• Armando Caligaris


Nasce a: Loano (Savona)
Lavora a: Genova

 

PERCORSO DI FORMAZIONE

Facoltà di studio:
Università degli Studi di Genova

Titoli di Studio:
I.S.E.F.

Specializzazioni:
Preparatore atletico professionista federazione pallacanestro e calcio

Eventuali altre esperienze:
Psicomotricita’ funzionale. Mental coach (ottimizzazione delle risorse)

 

CARRIERA PROFESSIONALE

 

Sport Praticati:
Tennis

Esperienze Lavorative:
Scuola dell’infanzia e Primaria. Insegnante di tennis. Preparatore atletico basket (serie A dil.) e calcio (Genoa c.f.c.) Psicomotricista centro malati psichici gravi.

Attuale impiego:
Coordinatore area motoria della Scuola Calcio e prima fascia del settore giovanile Genoa C.F.C.

Eventuali competizioni o studi di ricerca a cui hai preso parte:
Pubblicazione di molti articoli su riviste specializzate (Scienza & Sport – Apport – Notiziario della Federazione Calcio) due libri: La Psicocinetica a scuola (Ed. Libriliberi Firenze) e Approccio Psicocinetico al calcio (Ed. Calzetti-Mariucci)


DOMANDE PERSONALI

Quali sono o quali sono stati i tuoi mentori?

  • Prof Jean Le Boulch padre della Psicomotricita’ funzionale
  • Prof Francesco Benso cattedra di Psicofisiologia Universita’ di Genova
  • Ogni individuo che ho incontrato sul mio cammino che mi ha coinvolto nella sua passione
  • I miei allievi (piccoli e grandi)

Quali testi di studio consigli?

Ne indico solo uno tra tutti: Verso una scienza del movimento umano (Jean Le Boulch 1971)

Quali sono le tue fonti di aggiornamento?

  • Convention con temi a me cari
  • Confronto con specialisti della materia
  • Canali on line (scienzemotorie.com tra tutti)

Cosa pensi delle Scienze Motorie oggi e cosa pensi dovrebbero essere in futuro?
Ad oggi gli operatori del ramo Scienze Motorie possono non avere nulla in comune. I campi di applicazione sono talmente vasti che è difficile rilevare una identità. Vecchio problema insoluto sta anche nella nomenclatura: Preparatore fisico, preparatore atletico, insegnante, educatore, personal trainer, tecnico, ecc..
Penso si debba creare una matrice olistica comune e poi definire meglio le varie specializzazioni.

 

“Gli occhi sono inutili se la mente è cieca”

 

 

GUARDA la 22° Puntata del Talk Show Scienze Motorie

 

 

  • Ad
  • Ad