Un nuovo studio mostra che le donne pesiste d’élite hanno la stessa quantità, e in alcuni casi anche di più, delle fibre muscolari necessarie per lo sport rispetto alle loro controparti maschili.

Queste “fibre a contrazione rapida” sono particolarmente adatte a movimenti veloci e potenti, come quelli necessari nei sollevamenti. Trovando che i maschi non hanno più fibre, lo studio, pubblicato il 27 marzo su PLOS ONE, aiuta a confutare uno stereotipo sulle atlete che si è protratto per anni.

Nonostante nessun dato di alto livello, la gente pensava che le donne avessero meno fibre a contrazione rapida e ciò è stato visto come una cosa negativa“, ha detto il professore di Kinesiology Assistente di Stato di San Francisco Jimmy Bagley, uno dei coautori dello studio. “Abbiamo dimostrato che non è vero.

Gli esseri umani hanno tre tipi principali di cellule muscolari (o fibre) e ciascuno ha una diversa varietà di una proteina chiamata catena pesante della miosina (“MHC”). Un tipo di fibre lente (ST), e due tipi di fibre veloci (FTA e FTX). La differenza tra le varie fibre, a livello microscopico, è determinata da una subunità della miosina, chiamata catena pesante della miosina (MHC, miosin heavy chain). Le fibre si differenziano per la percentuale dei vari tipi di MHC che contengono.

Le donne pesiste d'élite hanno la stessa quantità, e in alcuni casi anche di più, delle fibre muscolari necessarie per lo sport rispetto ai maschi

L’MHC è il “motore microscopico” che fa muovere i muscoli, spiega Bagley. I tipi di fibre umane comprendono MHC I (slow twitch), IIa (fast twitch) e IIx (super-fast twitch). Bagley e il suo team hanno analizzato le fibre muscolari da biopsie muscolari della coscia raccolte da sei atlete di livello mondiale / olimpionico, nove atleti di sesso femminile e sei atleti di livello nazionale durante i Campionati mondiali di sollevamento pesi del 2017 ad Anaheim, in California. Questi sollevatori di pesi avevano le fibre a contrazione più veloce (MHC IIa) mai riportate negli atleti (il 67% in media) e due delle donne di livello mondiale / olimpico avevano oltre l’85% di fibre a contrazione rapida, più di qualsiasi altro uomo.

Questi risultati suggeriscono che il calibro dell’atleta, l’esperienza di allenamento e la massa corporea determinano la percentuale di fibre a contrazione veloce più del sesso“, ha affermato Bagley. “Si pensava che il tipo di fibra fosse quello con cui sei nato, ma dimostriamo che non è così: la formazione ha un’enorme influenza“.

Alumna Kaylie Zapanta, che si è laureata con un master in kinesiologia nel 2017 e ha partecipato al sollevamento pesi a livello universitario, ha contribuito all’analisi delle fibre muscolari. Dice che mentre le donne differiscono dagli uomini in termini di ormoni e tipo di corpo, lo studio è cruciale nel mostrare che dal punto di vista del muscolo, le donne sono praticamente le stesse degli uomini.

Quando guardi il tessuto muscolare, non puoi davvero distinguere tra le fibre muscolari di un uomo e quelle di una donna“, ha detto.


Riferimenti:

  1. Nathan Serrano, Lauren M. Colenso-Semple, Kara K. Lazauskus, Jeremy W. Siu, James R. Bagley, Robert G. Lockie, Pablo B. Costa, Andrew J. Galpin. Straordinaria abbondanza di fibre a contrazione rapida nei sollevatori di pesi d’élitePLOS ONE , 2019; 14 (3): e0207975 DOI: 1371 / journal.pone.0207975