FORMAZIONE:
Carlo Spignoli è laureato in Scienze Motorie e Pedagogia

PERCORSO:
Carlo Spignoli fin da giovane è stato un ottimo atleta, a cominciare da quando praticava l’atletica leggera dove ha ottenuto risultati importanti nel mezzofondo. Il calcio è da sempre una sua grande passione ma vivendo i luoghi di montagna ha praticato anche l’arrampicata, la mountain-bike e si è spesso impegnato nel paracadutismo.

Seguendo la sua passione per lo sport Carlo va ad Urbino, dove si è iscritto all’ISEF. Avendo compreso in quell’esperienza della necessità che la mente debba aprirsi anche ad altri aspetti dell’attività sportiva, come quelli psicologici, alimentari, caratteriali, si è trasferito subito dopo il diploma a Trieste per laurearsi in pedagogia.

In questo periodo frequenta il corso per diventare allenatore di atletica leggera e maestro di arti marziali. Subito dopo è la volta del pallone: il corso a Coverciano per diventare preparatore atletico professionista e immediatamente dopo quello per allenatore di base UEFA A. Sono gli anni nei quali mette insieme tutte le sue conoscenze capendo che l’atleta è da seguire a 360 gradi.

Dopo aver iniziato con le giovanili del Cesena la sua carriera subisce una svolta quando Daniele Arrigoni lo chiama per essere il preparatore del Frosinone con il quale ottengono la promozione in C1. L’anno successivo, sempre con Arrigoni, ha lavorato a Cagliari e questo gli ha permesso di ricevere la chiamata negli anni successivi di tante squadre importanti con cui ha fatto esperienze di grande livello tra serie B e Serie A: Livorno, Bologna e Sassuolo.

Nel 2012 l’altra svolta determinante quando viene chiamato da Claudio Ranieri per andare ad allenare il Monaco, che, partendo dalla Ligue 2, è arrivato quest’anno a conquistare il titolo francese e una straordinaria semifinale di Champions League.

Dal Libro Scienze Motorie:
“La nostra vita credo debba essere costruita attraverso un arricchimento continuo che avviene solamente con le persone che lavorano, vivono e si misurano con noi e che migliorano insieme a noi…”

  • Ad
  • Ad