I fattori di rischio

Cominciamo con il capire il perchè per alcuni determinati casi gli infortuni delle donne sono più frequenti. I fattori di rischio possono essere molteplici, innanzitutto differenziamo chi pratica sport a livello dilettantistico da chi lo fa a livello professionistico con le seguenti differenze:

Sport dilettantistico:

  • Frequenza allenamenti minore
  • Staff tecnici non sempre adeguati
  • Qualità del recupero inferiore
  • Stile di vita meno controllato
  • Motivazioni intrinseche (primarie)

 

Sport professionistico:

  • Frequenza allenamenti maggiore
  • Staff tecnici competenti
  • Attività di recupero mirate (fisioterapia, massaggi, riposo)
  • Controllo alimentazione
  • Motivazione intrinseche ed estrinseche (secondarie)

Per la nostra valutazione dobbiamo inoltre distinguere i fattori di rischio estrinseci (attrezzature, ambiente, esposizione) e fattori intrinseci  (caratteristiche fisiche e psicosociali.).

FATTORI ESTRINSECI:

 

Attrezzatura:

  • Elementi protettivi
  • Calzature
  • Attrezzi specifici

 

Fattori ambientali:

  • Tipologia e condizione della superficie di gioco
  • Condizioni atmosferiche
  • Orario di gara/allenamento

 

Esposizione al rischio

  • Tempo di gioco
  • Ruolo
  • Conoscenza dello sport e delle regole

 

FATTORI INTRINSECI:

 

Caratteristiche fisiche:

  • Età
  • Somatotipo
  • Caratteristiche antropometriche
  • Peculiarità biomeccaniche
  • Precedenti infortuni
  • Lassità legamentosa
  • Instabilità articolare
  • Allineamento delle estremità inferiori
  • Quadro ormonale

 

Caratteristiche psicosociali:

  • Stile di vita in fase scolare e pre scolare
  • Motivazioni

 

Per quanto riguarda i fattori estrinseci non ci sono sostanziali differenze tra maschio e femmine, mentre è nell’ambito dei fattori intrinseci che possiamo intervenire in maniera efficace in quanto si rilevano notevoli differenze rispetto ai maschi (Wilmore, Costill 2005):

  • Statura inferiore di 13 cm
  • Peso corporeo totale inferiore di 14-18 kg.
  • Massa magra inferiore 8-22 kg.
  • Massa grassa relativa superiore del 6%

 

Tabella 1 - Indici antroprometrici

Tabella 1: Indici antropometrici di atleti e atlete della stessa statura (178+-1,2cm) in età dai 18 ai 22 anni (Wilmore, Costill 2005).

 

Tabella 2 rischio donna

Tabella 2: I più importanti fattori fisiologici che influenzano le prestazioni di vertice e l’allenabilità.

 

Tabella 3 rischio donna

Tabella 3: Le differenze di Genere nel campo delle capacità motorie degli atleti e delle atlete.

 

Bibliografia:
JH Wilmore, DL Costill, P Bellotti, F Felici2005 – Calzetti Mariucci
Rivista Scuola dello Sport