziato il suo percorso nello sport indirizzata fin da piccola dai genitori, convinti dell’importanza dell’attività fisica nella crescita dei bambini. All’età di 9 anni ha conosciuto la ginnastica ritmica alla quale si è appassionata e che ha continuato a praticare anche nell’adolescenza. All’età di 14 anni è stata convocata dalla Nazionale di Ginnastica Ritmica. Si trasferisce dunque a Milano, abbandonando uno stile di vita di un comune adolescente, praticando fino ad 8 ore di allenamento giornaliero in palestra e continuando il percorso scolastico.

In questo periodo di grandi sacrifici ha preparato l’esperienza sportiva più significativa che sono le Olimpiadi di Atlanta nel 1996 a cui ha partecipato insieme alle compagne della Nazionale, senza riuscire però a raggiungere la finale a 6.

Tornata dall’esperienza olimpica, Tinti ha preferito lasciare la ginnastica, per proseguire l’obiettivo della laurea in ingegneria civile, sogno che coltivava sin da bambina, così si trasferisce a Firenze, ma il bisogno di confrontarsi comunque con un’attività fisica si riaccende in lei per tanto decide di avvicinarsi alla danza, un’altra esperienza che le ha permesso di crescere ulteriormente e di provare tantissime emozioni. Fino a quando nel 2008 appunto ha dovuto scontrarsi con la problematica precedentemente citata, ponendola di fronte a nuovi obiettivi senza sconforto grazie alle esperienze nello sport.

Altri Articoli

Gli ultimi articoli nel mondo delle Scienze Motorie
psico-neuro-endocrino-immunologia Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia: PNEI

La Psico Neuro Endocrino Immunologia (PNEI) studia le reciproche interazioni tra sistema nervoso, sistema endocrino e sistema immunitario.

...
modello IZOF Il modello IZOF

Il modello IZOF (modello delle Zone Individuali di Funzionamento Ottimale) cerca di spiegare la prestazione sportiva dal punto di vista dell’atleta indagando le emozioni che garanti... ...

percezione dello sforzo fisico Percezione dello sforzo nell’attività fisica

La scala di percezione dello sforzo (Rate of Perceived Exertion, RPE), definita anche Scala RPE, o Scala di Borg è uno strumento ampiamente validato scientificamente per valutare la ... ...

Il sovrallenamento: un evento da considerare

La sindrome da sovrallenamento o overtraining lo possiamo definire come accumulo di stress derivante dall’allenamento che produce un decremento della performance a lungo termine... ...

Catene muscolari: definizione e tipologie

Le catene muscolari generano delle traiettorie di movimento abbastanza definite e caratteristiche che possono essere chiamate catene…

...
reactive strength index Reactive strength index: cosa è?

Il Reactive Strength Index (RSI) è un test di valutazione funzionale nato per valutare la capacità di forza reattiva, ossia la capacità di utilizzare il fisiologico ciclo di allung... ...