Mario Vella

Giacomo Catalani:
“Qual è stato il tuo percorso?”

Mario Vella:
“A 15 anni circa ho iniziato a fare sport in maniera abbastanza seria e questo è stato determinante. Per 20 anni sono stato un rugbista professionista a livello internazionale. Ho iniziato i miei studi accademici facendo ingegneria informatica poi, seguendo la mia passione, mi sono laureato in Scienze Motorie e subito dopo sono voluto diventare anche osteopata e chinesiologo. Ho fatto il personal trainer ed il preparatore fisico sportivo di molti atleti.

In maniera quasi casuale, ho scoperto l’EMS W-B Training: allenamento con elettrostimolazione muscolare integrale attiva. Era già diffusa in Germania ma era poco studiata e l’approccio degli studi in Italia era poco professionale.

La curiosità ed il forte interesse che questo allenamento aveva suscitato in me mi ha portato a viaggiare per approfondire il funzionamento dei macchinari, le professionalità coinvolte e le potenzialità dell’EMS Training. Il frutto della ricerca, pratica ed esperienza di anni è la mia rete di centri a marchio Bodytec Dammi Venti Minuti.

Conscio della necessità di formazione ed approccio professionale ho fondato e sono presidente della EMS Training Academy: la prima scuola di formazione per personal trainer con specializzazione in EMS Training riconosciuta dal CONI e a livello europeo rilascia la certificazione professionale EQF attraverso un prestigioso ente certificatore.

Sono stato anche promotore, organizzatore e moderatore del IV Simposio Internazionale di elettrostimolazione tenutosi per la prima volta in Italia, a Firenze, che ha visto la partecipazione di accademici di tutto il mondo. “

Giacomo Catalani:
“Cos’è esattamente l’elettrostimolazione integrata attiva?”

Mario Vella:
“È un mercato in pieno sviluppo, questa è un’opportunità unica per chi è stanco del fitness classico, ormai saturo in tema di proposte, e ripetitivo. Ne è una prova la situazione critica in cui versano la maggior parte delle palestre, serve un cambio di marcia, una nuova prospettiva economica.

Anni di esperienza sul campo hanno portato all’ideazione di un sistema del tutto innovativo: un device indossabile che permette di stimolare in maniera efficace e profonda più di 300 muscoli contemporaneamente durante un esercizio fisico attivo a corpo libero, che non necessita di alcun sovraccarico.

Da più di un decennio è una metodica ampiamente diffusa e apprezzata per la sua grande efficacia di applicazione che permette di ottimizzare notevolmente le tempistiche di utilizzo, evitando i rischi delle metodologie classiche che prevedono sovraccarichi, e permettendo così di lavorare agilmente anche in condizioni di “usura” finora proibitive per la maggior parte dei soggetti con un bacino d’utenza aperto ad oltre l’85% della popolazione. Questi grandi vantaggi la rendono oggetto di numerosi studi scientifici in svariati ambiti, dallo sportivo performante, al medico, fisioterapico, estetico, fino alla salute e al benessere.”

Giacomo Catalani:
“Come si svolgono le sessioni di allenamento con l’elettrostimolazione?”

Mario Vella:
“Mediamente durano intorno ai 20 minuti ma, oltre a essere uno slogan che ha un bel appeal commerciale, ha un significato importante perché la maggior parte degli studi scientifici concordano sul fatto che questo sia lo standard medio accettato dalla maggior parte dei soggetti che si avvicinano a questo metodo.

Avendo l’elettrostimolazione integrale un grosso impatto a livello neuromuscolare perché mi coinvolge più di 300 muscoli contemporaneamente. Sappiamo che con un allenamento classico ben fatto anche intenso possiamo coinvolgere 50/60/70 muscoli contemporaneamente, qui stiamo parlando di circa 300/320 muscoli contemporaneamente che lavorano in maniera intensa con un richiamo alla qualità di fibra nobile elevato quindi su certe frequenze di lavoro l’unità motoria firma bianca sono quelle che vengono stimolate maggiormente e quindi la sopportazione del soggetto medio è di standard intorno ai 20 minuti.”

Giacomo Catalani:
“A chi si rivolge questo tipo di allenamento?”

Mario Vella:
“L’elettrostimolazione integrale attiva è a disposizione della maggior parte della popolazione dandogli grandi vantaggi, perché stiamo parlando di vantaggi in termini di attivazione metabolica, di innalzamento del consumo calorico, del metabolismo basale e del miglioramento del mal di schiena. L’ 85% delle persone soffre o ha sofferto di mal di schiena nella propria vita, stiamo parlando del mal di schiena aspecifico che in realtà vuol dire tutto e niente però in queste tipologie di problematiche l’elettrostimolazione integrale attiva diventa un toccasana.

Ho gente a cui ho cambiato la vita personalmente attraverso questo metodo. Questo metodo mi ha totalmente cambiato la vita da quel famoso giorno nel 2013 in cui sono andato a vederlo per la prima volta. La mia schiena è migliorata e mi ha permesso di riallenarmi come prima.”

Visualizza il Profilo Professionale sul Registro Professionisti Scienze Motorie

Altri Articoli

Gli ultimi articoli nel mondo delle Scienze Motorie
sovrallenamento Sovrallenamento: cause ed effetti
Definizione della sindrome da sovrallenamento La sindrome da sovrallenamento, abbreviata anche con la sigla “OTS” (overtraining syndrome) è una risposta “maladattativa” dell’organismo a... Read more » ...
Rigidità articolare dell’anca
L’anca è l’articolazione tramite quale l’arto inferiore si congiunge al cingolo pelvico o bacino. È detta anche articolazione coxo-femorale poiché la testa del... Read more » ...
metodo emom Strategia di allenamento al femminile: metodo Emom
La sigla Emom in inglese significa “every minute on the minute”, tradotto “ogni minuto al minuto”. Questa strategia di allenamento si presenta come... Read more » ...
forza settore giovanile calcistico La forza nel settore giovanile calcistico
Allenare la forza nei giovani atleti? I dibattiti al riguardo, nel corso degli ultimi anni, sono stati molto frequenti. È bene propendere per... Read more » ...
Scoliosi e respirazione diaframmatica
La scoliosi è una curva tridimensionale anomala del rachide caratterizzata da un movimento di torsione vertebrale e una riduzione delle curve sagittali. È... Read more » ...
biomeccanica bluff Il grande bluff della Biomeccanica – Parte 2
In un precedente articolo abbiamo esaminato gli errori concettuali che portano ad usare in maniera errata il termine Biomeccanica. In questo articolo analizziamo... Read more » ...