Davide Antoniella, Laureato in Educazione Fisica, Osteopata, Preparatore Atletico professionista.

PERCORSO

Davide Antoniella è cresciuto in un ambiente contadino, dove il rapporto con il movimento era quotidiano e le abitudini di vita sempre molto sane. Giocare all’aperto, arrampicarsi, imitare i movimenti dei compagni o giocare con gli animali erano attività alla base di ogni giornata. Tutto questo lo ha avvicinato da sempre al suo desiderio di motricità.

Il professor Francesco Crescenti, insegnante di educazione fisica, è stato una delle persone più importanti per definire il percorso di Davide Antoniella, introducendolo nel mondo dello sport competitivo e coinvolgendolo con grande passione nella formazione sportiva.

Da quel momento Davide Antoniella ha conseguito un numero enorme di competenze e di esperienze che ne fanno un professionista poliedrico di grandissimo spessore.

Giacomo:
“Quale è la tua visione e come integrerai questa esperienza in Cina nel tuo lavoro”

Davide Antoniella:

“Non avevo una grande esperienza sul mondo orientale per cui ho accolto con gioia questa prima esperienza anche perché entri dentro un meccanismo abbastanza intenso della medicina orientale ma anche di tutte quelle che sono le abitudini, infatti ho allungato la mia permanenza facendo altri giri, sono passato anche da Pechino e adesso andrò a Hong Kong.

Effettivamente ho vissuto dei momenti abbastanza particolari che credo mi abbiano anche aperto un pò a quelle che sono delle visioni orientali della medicina orientale, quindi l’esperienza è stata abbastanza forte. Queste metodiche fanno parte proprio di tutte queste tradizioni e hanno una valenza storica per loro ma anche una valenza effettiva da un punto di vista pratico che solo se tu vedi riesci a comprendere in pieno.

Io ho ultimato da poco anche gli studi in osteopatia per cui alcune situazioni per me sono state anche abbastanza delucidanti e mi permetteranno di affrontare altre situazioni di approfondimento, vedere effettivamente come viene fatta l’agopuntura qui è sicuramente un’apertura mentale. Vedere anche come loro collegano poi tutte le altre loro metodiche di medicina orientale è stato molto interessante.

Sono ancora diciamo agli inizi perché non ho ancora un’esperienza tale da poter avere già una reale valutazione di tutto questo però ecco, è stata una grande gioia essere qui e anche uno stimolo ad approfondire tutto quello che ho fatto fino ad ora.”

Giacomo:
“Come hai vissuto l’esperienza con il dottor Zhou”

Davide Antoniella:

“Inizialmente hai comunque un po’ di scetticismo che è normale vista la nostra cultura occidentale così lontana da tutto questo. Se l’avessi visto solo la registrazione probabilmente avrei anche pensato che c’era il trucco. Poi ho visto e rivisto e dopo ho toccato con mano perché l’energia l’ho sentita nel momento in cui ho avuto dei trattamenti e lì è difficile capire… non è facile spiegare la sensazione…

Alcuni passaggi sono di fondamentale importanza e bisogna viverli perché raccontarli non basta e si rischia di fare più confusione. La trasmissione di energia è stata una delle cose che mi hanno maggiormente colpito e il fatto di averla fatta provare anche a mia figlia mi permette di dire che è davvero qualcosa di straordinario.”

Giacomo:
“Cos’è stata per te questa esperienza?”

Giulia Antoniella:

“è stata un’esperienza molto piacevole, bella e sicuramente indimenticabile, soprattutto perchè sono piccoline rispetto anche alle altre persone che l’hanno affrontata e sentire questa energia su di me che, quando te la raccontano, non ci credi completamente è incredibile. Non ti immagini che una persona attraverso neanche il contatto fisico riesca passarti queste energie vitali, come la definiscono.

L’esperienza è molto bella perché senti tipo un brivido che ti passa attraverso, come una carica. C’è un brivido che ho provato come fosse piacere, cioè sembrava che qualcuno cercasse di dare positività. “

 

SEGUI L’INTERVISTA COMPLETA NEL VIDEO QUI SOTTO.